Come Individuare Una Epanadiplosi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

In questo articolo vedremo come individuare una epanadiplosi. Essa è una figura retorica di importanza enorme nella storia letteraria italiana. Difatti nonostante la sua semplicità estrema, ricorre in tanti autori del Belpaese e in opere di poesia numerose. Questo termine Epanadiplosi, significa letteralmente raddoppiamento dal greco antico. È una figura retorica, quasi uguale al circolo, dove una parola stessa inizia e finisce una frase, un verso, un periodo. La seguente espressione dimostra come funziona l'epanadiplosi, chiamata anche inquadramento oppure ciclo. In tale tutorial vi spiegheremo ad individuarla ed anche a non confonderla con una ripetizione banale, perciò, per sapere come individuare tale particolare figura retorica, proseguite con la lettura.

24

Tanti esempi esistono in poesia, però sfortunatamente, nella narrativa viene utilizzata poco.
Questo termine, oltre a sottolineare un concetto mediante la sua ripetizione, permette all'autore di circondare in modo grafico un brano dell'opera all'interno di una o più parole di rilevante significato.
Vi presentiamo prima di tutto la definizione di epanadiplosi: trattasi di una figura retorica che consiste nella ripetizione di una o più parole all'inizio ed in conclusione di una frase oppure di un verso. Vi diamo subito un esempio che vi chiarirà le idee: "Giorgio era sempre puntuale e non occorreva che lo aspettassi troppo. Veniva a casa quasi in silenzio e poi picchiava leggermente il battente, Giorgio." (in tal esempio sarà il nome "Giorgio" a ripetersi maggiormente).

34

La ripetizione serve a marcare l'importanza al soggetto di cui si parla, quindi a farlo stare sempre al centro dell'attenzione, cioè della scena, insistendo sul suo operato e sul suo carattere, nel caso. Possiamo dire per questo che l'epanadiplosi funziona bene nella poesia, dove i versi sono formati da poche parole: quella iniziale e nei pressi della finale, non dando fastidio ad incontrare vocaboli simili durante la lettura. Questo termine funziona anche nella narrativa dove, ci sia interesse, da parte dell'autore, sempre se si tratta di periodi più lunghi di quelli della lirica, a far riflettere il lettore sul concetto che sottintende alla parola usata doppiamente.

Continua la lettura
44

Infine vi presentiamo alcuni brevi esempi di epanadiplosi, che sono tratti dalla letteratura Italiana: "Rimanete, vi prego, rimanete / qui. Non vi alzate! Avete voi bisogno / di luce?" (G. D'Annunzio, La Sera). In questo verso D'Annunzio ricorre alla ripetizione di rimanete nel rispetto della mimesi del parlato.
Altro esempio è tratto da un verso di Francesco Petrarca, I 'vo pensando, e nel pensier m'assale: "Prendipartito accortamente, prendi". Come potrete notare facilmente, il verso di questa poesia del Petrarca inizia e finisce con la stessa parola che è "prendi": è evidente la marcatura forte che tale reiterazione esprime, quasi fosse una preghiera.
Vi sarà d'altronde chiaro come l'epanadiplosi permetta di focalizzare l'attenzione del lettore su un elemento ben definito, che sarà poi spesso (ecco un consiglio piccolo!) la chiave di volta per individuare il tema centrale dell'intera poesia. Anche in tal caso è chiarissimo come è presente l'intento dello scrittore nel collocare l'attenzione di chi legge, su una precisa azione. Quella che è inutile ripetere per commentare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Individuare Un Polisindeto

Per gli umanisti, ma anche per i semplici lettori, sapere come individuare un polisindeto è importantissimo, perché consente di cogliere degli elementi fondamentali che sono presenti in un qualsiasi testo. Il polisindeto è una figura retorica che incide...
Superiori

Come individuare un chiasmo

A scuola si possono spesso trovare molte difficoltà in alcune materie. La matematica, la fisica, la filosofia, la storia, ognuno ha la sua nemesi. In letteratura, una disciplina che spesso affascina molti, uno scoglio importante si trova quando, nell'analisi...
Superiori

Come Individuare Una Paragoge

La paragoge è una figura retorica molto ricorrente nella letteratura italiana pre-ottocentesca. Non si tratta solo di un semplice richiamo alla letteratura dell'antichità. La paragoge o epitesi, infatti, è molto attuale. Spesso non viene neppure riconosciuta....
Superiori

Come individuare un climax

Per colore che non lo sanno, la parola "climax" (per quando si parla di figure retoriche della lingua italiana e non soltanto) deriva dal greco e il suo significato è "scala". Perciò, in italiano lo usiamo disponendo gli elementi del discorso in base...
Superiori

Come Individuare Il Complemento Di Vocazione

La grammatica della lingua italiana è molto complessa, in quanto sono presenti oltre alle parti basi come il nome, gli articoli, agli aggettivi, anche i complementi; questi vengono analizzati durante l'analisi logica. Nell'analisi logica a differenza...
Superiori

Come Individuare Una Anastrofe

Per anastrofe si intende una figura retorica di inversione. Generalmente presente nei componimenti poetici, è soggetta a facile confusione. Si caratterizza però per alcune peculiarità. In tal senso, potrai distinguerla da altre assai simili, come l'iperbato....
Superiori

Come Individuare Una Metonimia

Lo studio delle figure retoriche a volte può in un certo qual modo nascondere non pochi ostacoli, Infatti non è inusuale confonderle. A tal proposito occorre studiare approfonditamente per poter essere padroni dell'argomento e soprattutto essere in...
Superiori

Come Individuare Una Sinestesia

Quando ci troviamo di fronte ad una sinestesia, staremo sicuramente parlando di una figura retorica tipica della letteratura italiana. Il termine "sinestesia", infatti, deriva dal greco "syn-aisthanestai", che riportato in italiano, sta a significare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.