Come intervenire in una baruffa tra bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Spesso può accadere che dei bambini inizino a litigare fra di loro, magari a scuola o all'oratorio, oppure in casa e non sempre è facile trovare il modo giusto per separarli senza provocare loro un trauma e capire la dinamica che ha portato allo scatenarsi della baruffa in modo tale da poter poi chiarire il fatto con loro al fine di spiegare a ciascuno le proprie responsabilità ed insegnargli che questi comportamenti sono sbagliati. Vediamo allora come è possibile intervenire.

28

Occorrente

  • Calma, pacatezza, fermezza ed imparzialità.
38

La prima cosa da fare è richiamare l'attenzione dei bambini coinvolti nella baruffa. Non è ancora il momento di intervenire, ma solo il fatto di sentirsi chiamati, possibilmente con il loro nome, produrrà l'effetto di interrompere immediatamente il litigio e porrà in essere le basi per il dialogo, la comprensione e la riconciliazione.

48

Il secondo passo, una volta richiamata l'attenzione dei bambini, è quello di interrompere la baruffa, separandoli. La separazione però, dato che si tratta di bambini piccoli, deve essere fatta in modo non violento, per evitare di provocare loro un trauma. Magari si potrà richiamare l'attenzione di uno dei litiganti ed invitarlo ad allontanarsi un pochino, con un semplice richiamo a voce. Se poi però i bambini non dovessero ascoltarti, a quel punto si potrà prendere delicatamente la mano di uno di loro ed invitarlo ad allontanarsi.

Continua la lettura
58

Ora che la baruffa è stata interrotta e si sono calmati un po' gli animi, bisogna ricostruire l'accaduto e comprendere il motivo della discussione. È importantissimo in questa fase dare a ciascuno la possibilità di esprimersi con calma e raccontare la propria versione dei fatti. Talvolta in questa fase può accadere che i bambini ricomincino a litigare, magari perché l'uno vuole prevalere sull'altro senza rispettare il proprio turno per parlare, o perché l'uno prova ancora rancore verso l'altro. Allora bisognerà insegnare loro a saper rispettare ognuno il proprio turno, rassicurandoli del fatto che tutti avranno la possibilità di esprimersi ed essere ascoltati.

68

Una volta compresa la dinamica della discussione, sarà opportuno sdrammatizzare quanto accaduto spigando ai bambini che a volte si può discutere per vari motivi ma che bisogna farlo in modo educato e nel rispetto degli altri, senza mai finire con l'azzuffarsi. Questo sarà per loro un occasione di crescita e di maturazione. A questo punto, l'adulto dovrà aiutare i bimbi a fare la pace, invitando chi sta nella parte del torto a chiedere scusa per il suo comportamento sbagliato e chi ha ricevuto l'offesa a perdonare e comprendere che tutti a volte possono sbagliare.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Siate pazienti e delicati nei modi e ricordate sempre che avete a che fare con dei bambini.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

La nascita della filosofia: dal Mythos al Logos

È accaduto in Grecia, attorno al VI secolo a. C., che per la prima volta l'uomo occidentale inizia ad affrontare un percorso mentale fatto di pensiero razionale, che provoca in lui quella che possiamo definire come la prima crisi esistenziale. L'uomo...
Superiori

Edgar Allan Poe: vita e opere

Edgar Allan Poe è stato uno scrittore e poeta statunitense. Famoso per le sue opere in prosa ed in versi, Poe si è validamente espresso anche come critico letterario, saggista, editore e giornalista. A lui vengono attribuite le invenzioni del romanzo...
Università e Master

Come sviluppare una tesi di laurea sperimentale

Dopo esservi sacrificati e rimboccati le maniche per tutto il vostro percorso di studi universitari, siete finalmente giunti al punto di stesura della tesi di laurea? Il passo conclusivo del vostro percorso universitario non è meno arduo e impegnativo...
Superiori

Come relazionarsi con i professori

Noi tutti, durante la nostra carriera scolastica, abbiamo avuto l' occasione di conoscere sia professori molto cordiali e aperti, con cui stringere un rapporto anche extrascolastico, sia professori chiusi mentalmente, con ancora la ferma convinzione che...
Elementari e Medie

Come esprimersi correttamente in italiano

Oggi come oggi l'italiano non viene più parlato e scritto in forma corretta, molto probabilmente perché si è diffuso, soprattutto tra i giovani il linguaggio degli sms e di internet ed anche perché leggere è diventata un'azione obsoleta, sostituita...
Elementari e Medie

Come affrontare il rientro a scuola dopo le vacanze estive

Le vacanze sono agli sgoccioli e i vostri bambini ancora devono abituarsi all'idea di dover tornare a scuola? In effetti le vacanze estive sono il periodo dell'anno preferito sia dai bambini che dagli adulti, poiché segnano la fine dell'anno scolastico...
Superiori

Leggi della dinamica: appunti

Tra le sottoclassi più affascinanti della fisica c'è senza dubbio la dinamica. Se la cinematica studiava il moto dei corpi rigidi, la dinamica si occupa invece delle cause che generano tali moti. Le cause che permettono ai corpi rigidi (cioè a corpi...
Elementari e Medie

I principali errori in un tema di storia

Quando si scrive su di un qualunque argomento non è mai così semplice come appare. Infatti capita molte volte di conoscere bene il fatto da descrivere, ma nel momento in cui le idee o i ricordi devono essere espressi con la scrittura, i dubbi e le incertezze...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.