Come individuare le formule limite di una molecola

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

In chimica, viene definita con il nome di "ibrido di risonanza" una molecola la cui struttura reale è intermedia fra due o più possibili strutture di Lewis. Sappiamo infatti che le molecole sono originate dai legami che intercorrono fra gli atomi di cui essa è composta, i quali possono essere di diversa natura (per esempio singoli o doppi).  Nella realtà può però accadere che alcune molecole abbiano la possibilità di formare più di un'unica sequenza di legami come normalmente avviene, dando così origine a questo particolare tipo di struttura i cui legami, se verificati sperimentalmente risultano avere lunghezza a metà fra tutti quelli possibili. Vediamo quindi, attraverso quale procedimento teorico possiamo individuare le diverse formule limite di una molecola.

24

La prima cosa da fare per poter capire quali diversi possibilità vi siano per gli atomi della molecola a legarsi fra loro, è la rappresentazione della molecola tramite la struttura di Lewis. Questa consiste infatti infatti nel mettere in evidenza gli elettroni non condivisi dei vari atomi (i quali vanno solitamente rappresentati sotto forma di puntini o tratti nel caso di una coppia elettronica) mettendo in chiaro, di conseguenza, quali siano i legami possibili fra i vari atomi. Secondo la teoria dell'ottetto, infatti, due atomi si legano solo se riescono a condividere fra loro otto elettroni. A tal fine possono essere realizzati fondamentalmente legami semplici, doppi o dativi ed è proprio con tale tipo di connessioni che bisogna ottenere la molecola finale avente otto elettroni per ogni atomo.

34

Procedendo con tale rappresentazione, le formule limiti della molecola risulteranno in realtà intuitive. Nel tentativo di collegare fra loro gli atomi ci si accorgerà infatti della possibilità di molteplici combinazioni, le quali rappresentano proprio le differenti formule limite. Realizziamo quindi un esempio del ragionamento con una tipica molecola appartenente a questa categoria, ovvero l'ozono.

Continua la lettura
44

Essendo 6 gli elettroni di valenza dell'ossigeno, possiamo rappresentare i tre atomi attorniati da due coppi di elettroni e una coppia di elettroni spaiati. Bisogna ora andare per tentativi con il fine di collegare tutti e tre gli atomi in modo che ognuno di essi abbia 8 elettroni nello stato di valenza. Risulta evidente che non esiste la possibilità di creare dei legami singoli, in quanto si avrebbe la compartecipazione di un solo atomo e quindi 7 elettroni nello strato di valenza. È tuttavia possibile realizzare un legame doppio, che permetterà a due atomi di raggiungere la configurazione ideale. Resta quindi da sistemare il terzo atomo, il quale non potendo più condividere elettroni (essendo già stati tutti utilizzati) creerà un legame dativo con uno dei due atomi. Tale legame può però avvenire con entrambi gli atomi di ossigeno precedentemente collegati ed ecco,  quindi ricavate le due diverse formule di risonanza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Chimica: la teoria delle bande

La teoria delle bande riguarda il legame chimico presente nei metalli, elaborata in seguito alla teoria degli orbitali molecolari. Il legame metallico presenta un particolare interesse in quanto il reticolo cristallino di tali aggregati è tale da avere...
Superiori

Come determinare la carica poliatomica degli ioni

Nella nostra guida trattiamo un argomento di chimica molto interessante: come determinare la carica poliatomica degli ioni. La chimica è una branca delle scienze naturali che studia la struttura della materia e i cambiamenti di quest’ultima in funzione...
Superiori

Appunti di chimica

La chimica è la scienza che studia la composizione e le proprietà della materia.In particolare, si occupa di studiare le sue componenti microscopiche (atomi e molecole) e leinterazioni fra di esse sotto forma di reazioni chimiche. Due importanti branche...
Superiori

I legami chimici

I legami chimici sono forze di tipo elettrostatico che servono per tenere insieme atomi o molecole. Tale aggregazione è spontanea, in quanto gli atomi tendono a legarsi fra loro ogni qualvolta questo processo permette loro di ottenere una condizione...
Università e Master

Ricavare la forma di una molecola dalla sua formula di struttura

Se siamo degli studenti, ci sarà sicuramente capitato di trovarci a studiare qualche materia molto complicata e di non riuscire a comprendere perfettamente tutti gli argomenti trattati. In questi casi ci viene in aiuto internet, infatti ci basterà effettuare...
Superiori

Appunti di chimica: la teoria degli orbitali molecolari

Nel campo della chimica, la teoria degli orbitali molecolari permette di stabilire i legami che intercorrono tra le molecole e di determinarne la struttura molecolare. E’ bene ricordare che, nella meccanica quantistica, esistono due diversi principi...
Superiori

Chimica: il legame a idrogeno

La chimica è una scienza complessa ma fondamentale per conoscere come è fatto tutto ciò che circonda. La materia infatti è composta da atomi, ciascuno di essi elencato nella tavola periodica degli elementi, che si combinano a formare molecole tramite...
Università e Master

Chimica: idroborazione di un alchene

Nella chimica organica, moltissime sono le reazioni che coinvolgono gli alcheni. Tra di esse sono particolarmente importanti le reazioni di idratazione che li portano a reagire con diverse sostanze per formare degli alcol. L'idroborazione seguita da ossidazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.