Come individuare un climax

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per colore che non lo sanno, la parola "climax" (per quando si parla di figure retoriche della lingua italiana e non soltanto) deriva dal greco e il suo significato è "scala". Perciò, in italiano lo usiamo disponendo gli elementi del discorso in base un ordine che si basa sulla intensità crescente del loro significato. Se il climax è discendente si parlerà di anticlimax o climax discendente. In tale tutorial vi spiegheremo come individuare con facilità un climax. Buona lettura e buon lavoro!

25

Il climax dunque è una crescente di concetti e di vocaboli in gradazione

Il climax dunque è una crescente di concetti e di vocaboli in gradazione. Per esempio se citiamo questa frase: "quei sospiri, pianti, alti guai": si noterà come da un sospiro si passa al pianto aggravante finendo con la parola "guaio". Si parte concettualmente da una parola meno significativa ad una maggiormente incisiva ed importante. Essa fa parte delle figure di parola, quindi per individuare tale concetto, occorrerà fare parecchia attenzione all'utilizzo delle parole che ci si troverà davanti.

35

Per individuare il climax spesso occorre vedere la disposizione delle parole

Spesso per individuare il climax occorre vedere la disposizione delle parole. Queste ultime si susseguono come in un elenco. Vediamo tale esempio citato dal Pascoli: "la terra ansante, livida, in sussulto; il cielo ingombro, gravido, disfatto...". Potrete notare come l'uso degli aggettivi non siano casuali. La scelta è utile evidentemente all'aumento dell'intensità delle parole. La situazione della terra e del cielo viene descritta in crescendo, e per fare questo si usano vari aggettivi in fila. Esso sarà utile come elemento per l'individuazione di un climax, una serie di parole messe in fila e separate da virgole.

Continua la lettura
45

Vi proponiamo due esempi di Pascoli

Ora vi proponiamo un altro esempio sempre del Pascoli che andremo ad analizzare: "Del mare che sciacqua, stride, squilla, urla, rimbomba...". Qui potrete tranquillamente notare l'uso dei verbi, che sono in lista, ed anche separate da virgole che hanno un significato crescente in intensità. Per avere un quadro completo, potrete notare un esempio di climax discendente. Adesso vi faremo notare un altro esempio, sempre dal Pascoli e cioè: "E mi dicono Dormi!, mi cantano Dormi!, sussurrano Dormi!, bisbigliano Dormi!". Noterete qui, come dal dire, si passi al cantare, al sussurrare e poi al bisbigliare: è proprio presente l'impressione di una voce che diminuisce, affievolendosi.

55

Vi spieghiamo come potrete individuare da soli un climax

Individuare quindi un climax, con gli esempi che vi abbiamo fatto presente, non è difficile. Occorrerà capire bene il testo che si sta lavorando, notando lì dove un concetto, di genere qualunque, mediante l'uso di parole diventa via via maggiormente crescente o decrescente. L'impressione è proprio come quella di salire o scendere una scala: provateci anche voi stessi, e noterete che sarà facile comprendere come individuarlo. Proviamo insieme: "bruttino, brutto, bruttissimo, orrendo, mostruoso". Tale esempio semplicissimo, vi farà intuire come il climax vi potrà essere utile per far aumentare la tensione, arrivando ad un concetto per gradi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Individuare Un Polisindeto

Per gli umanisti, ma anche per i semplici lettori, sapere come individuare un polisindeto è importantissimo, perché consente di cogliere degli elementi fondamentali che sono presenti in un qualsiasi testo. Il polisindeto è una figura retorica che incide...
Superiori

Come individuare un chiasmo

A scuola si possono spesso trovare molte difficoltà in alcune materie. La matematica, la fisica, la filosofia, la storia, ognuno ha la sua nemesi. In letteratura, una disciplina che spesso affascina molti, uno scoglio importante si trova quando, nell'analisi...
Superiori

Come Individuare Una Paragoge

La paragoge è una figura retorica molto ricorrente nella letteratura italiana pre-ottocentesca. Non si tratta solo di un semplice richiamo alla letteratura dell'antichità. La paragoge o epitesi, infatti, è molto attuale. Spesso non viene neppure riconosciuta....
Superiori

Come Individuare Il Complemento Di Vocazione

La grammatica della lingua italiana è molto complessa, in quanto sono presenti oltre alle parti basi come il nome, gli articoli, agli aggettivi, anche i complementi; questi vengono analizzati durante l'analisi logica. Nell'analisi logica a differenza...
Superiori

Come Individuare Una Anastrofe

Per anastrofe si intende una figura retorica di inversione. Generalmente presente nei componimenti poetici, è soggetta a facile confusione. Si caratterizza però per alcune peculiarità. In tal senso, potrai distinguerla da altre assai simili, come l'iperbato....
Superiori

Come Individuare Una Metonimia

Lo studio delle figure retoriche a volte può in un certo qual modo nascondere non pochi ostacoli, Infatti non è inusuale confonderle. A tal proposito occorre studiare approfonditamente per poter essere padroni dell'argomento e soprattutto essere in...
Superiori

Come Individuare Una Sinestesia

Quando ci troviamo di fronte ad una sinestesia, staremo sicuramente parlando di una figura retorica tipica della letteratura italiana. Il termine "sinestesia", infatti, deriva dal greco "syn-aisthanestai", che riportato in italiano, sta a significare...
Superiori

Come Individuare Una Epanadiplosi

In questo articolo vedremo come individuare una epanadiplosi. Essa è una figura retorica di importanza enorme nella storia letteraria italiana. Difatti nonostante la sua semplicità estrema, ricorre in tanti autori del Belpaese e in opere di poesia numerose....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.