Come individuare un iperbato

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La parole iperbato deriva dal greco hypèrbation, che letteralmente significa"passato oltre", ed è una figura retorica di inversione, ovvero prevede un allontanamento di una parola da un'altra alla quale dovrebbe essere vicina. Questa figura retorica spesso trae in inganno gli studenti nel momento in cui si trovano di fronte a una verifica. L'iperbato, infatti, è molto simile all'anastrofe, ed è facile che il professore possa porre una domanda nella quale venga chiesto di operare la distinzione tra le due figure retoriche. Queste figure retoriche, infatti, hanno molto comune e, prestando un pizzico di attenzione in più, possiamo individuare, riconoscere e distinguere l'iperbato dall'anastrofe. Nei passaggi successivi di questa guida, a tale proposito, ci occuperemo di capire come bisogna procedere per poter individuare facilmente un iperbato.

25

La definizione di iperbato

Cominciamo subito col capire quella che è la definizione di iperbato: l'iperbato è una figura retorica che consiste nell'alterazione del naturale ordine delle parole, attraverso l'inserimento di un segmento di enunciato nella frase. In sostanza, si avrà un iperbato ogni volta che si riconoscerà la presenza, nella frase, di una semplice inversione, integrata dall'inserimento di un inciso. Facciamo un esempio, per chiarire meglio cosa sia un iperbato: "e'l vago lume oltra misura ardea di quei begli occhi" (F. Petrarca): il sintagma di quei begli occhi costituisce specificazione del primo 'l vago lume; di cui, dunque, dovrebbe essere immediato seguito. Invece, tra i due segmenti di frase, viene inserito un inciso, oltra misura ardea. Questo è un iperbato.

35

La differenza tra iperbato e anastrofe

L'iperbato come l'anastrofe, fa parte della categorie di figure retoriche di parola e di pensiero, ovvero quando le parole vengono disposte nel verso con una tecnica particolare (figure di parole) riproducendo degli speciali effetti. Ma la questione vera e problematica la troviamo nel momento in cui il professore potrebbe chiedere qual è la differenza tra iperbato e anastrofe. In questo caso sarà necessario quindi capire come individuare un iperbato senza poter sbagliare.

Continua la lettura
45

Esempi di iperbato e anastrofe

Dunque ricordatevi che: nell'anastrofe si ha semplicemente un inversione del naturale ordine delle parole, senza che alcun ostacolo si ponga tra queste. Per esempio in Leopardi: Allor che all'opre femminili intenta sedevi, assai contenta (Canti, A Silvia, 10-11). Nell'iperbato invece, come abbiamo notato in principio, tale inversione si realizza proprio in virtù di un ostacolo, di un inciso che si frappone tra i segmenti invertiti. Ad esempio: «[...] ma valida venne una man dal cielo, e in più spirabil aere pietosa il trasportò; » (Alessandro Manzoni, Il cinque maggio).

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitarsi nel capire le differenze tra iperbato e anastrofe

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Antologia: la poesia

"Non leggiamo o scriviamo poesie perché è carino. Noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana". Così dice ai suoi allievi il professor Keating nel "L'Attimo fuggente", esprimendo quel bisogno di poesia che è insito nell'essere...
Superiori

Come riconoscere le figure retoriche

Quando si ha poca dimestichezza con le figure retoriche puó risultare arduo identificarle. Se poi ci si ritrova a dover affrontare l'analisi formale di una poesia o un testo, pur riconoscendole, è facile confonderle. Impiegate in poesia ma anche in...
Elementari e Medie

Figure retoriche: che cosa sono e come usarle

Il retore romano Marco Fabio Quintiliano intendeva le figure retoriche come degli scarti rispetto al linguaggio comune. D'altro canto, non possiamo non convenire con Gérard Genette, secondo il quale il linguaggio comune è così zeppo di deviazioni che...
Elementari e Medie

Figure retoriche di significato

Le figure retoriche sono estremamente importanti ed abbastanza utilizzate per mettere in risalto un elemento del discorso stesso. Gli scrittori ed i poeti di tutti i tempi ne hanno fatto parecchio uso, e tutt'oggi a scuola s'insegnano e vengono studiate...
Lingue

Come fare la forma interrogativa in tedesco

Quando studiamo una lingua straniera, molto spesso incontriamo qualche piccola difficoltà a livello grammaticale. Soprattutto se ci avviciniamo allo studio delle lingue germaniche, troviamo delle regole abbastanza differenti da quelle della nostra lingua,...
Superiori

Come riconoscere un'epifora

La lingua italiana conta numerose regole grammaticali. Tra queste si riscontrano le figure retoriche. Per non fare confusione, si distinguono forme espressive sintattiche, sonore e di significato. L'epifora, desitio, reversio, conversio o epistrofe, appartiene...
Superiori

Come individuare un'anadiplosi

Le figure retoriche sono tutti quegli artifici discorsivi, sia scritti che orali, grazie ai quali un soggetto tenta di enfatizzare un concetto, una scena o un pensiero. L'anadiplosi (che deriva dall'antico greco e letteralmente vuol dire «duplicazione»)...
Elementari e Medie

Figure retoriche di suono

Quando si legge un testo, tanto più se si tratta di un testo in versi, non è importante solo quello che c'è scritto, ma anche come è scritto: no, non sto parlando di aulicità o correttezza grammaticale delle parole utilizzate, ma della loro musicalità....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.