Come Inoculare Una Colonia Batterica

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

In natura esistono moltissimi organismi microscopici e monocellulari, come i batteri, che apportano benefici all'organismo. I batteri sono organismi procarioti in grado di auto replicarsi, questa capacità è molto sfruttata negli studi di biologia molecolare. Ma come si crea un ambiente idoneo per inoculare, moltiplicare e far proliferare i batteri? E soprattutto, come possiamo procedere per prelevare una colonia batterica da una piastra di coltura? Scopriamolo leggendo questa guida!

27

Occorrente

  • Terreno LB
  • Puntali o stuzzicadenti sterili
  • Provette a vite da 15 ml
  • Centrifuga
37

Avrete bisogno di alcuni utensili specifici di un laboratorio, ossia una provetta da 15 ml, un po' di terriccio, un ago sterile, una centrifuga da laboratorio e un antibiotico dai quali i nostri batteri siano immuni. Prendete la provetta e versate 5 ml di terreno contenete l'antibiotico; munitevi di una piastra di coltura e, con un ago assolutamente sterile, "estraete" la colonia di vostro interesse e ponetela nella provetta con il terreno. Lavorate sempre in un ambiente privo di contaminazioni per evitare qualsiasi genere di problema: l'ideale è quello nel quale si lavora sotto una cappa sterile.

47

È consigliabile assicurarvi sempre delle condizioni dei filtri della cappa sterile altrimenti il micro-ambiente è assolutamente da non tenere in considerazione. Chiudete il tubo e fermate il tappo con un pezzettino di nastro adesivo; avvitate e svitate di circa mezzo giro il tappo a vite: è infatti importante che il tappo non sia completamente sigillato per consentire il passaggio dell'aria, fondamentale per la crescita di colture aerobiche. Incubate l'inoculo in camera di crescita overnight a 37°C a forte agitazione per consentire l'adeguata areazione.

Continua la lettura
57

Trascorso il tempo di incubazione della coltura, che ovviamente dipende dalla tipologia del batterio, estraete la provetta dalla camera e agitatela in modo da rimettere in movimento i batteri che tendono a rimanere sul fondo del tubo. Ovviamente preoccupatevi di controllare che la provetta sia perfettamente sigillata. A questo punto non vi resta che separare le cellule batteriche dal terriccio, che è stato il nostro mezzo di cultura. Per fare questo è sufficiente portare la provetta in centrifuga, a 12000 x G per 30 secondi e avrete così separato il batterio. Per estrarlo definitivamente prendete un foglio di carta assorbente e versiamo sopra il residuo della provetta in modo da far rimanere un pellet bianco, che altro non è che la vostra coltura batterica.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Assoluta sterilità.
  • Lavorate nei pressi di un becco bunsen o sotto cappa sterile
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Preparare Le Piastre Per La Semina Batterica

In campo biologico, replicare le cellule batteriche comporta grandi vantaggi. Ad esempio, trasformando un ceppo batterico si potranno isolare selettivamente i batteri con il plasmide da quelli senza. Inoltre, si possono distinguere quei batteri con il...
Elementari e Medie

Come Dimostrare La Digestione Ai Bambini

Insegnare qualcosa ai bambini non è per nulla semplice, è necessario avere molta pazienza e soprattutto un metodo semplice ma allo stesso tempo abbastanza efficace, in modo da insegnargli le varie materie facendoli contemporaneamente divertire. La digestione...
Università e Master

Come Conservare Le Cellule Competenti

Le cellule competenti sono indispensabili nel corpo umano, in quanto in grado di far penetrare del DNA al proprio interno, consentendo quindi di trasformarle. Tuttavia molte specie batteriche possono essere modificate anche artificialmente in laboratorio,...
Università e Master

Come effettuare il saggio dello specchio d'argento

In questo articolo vogliamo cercare di fornire un aiuto concreto a tutti quegli studenti che durante l'anno scolastico, dovranno studiare questo genere di argomento, in maniera tale da essere agevolati e più propensi all'apprendimento. Nello specifico...
Università e Master

Come effettuare l'esperimento di riconoscimento degli anioni

L'anione è un elemento chimico formato da degli atomi che hanno acquisito uno o più elettroni che l'hanno trasformato in uno ione negativo: infatti il loro nome deriva appunto dalla migrazione del loro anodo quando si trovano all'interno di un campo...
Superiori

Come identificare gli anioni e i cationi nelle soluzioni

In questa guida di carattere strettamente tecnico, ci preoccupiamo di analizzare alcune reazioni chimiche che si verificano in determinate soluzioni, a seconda dei reagenti che inseriamo. Inoltre, è possibile identificare alcune molecole che si vengono...
Università e Master

Appunti di biologia: le caratteristiche di asetticità

In questa guida vi offro alcuni appunti di biologia e per la precisione le principali caratteristiche di asetticità. I grandi medici come Galeno, Ippocrate e Celso non conoscevano il concetto di infezione, che nacque soltanto nel XIX secolo, ma conoscevano...
Università e Master

Come Effettuare Il Saggio Di Lucas

In chimica analitica classica ed organica, il saggio di Lucas è un saggio chimico per distinguere se un alcol incognito è primario, secondario o terziario. Il saggio funziona solo per gli alcoli a basso peso molecolare solubili nel reattivo di Lucas,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.