Come Individuare Il Tenore In Ceneri Del Formaggio

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il formaggio è un goloso alimento a cui molti di noi non riescono a rinunciare. Sia esso fresco oppure stagionato, prevede diversi accorgimenti per una corretta conservazione. Se amate la buona cucina e siete intenditori di prodotti caseari, allora sicuramente vi starete chiedendo come si fa a individuare il tenore in ceneri del formaggio. Ebbene, in questa pratica guida cercheremo di capirlo.
Si tratta di un sistema facilmente applicabile alla stragrande maggioranza dei latticini, come ad esempio il formaggio fuso, la ricotta o la mozzarella. Per eseguire questa procedura, avrete bisogno della giusta attrezzatura. Dunque procuratevi una capsula di platino, una muffola o una bilancia analitica. Siete pronti? Possiamo cominciare!

27

Occorrente

  • Capsula di platino o quarzo dal diametro di 5 cm e l'altezza di 2,5 cm
  • Muffola
  • Bilancia analitica
  • Stufa
37

La primissima fase del nostro procedimento per individuare il tenore in ceneri del formaggio consiste nell'inserire una capsula di platino, con un campione, in una muffola. In alternativa, potremmo utilizzarne una in quarzo. Ciò che ha importanza è la buona riuscita del processo.
La temperatura della muffola non dovrà assolutamente superare i -25 gradi centigradi. Successivamente, estraiamo delicatamente la capsula in quarzo o platino e facciamola essiccare per alcuni minuti senza toccarla. Ora possiamo prendere la bilancia analitica e pesarci sopra il campione che intendiamo analizzare.
Se fin qui è tutto chiaro, possiamo passare allo step successivo.

47

Ora occupiamoci della parte più importante della nostra analisi per individuare il tenore in ceneri del formaggio. Apprestiamoci dunque a verificare il peso effettivo di una determinata quantità di campione che abbiamo collocato nella capsula, la quale dovrebbe corrispondere a circa "2 grammi e mezzo".
A seguire, riponiamo il campioncino all'interno di una stufa. Su quest'ultima, dovremo impostare una temperatura che non superi i 105 gradi centigradi. Successivamente, lasciamo il nostro campione da analizzare al caldo per un arco di tempo non inferiore alle quattro ore.

Continua la lettura
57

Adesso ci avvieremo verso la fase conclusiva della vostra osservazione. In questo frangente, cerchiamo di coprire in maniera opportuna la capsula con della carta da filtro del suo stesso diametro. Dobbiamo assolutamente fare in modo che essa risulti esente da qualunque tipo di cenere.
A questo punto, passiamo a carbonizzare a becco Bunsen. In questo modo consentireno al grasso di bruciarsi. Proseguendo, togliamo la capsula dalla muffola e lasciamo raffreddare il tutto in un essiccatore. Pesiamo il campione e infine ripetiamo la calcinazione per circa un quarto d'ora. Eseguiamo nuovamente la pesata, fino a che non otterremo un peso costante. In questo modo dovremmo riuscire ad individuare il tenore in ceneri del formaggio

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Rispettate i tempi di ciascuna fase.
  • Ripetete questo tipo di analisi con diversi prodotti caseari.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Determinare Le Ceneri Insolubili In Acido Cloridrico

L'acido cloridrico è un acido minerale forte, monoprotico, ed è il principale costituente del succo gastrico. L'acido cloridrico è uno dei liquidi più corrosivi esistenti, quindi deve essere maneggiato con attenzione. Merceologicamente al nome di...
Università e Master

Come individuare i termini maggiori, minori e medi di un sillogismo

Il padre della filosofia greca Aristotele, fu il primo a teorizzare il sillogismo, ossia un tipo di ragionamento dimostrativo che a partire da tre tipi di termini (minore, medio e maggiore) giunge a conclusioni logiche. Un sillogismo, secondo la logica...
Università e Master

Come Effettuare l'analisi dei polifenoli dell'olio extravergine di oliva

L'olio extravergine d'oliva, è il condimento più sano che esiste in natura. Difatti è consigliato ed inserito in tutti i piani alimentari, a scapito di altri meno nobili. Per altro, la nostra nazione ha il vanto di averne la maggiore produzione sia...
Università e Master

L'Italia nel dopoguerra

L'italia nel dopoguerra aveva le ossa rotte, molte città erano state danneggiate e per colpa dei bombardamenti e quasi tutto era stato distrutto, non funzionavano infatti ne le reti stradali ne quelle ferroviarie. Stesso discorso era per l'agricoltura...
Università e Master

Appunti di sociologia dei consumi

Per chi compie i propri studi in ambito sociologico, mettiamo a disposizione alcuni appunti relativi alla materia della sociologia dei consumi. Saranno utili per comprendere come individuare l'utilizzo sociale degli oggetti volti al soddisfacimento dei...
Università e Master

Come calcolare il numero dei nodi indipendenti

Vi è mai capitato tra le mani un circuito elettrico? Vi siete mai chiesti come si può calcolare il numero di nodi indipendenti? In questa guida vedrete un modo semplice di come effettuare il calcolo in circuiti elettrici semplici. Una volta acquisito...
Università e Master

Come determinare la quantità insaponificabile nell'olio

L'olio di oliva è un particolarissimo olio che viene prodotto dall'oliva, mediante un processo meccanico.L'oliva viene inserita in apposite macchine, che comprimono il frutto, facendo fuoriuscire un liquido composto da acqua ed olio. Successivamente...
Università e Master

Come Applicare Il Modello Di Abell

Quando si decide di intraprendere una determinata attività e in un determinato settore, è opportuno definire sin dal principio un business plan, che tenga conto di una serie di fattori da valutare e da adottare. Esistono tre diverse tipologie di strategie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.