Come individuare un ossimoro

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il discorso è ricco di figure retoriche, artifici stilistici inseriti all'interno del discorso, che servono a creare un particolare effetto comunicativo ed emotivo. L'aggettivo "retorico" si riferisce infatti alla "ars oratoria", ovvero all'arte del dire, del parlar bene, in modo ornato e persuasivo. Nei successivi passaggi scopriremo come individuare, all'interno di una frase, uno di questi artifici comunicativi, l'ossimoro e come distinguerlo da altri procedimenti retorici.

24

Comprendere in cosa consiste l'ossimoro

Il primo passo è quello di comprendere bene in cosa consiste l'ossimoro e a cosa serve. Come per molti altri meccanismi letterari e retorici, gli ossimori sono utilizzati per una varietà di scopi. A volte sono usati per creare una sorta di dramma per scuotere emotivamente il lettore o l'ascoltatore, altre volte, invece, sono usati per fermare la persona, l'ascoltatore inducendolo pensare, che si tratti per ridere o per riflettere su una data informazione o concetto. Un famoso ossimoro è la frase "la stessa differenza". Questa frase si qualifica come un ossimoro perché le parole "stesso" e "differenza" hanno un significato completamente opposto. Pertanto, accostandoli in una frase, si produce un effetto sconcertante verbalmente, ma coinvolgente che induce alla riflessione.

34

Fare attenzione a non confonderlo

Bisogna fare attenzione a non confonderlo con la figura retorica dell'antitesi. Come nell'ossimoro, anche nell'antitesi vi è l'accostamento di concetti contrapposti, che acquistano rilievo grazie alla vicinanza e alla disposizione per lo più simmetrica, ma nell'ossimoro i termini sono associati all'interno di un'unica espressione. La grande incisività ed espressività degli ossimori è stata ampiamente sfruttata in passato, da scrittori e poeti di tutti i tempi, e lo è ancora oggi soprattutto per trovare titoli ad effetto, come ad esempio accade con il titolo della raccolta di poesie di Giuseppe Ungaretti, "Allegria di Naufragi" è un ossimoro in quanto il naufrago è colui che si salva dopo una tempesta e abbandona la propria nave, mentre l'allegria indica uno stato lieto, pacifico.

Continua la lettura
44

Comprendere come si forma

Secondo la definizione data da J. L. Borges, scrittore, saggista e poeta argentino (Buenos Aires 1899 - Ginevra 1986), "nella figura retorica chiamata ossimoro, si applica solitamente ad un aggettivo una parola che sembra contraddirla". Vediamo però, in modo più pratico, qualche ossimoro per comprendere meglio come si formano per poterli individuare facilmente in un testo o un discorso. Alcuni esempi di ossimoro sono:
- lucida follia
- silenzio assordante
- morti viventi
- chiaramente confuso
- dolce agonia
Alcuni esempi celebri di ossimoro, presenti nella letteratura italiana sono:
- tacito tumulto (Giovanni Pascoli)
- immoto andare (Eugenio Montale)
- viva morte (Francesco Petrarca)
- dilettoso male (Francesco Petrarca).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Individuare Un Polisindeto

Per gli umanisti, ma anche per i semplici lettori, sapere come individuare un polisindeto è importantissimo, perché consente di cogliere degli elementi fondamentali che sono presenti in un qualsiasi testo. Il polisindeto è una figura retorica che incide...
Superiori

Come individuare un chiasmo

A scuola si possono spesso trovare molte difficoltà in alcune materie. La matematica, la fisica, la filosofia, la storia, ognuno ha la sua nemesi. In letteratura, una disciplina che spesso affascina molti, uno scoglio importante si trova quando, nell'analisi...
Superiori

Come Individuare Una Paragoge

La paragoge è una figura retorica molto ricorrente nella letteratura italiana pre-ottocentesca. Non si tratta solo di un semplice richiamo alla letteratura dell'antichità. La paragoge o epitesi, infatti, è molto attuale. Spesso non viene neppure riconosciuta....
Superiori

Come individuare un climax

Per colore che non lo sanno, la parola "climax" (per quando si parla di figure retoriche della lingua italiana e non soltanto) deriva dal greco e il suo significato è "scala". Perciò, in italiano lo usiamo disponendo gli elementi del discorso in base...
Superiori

Come Individuare Il Complemento Di Vocazione

La grammatica della lingua italiana è molto complessa, in quanto sono presenti oltre alle parti basi come il nome, gli articoli, agli aggettivi, anche i complementi; questi vengono analizzati durante l'analisi logica. Nell'analisi logica a differenza...
Superiori

Come Individuare Una Anastrofe

Per anastrofe si intende una figura retorica di inversione. Generalmente presente nei componimenti poetici, è soggetta a facile confusione. Si caratterizza però per alcune peculiarità. In tal senso, potrai distinguerla da altre assai simili, come l'iperbato....
Superiori

Come Individuare Una Metonimia

Lo studio delle figure retoriche a volte può in un certo qual modo nascondere non pochi ostacoli, Infatti non è inusuale confonderle. A tal proposito occorre studiare approfonditamente per poter essere padroni dell'argomento e soprattutto essere in...
Superiori

Come Individuare Una Sinestesia

Quando ci troviamo di fronte ad una sinestesia, staremo sicuramente parlando di una figura retorica tipica della letteratura italiana. Il termine "sinestesia", infatti, deriva dal greco "syn-aisthanestai", che riportato in italiano, sta a significare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.