Come insegnare ai bambini le tabelline

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Insegnare le tabelline ai bambini è spesso un incubo collettivo.
Nella quotidianità della vita spesso l'insegnamento delle tabelline è un momento di grande difficoltà e talvolta di tensione. Speso questo momento di insegnamento è anche a ridosso della fine di una giornata intensa e risente della stanchezza sia dei bambini che degli adulti. Questa è la fotografia che la vita di tutti i giorni spesso presenta. In questo contesto il bambino è stanco e l'adulto pure. L'apprendimento vissuto come "dovere" alimenta sempre sensazioni di peso e nel tempo altro non si crea se non una opposizione fra il momento del piacere (momento ludico) e quello del dovere (momento dello studio).

24

Gioco

I bambini amano giocare e continuamente apprendono tutto ciò che sta loro intorno. A prescindere che si dica loro: impara! Le tabelline altro non sono che una delle mille e innumerevoli informazioni che costantemente i bambini incamerano, elaborano e fissano nella memoria in assoluta continuità temporale. Ovvero sono spugne che continuano ad assorbire informazioni senza necessariamente studiare. L'informazione abbinata al piacere (gioco) ben dispone la memorizzazione e ne facilita l'assorbimento anche inconsapevolmente. È comune la percezione che l'informazione/studio quando abbinato ad un mero dovere e quindi contrapposta al piacere di imparare viene vissuta come cosa dovuta ma non piacevole. Nel tempo può anche diventare un problema.

34

Scrittura

Adottate la "chiave di ingresso" che il bambino preferisce e abbinate le tabelline. Es. Appendete un foglio ed usatelo come lavagna giocando a chi prima arriva scrive il numero, oppure scrivete i numeri e i risultati e facendogli abbinare numeri e il risultato.

Continua la lettura
44

Musica

La memorizzazione dei testi accompagnata da musica è facile e dura nel tempo. Bambini e ragazzi conoscono una montagna di canzoni a memoria che imparano senza alcuna fatica, con scioltezza estrema e velocemente. In aggiunta uno stornello ripetuto nel tempo non si dimentica. Inventate insieme a loro una filastrocca musicale o sostituite il testo di una canzone amata da loro con una tabellina. La ricorderanno nel tempo e facilmente la richiameranno alla memoria. Usate questo metodo anche per brani o poesie da memorizzare: è molto efficace, facile, veloce. Ogni numero avrà la sua canzoncina (tabellina dell'1, del 2, ..). Le canzoni si cantano ovunque anche passeggiando o sotto la doccia. Richiamatele più volte con scioltezza in qualsiasi momento della giornata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Strategie divertenti per insegnare le tabelline

Quando ci si trova per la prima volta a dover imparare le tabelline sembra una missione quasi impossibile. Eppure in un modo o nell'altro bisognerà superare questo scoglio apparentemente insormontabile, poiché tornerà utile nel proseguimento dell'istruzione...
Elementari e Medie

Imparare giocando: le tabelline

Le tabelline sono uno dei primi grandi ostacoli di tutti i bambini nei primi anni di scuola. Molti le imparano con facilità mentre per altri sono un argomento ostico e complesso. Tuttavia, più o meno amate che siano, le tabelline sono alla base di diversi...
Elementari e Medie

10 app per insegnare la matematica a bambini e ragazzi

Ai tempi di oggi anche l'insegnamento deve comunque collegarsi a qualcosa di più moderno e funzionale. È possibile infatti aiutare i bambini a capire una materia difficoltosa come la matematica attraverso l'utilizzo di alcune applicazioni molto utili....
Elementari e Medie

Come insegnare scienze ai bambini

È risaputo che i bambini generalmente apprendono piuttosto in fretta. È molto importante, dunque, offrire degli strumenti adatti alle loro relative esigenze. Così facendo questi potranno accrescere le proprie competenze fino all'età adulta. Questo...
Elementari e Medie

Come insegnare una lingua straniera ai bambini

Imparare una lingua straniera è utile sia agli adulti che ai bambini. Nei bambini è maggiormente utile non solo per il fine pratico, ma anche perché, imparare una lingua straniera, aiuta la concentrazione e permette un'apertura culturale verso gli...
Elementari e Medie

Come insegnare a riconoscere le monete ai bambini

Insegnare a riconoscere le monete ai bambini è un concetto che non è difficile da imparare. Capire il valore monetario è tutto ciò che ogni singola moneta o carta indica. Ogni paese insegna il sistema monetario che si riferisce alla propria vita....
Elementari e Medie

Come Insegnare La Ciclicità Del Tempo Ai Bambini

A cominciare dalla prima classe è necessario preparare i bambini con adeguate strategie, a comprendere che la successione di determinati eventi si ripete sempre. Tuttavia bisogna far capire che il giorno e la notte, i mesi dell'anno, i giorni della settimana...
Elementari e Medie

Come costruire la girandola delle tabelline

Una metodologia che funziona quando bisogna imparare le tabelline è l'utilizzo della girandola delle tabelline, in quanto essa riesce ad aiutare i bambini nella visualizzazione di una cosa che ai suoi occhi appare astratta. Nella guida che svilupperemo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.