Come individuare un troncamento

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Gentili lettori, all'interno della guida che vi state apprestando a leggere, andremo a parlare di lingua italiana. Specificatamente, questa volta, focalizzeremo la nostra attenzione sul troncamento, perché andremo sostanzialmente a capire come individuare un troncamento.
Spero che l'argomento piuttosto chiuso dal punto di vista argomentativo, non pregiudichi la scorrevolezza dei passi che seguiranno.
Ci porremo, dunque, questa domanda: come si fa ad individuare un troncamento?
Andiamolo immediatamente a scoprire.
Vi auguro una buona lettura.

27

Occorrente

  • Dizionario
37

Il troncamento in linguistica prende anche il nome di apocope ed è quel fenomeno nel quale sul finale di parola si ha l'annullamento di una sillaba intera o di un fono. Processi più o meno lunghi di evoluzione della lingua italiana o semplicemente l'esigenza di una modifica del finale di una parola all'interno di una frase per evitare una cacofonia, dettano questi cambiamenti. Un chiaro caso di apocope è portato da quelle parole di origine latina che nel corso dei secoli si sono viste tagliare la sillaba finale -te o -de. È questo il caso di città(de), virtù(te) o libertà(de) che oggi sono avvertite come forme normali e piene e non più tronche. Esistono anche i casi di alcune forme non solo pienamente accettate ma anche richieste nell'italiano parlato e scritto ma comunque considerate tronche. È il caso di bel (lo). Per questi motivi individuare un troncamento richiede una discreta conoscenza della lingua italiana.
Spesso l'apocope può essere confusa con l'elisione ma a togliere d'impaccio concorrono due regole che bisogna tenere sempre a mente: il troncamento non richiede mai l'apostrofo (tranne che per pochissime eccezioni.

47

Queste eccezioni alla reg>ola di base, richiedono l'inserimento di uno spazio fra la parola che segue e l'apostrofo stesso) mentre l'elisione ne impone la presenza; l'elisione compare solo davanti a termini che cominciano con una vocale a differenza dell'apocope che può comparire ovunque.
Come anticipato esistono alcuni casi nei quali il troncamento deve essere segnalato da un apostrofo. Les">ss="pas"> condizioni che devono sussistere per assistere alla presenza di un'eccezione di questo genere sono due e devono presentarsi contemporaneamente: la forma apocopata deve finire con una vocale; la vocale con la quale la parola termina non vuole nessun raddoppiamento della pronuncia della parola che segue.
Vi consiglio la lettura di questo link, anch'esso dedicato a come individuare un troncamento: http://www.treccani.it/enciclopedia/troncamento_(La_grammatica_italiana)/.

Continua la lettura
57

Questo raddoppiamento avviene invece in casi come: "andiamo a casa" o "che cosa". In questi due esempi è chiaro il rinforzamento nella pronuncia della "c" di "casa" e "cosa". Tornando al troncamento le parole che richiedono l'apostrofo sono mo' e po'. I grammatici soltanto in questi due casi si mostrano concordi nel ritenere che la presenza dell'apostrofo sia obbligatoria.
L'apostrofo è richiesto, ma non da tutti considerato obbligatorio, anche da alcune forme verbali imperative quali va' o di'. In questi casi la presenza dell'apostrofo è dovuta all'opportunità di non confonderle con parole o coniugazioni verbali simili quali va (egli va) o dì (termine che sta ad indicare il giorno). Altri termini meno frequenti o addirittura desueti che possono richiedere l'uso dell'apostrofo sono le forme marc' (che sta per avanti marc'), te' (che indica la forma imperativa tieni), va' (che sta per varda, forma antica e ormai dialettale di guarda), su' (che è una forma aulica una volta utilizzata da poeti e letterati di sui). Spero che questa guida su come individuare un troncamento vi sia stata utile.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'esercizio è sempre alla base di un corretto utilizzo della grammatica italiana, che alle volte può rivelarsi più complessa di quel che si pensa
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Grammatica italiana: i 10 errori più diffusi

La lingua italiana è una lingua in continua evoluzione, piena di insidie grammaticali che possono renderne difficile l'apprendimento, tanto per gli stranieri che si approcciano allo studio dell'italiano, quanto per tutti quei nativi che la grammatica...
Elementari e Medie

Regole d'uso dell'apostrofo

Utilizzare correttamente la lingua italiana è davvero molto importante. Bisogna rispettare tutte le regole grammaticali se si vuole scrivere e parlare bene questo linguaggio. Un uso corretto della lingua aiuta ad ottenere valutazioni positive in ambito...
Elementari e Medie

Lingua italiana: 10 regole da non dimenticare

La lingua italiana è una lingua complessa, ma molto affascinante. A detta di molti stranieri, produce un suono davvero soave tanto da renderne piacevole l'ascolto anche senza capire il significato delle parole. Purtroppo e troppo spesso, gli stranieri...
Elementari e Medie

I 10 errori grammaticali più comuni

La grammatica italiana, com'è noto, è tra le più complesse nel settore della linguistica. Per un madrelingua non dovrebbe essere difficile evitare alcuni errori ricorrenti. Eppure esistono tanti "scivoloni" fin troppo comuni. Alcuni di essi entrano...
Superiori

Grammatica italiana: gli errori più comuni

Lo studio della grammatica italiana, in alcuni casi, può rivelarsi complesso anche per chi è madrelingua. Basta pensare agli accenti, alle elisioni, ai troncamenti, alla coniugazione di alcuni verbi, alle regole grammaticali e alle loro eccezioni, che...
Elementari e Medie

Ortografia: l'uso corretto di accenti ed apostrofi

Come tutti noi ben sappiamo, l'ortografia e la grammatica italiana sono tra le più complesse che si conoscano, almeno all'interno dell'Unione Europea. L'italiano è una lingua difficile sia per gli stranieri, che per i piccoli italiani che affrontano...
Lingue

Come spiegare il genitivo sassone in Inglese

La scuola è un luogo fondamentale per potere apprendere al meglio le varie materie. Tra le materie che si studiano a scuola, troviamo l'italiano, la storia, la geografia, la matematica, la fisica, il diritto e le materie linguistiche. Tra le materie...
Lingue

Come usare il genitivo sassone

Attualmente per aver successo nella vita e nel lavoro oltre ad essere preparati nel proprio settore è necessario avere un minimo di esperienza. Le aziende ricercano personale che conosce almeno una lingua straniera per allargare il proprio raggio d'azione....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.