Come leggere la tavola della distribuzione normale standardizzata

Tramite: O2O 19/09/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

La distribuzione normale assume un importantissimo ruolo e una funzione fondamentale nell'ambito della statistica e dei calcoli sulla probabilità. Infatti, la distribuzione normale, che è anche conosciuta con il nome di distribuzione gaussiana, rappresenta la principale distribuzione di probabilità delle variabili continue. Attraverso questa guida, semplice e rapida, potrete imparare come leggere la tavola della distribuzione normale standardizzata. Le indicazioni di lettura e calcolo che vi illustreremo saranno utili nel caso in cui sia necessaria l'esecuzione di esami o compiti particolari di statistica scolastica e universitaria. Andiamo quindi a vedere il procedimento corretto da adottare.

26

Tavola della distribuzione

Innanzitutto bisogna dire che la curva normale (la distribuzione) può essere letta in modo matematico attraverso una specifica formula. I due valori di riferimento per farlo sono la media e lo scarto, anche chiamato "deviazione standard". La media nella curva simmetrica della distribuzione normale corrisponde all'asse centrale di simmetria della curva stessa. Lo scarto o deviazione standard, invece, è dato dalla distanza tra la media (l'asse centrale) e il punto di flesso della curva, che sarebbe il punto in cui la curva cambia la sua stessa curvatura.

36

Tavola normale standarizzata

Leggere una tavola di una distribuzione normale standardizzata significa, dunque, individuare e calcolare i valori delle probabilità rispetto a dei precisi intervalli di valori, riportandoli all'interno di determinate tabelle. Gli obiettivi principali dei calcoli attraverso l'uso delle tavole di distribuzione normale standardizzata sono quello di osservare una variabile (tanto per fare un esempio pratico: un calcolo dei punteggi ottenuti da una classe di allievi a un test) attraverso il calcolo dell'area compresa tra due valori sulla curva e quello di calcolare l'intervallo tra due valori precisi. Una volta compresi gli obiettivi di tale lettura, le difficoltà nell'esecuzione del compito possono apparire minori e si può dare sin da subito un'applicazione pratica all'esercizio.

Continua la lettura
46

Imparare a leggere la tavola

Per imparare a leggere nella maniera corretta la tavola della distribuzione normale standardizzata è importante, come prima cosa, stabilire che cosa significa esattamente questa denominazione e qual è la sua utilità specifica nel campo della statistica. La distribuzione normale standardizzata è una delle distribuzioni normali principali, ossia una curva simmetrica che contiene tutta una serie valori particolarmente concentrati nella zona centrale della curva (la più alta) e meno concentrati lateralmente, alle estremità più basse della curva. Dunque, possiamo affermare che una distribuzione normale non è altro che un grafico che, mediante la rappresentazione della curva simmetrica, mostra l'andamento di una serie di valori. La distribuzione normale standardizzata funge quindi da tavola grafica per i calcoli della stima statistica delle probabilità e ha una grande utilità in questi campi.

56

Come si usano le tavole

Ecco come va letta la tavola, sulla prima colonna della tabella troviamo la cifra intera decimale del valore Z, la seconda cifra decimale va invece letta sulla prima riga. All'interno della tabella, nella casella corrispondente alla riga e alla colonna del valore di Z, si trova il valore dell'area sottesa alla curva.Le due tabelle che seguono ci danno due aree diverse: la tavola 1 ci da l'area oltre z, la Tavola 2, invece, ci dà il valore dell'area che va da 0 a z. Entrambe le tabelle ci forniscono il valore dell'area per metà curva.Le tavole per la distribuzione normale standardizzata sono: " T di student " e " X2 chi quadrato". La prima si usa per la costruzione a intervalli di confidenza per la media della popolazione con varianza ignota, la seconda per verifica di ipotesi sulla significatività di una variabile coinvolta in un modello di regressione.
Per leggere la " T di student ", sulla prima colonna si trovano i gdl (gradi di libertà ) della variabile e sulla prima riga le probabilità di interesse. Nella tabella invece si trovano i valori dei percentili della distribuzione in corrispondenza di varie combinazioni gdl /probabilità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come verificare che la distribuzione in una serie di dati sia normale

In moltissimi settori, dall'industria all'economia, fino ai molteplici esperimenti scientifici, occorre spesso effettuare dei test statistici. I test statistici sono spesso finalizzati alla verifica dell'aleatorietá dell'incertezza legata alle misure...
Università e Master

Come trovare un percentile da una distribuzione normale

Se dopo un test si vuole confrontare la propria attitudine rispetto agli altri studenti, il percentile consente di confrontare i numeri in un insieme di dati, i quali forniscono la percentuale di punti dati sotto un numero specifico. Se si è al 50°...
Università e Master

Come calcolare la distribuzione marginale

All'interno dei paradigmi di probabilità e di statistica, la distribuzione marginale è un sottoinsieme di una collezione di variabili causali la cui distribuzione di probabilità delle variabili vengono contenute all'interno del sottoinsieme stesso....
Università e Master

Come calcolare la tangente e la normale ad una curva

Calcolare la tangente e la normale ad una curva richiede specifiche competenze di base. Prima di introdurre l’argomento, dovete avere chiaro il concetto di curva.Si definisce curva una traiettoria definita da un oggetto puntiforme. L’oggetto si muove...
Università e Master

Come imparare a leggere le tavole statistiche

Grazie a queste informazioni che vi potrà fornire tale tutorial, relativamente a come imparare a leggere le tavole Statistiche, sarà veramente facile poter comprendere le tre variabili casuali maggiori, che sono la Normale espressa con la lettera "Z",...
Università e Master

Come leggere un bilancio d'esercizio

In questo momento risulta piuttosto difficile trovare un'occupazione lavorativa alle dipendenze ed alcune persone cercano quindi di avviare una società personale. Anche l'apertura di un'impresa richiede uno sforzo enorme, soprattutto in termini economici....
Università e Master

Come leggere il diagramma psicrometrico dell'aria umida

Il diagramma psicrometrico indica le proprietà dell'aria, calcolate in base alla pressione atmosferica normale. Per gli altri livelli di pressione, le correzioni devono essere applicate opportune correzioni. L'entalpia totale dell'aria viene calcolata...
Università e Master

Come leggere la scala di Beaufort

La scala di Beaufort fu inventata nel 1805 da un ammiraglio inglese per stabilire un linguaggio universale che consentisse a tutti i marinai di classificare la velocità del vento. Ancora oggi la scala viene utilizzata da chiunque si trovi in mare con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.