Come leggere una tavola periodica

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La tavola periodica è stata ordinata per la prima volta dallo studioso e scienziato Mendeleev, il quale capì che gli elementi chimici avevano fra loro delle caratteristiche simili, e via via che studiava nuovi elementi, decise di accostarli per queste similarità, finché non ottenne il classico schema a colonne che tutti noi abbiamo visto nella nostra vita. Da allora, la tavola subì delle variazioni, che hanno più che altro confermato quanto intuito dal chimico russo nel 1869. Ma a cosa serve e come è possibile leggere una tavola periodica? Attraverso questa guida, apprenderete qualcosa in più su di essa e sulle sue potenzialità. Procediamo!

27

Occorrente

  • tavola periodica
37

Come prima cosa, l'importanza della tavola periodica nasce dalla necessità di catalogare ed elencare il gran numero di elementi chimici che a quel tempo erano stati scoperti, per avere una classificazione univoca a livello internazionale. Essa è strutturata da colonne che si intersecano formando una griglia. La sua organizzazione comprende colonne verticali detti "gruppi" a cui si aggiungono gli "elementi di transizione", ossia quelli che stanno tra la terza colonna (compresa) verticale e la dodicesima (compresa). Oltre a ciò, sono presenti i "periodi", rappresentati dalle colonne orizzontali. La tavola periodica riporta tutti gli elementi chimici conosciuti fino ad oggi e sono divisi in tre gruppi principali: metalli, non metalli e gas nobili.

47

In ogni quadretto della tavola, è possibile trovare un elemento chimico. Quello più piccolo è l'idrogeno con simbolo H dopodiché, in ordine di grandezza procedendo verso destra, troviamo l'elio (He), litio (Li), berillio (Be), boro (B) e cosi via. Nelle prime due colonne, troviamo i metalli alcalini e metalli alcalino terrosi. In ogni casella relativa ad un elemento, si trovano dei numeri e delle lettere, questi sono: il numero atomico, il peso atomico, la struttura atomica (composta da un numero, una lettera e in apice un'altro numero, ad esempio 1s1) ed infine il numero di ossidazione.

Continua la lettura
57

Successivamente, le lettere presenti in ogni "quadratino" si riferiscono al simbolo del nome dell'elemento (esempio: idrogeno, H; magnesio, Mg e così via). La tavola periodica dunque può essere letta in entrambi i sensi, sia in verticale che in orizzontale, non dimenticando ovviamente che ogni colonna o riga ha delle caratteristiche ben diverse. Ogni elemento chimico si ritrova in natura e anche nelle applicazioni industriali, per cui l'importanza di questa colonna è essenziale per chiunque si voglia accostare al mondo della chimica.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come memorizzare gli elementi della tavola periodica

Gli studenti che basano il proprio metodo di studio sulla comprensione del programma e del tema che viene trattato hanno difficoltà ad imparare a memoria. L'ostacolo più duro è costituito da quelle materie che sono ricche di formule che devono essere...
Superiori

Come leggere un libro per capirlo a fondo

Leggere un libro è certamente un'attività alla portata di tutti, dal più al meno istruito ma saperlo capire a fondo, certo è una faccenda diversa. Certi libri hanno infatti bisogno di una comprensione più profonda, capace di andare al di là della...
Superiori

Come Imparare A Leggere Meglio

Da molti leggere è considerato una vera e propria fatica e una persona su tre reputa che la lettura sia noiosa. Eppure quest'ultima apre le porte dell'intelletto. Grazie ad essa si diventa persone superiori per cultura. Tramite la lettura, senza lasciare...
Superiori

Come leggere in metrica un testo latino

Il latino viene considerato una lingua morta, eppure il suo studio, oltre ad essere molto interessante e affascinante, riesce ad aprire la mente come nessuna altra materia. Non per questo il liceo classico è ancora considerato una delle scuole migliori...
Superiori

Come leggere in metrica un testo in greco antico

La metrica studia la composizione di un testo poetico. Esso è un'opera in versi di cui l'autore vuole mandare un messaggio. Il verso è è una riga di un testo ed è formato da un dato numero di sillabe che sfociano in figure metriche. In questa guida...
Superiori

Come scegliere e leggere un libro senza annoiarsi

Per coloro che amano la lettura e sono curiosi di scoprire ogni volta qualche nuova storia, la scelta di un nuovo libro è molto importante. La lettura oltretutto è un'attività mentale davvero potente, in quanto aiuta ad apprendere e migliorare le nozioni...
Superiori

Come leggere il distico elegiaco

Il distico elegiaco è tra le forme metriche più importanti della poesia classica. Come suggerisce il nome, veniva impiegato soprattutto dai poeti elegiaci e dagli epigrammisti. Conoscere il distico elegiaco significa avere accesso a un'ampia fetta della...
Superiori

Come Leggere Le Isoipse Su Una Carta Geografica

Grazie a questa breve guida diventeremo estremamente esperti nella lettura delle isoipse su una carta geografica. Saper leggere le isoipse può darci indicazioni particolarmente utili sull'orografia del territorio che stiamo precisamente analizzando o...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.