Come leggere la tavola della distribuzione normale standardizzata

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La distribuzione normale assume un importantissimo ruolo ed una funzione fondamentale nell'ambito della statistica e dei calcoli sulla probabilità. Infatti, la distribuzione normale, che è anche conosciuta con il nome di distribuzione gaussiana, rappresenta la principale distribuzione di probabilità delle variabili continue. Attraverso questa guida, semplice e rapida, sarà possibile imparare come leggere la tavola della distribuzione normale standardizzata. Le indicazioni di lettura e calcolo che vi illustreremo saranno utili nel caso in cui sia necessaria l'esecuzione di esami o compiti particolari di statistica scolastica ed universitaria. Andiamo quindi a vedere il procedimento corretto da adottare.

24

Conoscere la curva normale

Innanzitutto bisogna dire che la curva normale (la distribuzione) può essere letta in modo matematico attraverso una specifica formula. I due valori di riferimento per farlo sono la media e lo scarto, anche chiamato "deviazione standard". La media nella curva simmetrica della distribuzione normale corrisponde all'asse centrale di simmetria della curva stessa. Lo scarto o deviazione standard, invece, è dato dalla distanza tra la media (l'asse centrale) ed il punto di flesso della curva, ossia il punto in cui la curva cambia la sua stessa curvatura.

34

Leggere la tavola di distribuzione

Leggere una tavola di una distribuzione normale standardizzata significa, dunque, individuare e calcolare i valori delle probabilità rispetto a dei precisi intervalli di valori, riportandoli all'interno di determinate tabelle. Gli obiettivi principali dei calcoli attraverso l'uso delle tavole di distribuzione normale standardizzata sono quello di osservare una variabile (tanto per fare un esempio pratico: un calcolo dei punteggi ottenuti da una classe di allievi ad un test) attraverso il calcolo dell'area compresa tra due valori sulla curva e quello di calcolare l'intervallo tra due valori precisi. Un volta compresi gli obiettivi di tale lettura, le difficoltà nell'esecuzione del compito possono apparire minori e si può dare sin da subito un'applicazione pratica all'esercizio.

Continua la lettura
44

Comprendere i valori

Per imparare a leggere nella maniera corretta la tavola della distribuzione normale standardizzata è importante, come prima cosa, stabilire che cos'è esattamente la distribuzione normale standardizzata e qual è la sua utilità specifica nel campo della statistica. La distribuzione normale standardizzata è una delle distribuzioni normali principali, ossia una curva simmetrica che contiene tutta una serie valori particolarmente concentrati nella zona centrale della curva (la più alta) e meno concentrati lateralmente, alle estremità più basse della curva. Dunque, possiamo affermare che una distribuzione normale non è altro che un grafico che, mediante la rappresentazione della curva simmetrica, mostra l'andamento di una serie di valori. La distribuzione normale standardizzata funge quindi da tavola grafica per i calcoli della stima statistica delle probabilità e ha una grande utilità in questi campi.  

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la distribuzione di Maxwell nei gas perfetti

Il gas è uno stato della materia che si trova allo stato aeriforme ed a seconda dei casi vi sono delle velocità di movimento che esse possiedono. In base alla velocità ai può calcolare la quantità di molecole presenti in un determinato oggetto contenente...
Superiori

Il calcolo della distribuzione di Maxwell nei gas perfetti

La teoria cinetica descrive i gas perfetti come particelle, atomi e molecole costantemente in movimento. James Clerk Maxwell (1831-1879) studiò le velocità di queste particelle, intorno a quella quadratica media. Nel 1859, con un calcolo esponenziale,...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: la curva di Lorenz

La curva di Lorenz è una rappresentazione grafica della funzione di distribuzione cumulativa della ricchezza; la curva di Lorenz viene utilizzata in economia. Questa curva è stata sviluppata da Max O. Lorenz nel 1905. Nel grafico viene mostrato la percentuale...
Superiori

Come calcolare mediana e moda in statistica

All'interno di questa guida andremo a sviluppare la tematica relativa alla statistica. Entrando nel dettaglio, come avete già avuto l'opportunità di intuire dal titolo, ci concentreremo su come si debba calcolare la mediana e la moda in statistica....
Università e Master

Come calcolare la distribuzione marginale

All'interno delle teorie di probabilità e di statistica, la distribuzione marginale è un sottoinsieme di una collezione di variabili causali la cui distribuzione di probabilità delle variabili vengono contenute all'interno del sottoinsieme stesso....
Università e Master

Come verificare che la distribuzione in una serie di dati sia normale

In moltissimi settori, dall'industria all'economia, occorre spesso effettuare dei test statistici. I test statistici sono spesso finalizzati alla verifica dell'aleatorietá dell'incertezza legata alle misure sperimentali. Infatti, se i dati hanno una...
Università e Master

Legge delle aspettative iterate: dimostrazione

La “legge delle aspettative iterate” è una legge della statistica (per variabili casuali doppie) che stabilisce la seguente affermazione: date due variabili casuali A e B, di cui almeno A sicuramente integrabile, si ha che la media di A equivale...
Università e Master

Come Calcolare Il Test Di Chi-quadro Di Un Insieme Di Valori

Grazie al test si chi-quadro potete verificare una specifica ipotesi. Si tratta di un test usato in particolar modo nella statistica. Grazie a questo test possiamo verificare se la differenza tra le percentuali è un caso oppure no. In caso venga dimostrato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.