Come leggere il distico elegiaco

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il distico elegiaco è tra le forme metriche più importanti della poesia classica. Come suggerisce il nome, veniva impiegato soprattutto dai poeti elegiaci e dagli epigrammisti. Conoscere il distico elegiaco significa avere accesso a un'ampia fetta della poesia greca e latina. Dopo questa breve introduzione, vediamo come leggere il distico elegiaco.

25

La struttura

La struttura del distico elegiaco è molto semplice. La parola "distico" significa letteralmente "doppio verso". L'unità metrica del distico elegiaco è infatti composta da due versi distinti: un esametro e un pentametro. Per imparare a leggere il distico elegiaco, è dunque necessario saper leggere entrambe le forme metriche.

35

I termini base

Prima di spiegare l'esametro e il pentametro, è bene chiarire i termini base della metrica classica. Il "piede" è l'unità metrica di base. Ogni piede è composto da due parti: "arsi", cioè la vocale dove cade l'accento, e "tesi", cioè la vocale non accentata. Più piedi formano un verso. Esistono vari tipi di piede: un "dattilo" è composto da una vocale lunga seguita da due brevi; uno "spondeo" è formato da due vocali lunghe; un "trocheo" è dato da una vocale lunga e una breve. Si ricordi che l'accento cade sempre sulla prima vocale lunga, mai sulla breve. La "cesura" è una sorta di pausa che taglia il verso; le parti in cui un verso viene tagliato si chiamano "emistichi". Il pentametro e (quasi sempre) l'esametro vengono tagliati a metà: in questo caso, la cesura assume il nome di "pentemimere" o "semiquinaria".

Continua la lettura
45

L'esametro

Come ci suggerisce il nome, l'esametro è composto da sei piedi. Teoricamente, si tratta di cinque dattili più uno spondeo o un trocheo finale. In realtà, i primi quattro dattili possono essere sostituiti con degli spondei, in base al gusto del poeta; il quinto piede, invece, è quasi sempre un dattilo. Il trocheo o lo spondeo in finale di verso è invece una costante, quindi l'ultima vocale dell'esametro non è mai accentata. Solitamente, la cesura dell'esametro è una pentemimere, quindi cade subito dopo la terza arsi del terzo piede dividendo il verso a metà (3+3); ne consegue che la prima vocale dopo la cesura non è mai accentata.

55

Il pentametro

Il pentametro ha una struttura molto più semplice rispetto all'esametro. Nonostante il nome, è anch'esso composto da sei piedi e il verso risulta sempre perfettamente diviso a metà da una cesura pentemimere (3+3). Il primo emistichio corrisponde di fatto all'emistichio pentemimere di un esametro: due dattili o due spondei, più l'arsi del terzo piede. Il secondo emistichio, invece, presenta sempre due dattili, più l'arsi finale dell'ultimo piede. Quindi, a differenza dell'esametro, nel secondo emistichio la prima e l'ultima vocale risultano sempre accentate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Imparare A Leggere Meglio

Da molti leggere è considerato una vera e propria fatica e una persona su tre reputa che la lettura sia noiosa. Eppure quest'ultima apre le porte dell'intelletto. Grazie ad essa si diventa persone superiori per cultura. Tramite la lettura, senza lasciare...
Superiori

Come leggere in metrica un testo latino

Il latino viene considerato una lingua morta, eppure il suo studio, oltre ad essere molto interessante e affascinante, riesce ad aprire la mente come nessuna altra materia. Non per questo il liceo classico è ancora considerato una delle scuole migliori...
Superiori

Come leggere una tavola periodica

La tavola periodica è stata ordinata per la prima volta dallo studioso e scienziato Mendeleev, il quale capì che gli elementi chimici avevano fra loro delle caratteristiche simili, e via via che studiava nuovi elementi, decise di accostarli per queste...
Superiori

Come leggere in metrica un testo in greco antico

La metrica studia la composizione di un testo poetico. Esso è un'opera in versi di cui l'autore vuole mandare un messaggio. Il verso è è una riga di un testo ed è formato da un dato numero di sillabe che sfociano in figure metriche. In questa guida...
Superiori

Come scegliere e leggere un libro senza annoiarsi

Per coloro che amano la lettura e sono curiosi di scoprire ogni volta qualche nuova storia, la scelta di un nuovo libro è molto importante. La lettura oltretutto è un'attività mentale davvero potente, in quanto aiuta ad apprendere e migliorare le nozioni...
Superiori

Come Leggere Le Isoipse Su Una Carta Geografica

Grazie a questa breve guida diventeremo estremamente esperti nella lettura delle isoipse su una carta geografica. Saper leggere le isoipse può darci indicazioni particolarmente utili sull'orografia del territorio che stiamo precisamente analizzando o...
Superiori

Come leggere i voti sul registro elettronico

La tecnologia fornisce degli strumenti, dei mezzi utilissimi per facilitare la vita di ogni giorno. Oramai sono davvero in pochi a rinunciare alle comodità tecnologiche. I progressi dell'ultimo secolo sono enormi e riguardano ogni settore professionale...
Superiori

Come leggere il diagramma HR

La massa di una stella ed il suo percorso evolutivo possono essere calcolati attraverso il rapporto presente tra due grandezze fisiche: luminosità e temperatura. Durante la loro vita, infatti, le stelle si trasformano a seconda del percorso dipeso dalla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.