Come Individuare Il Complemento Di Vocazione

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La grammatica della lingua italiana è molto complessa, in quanto sono presenti oltre alle parti basi come il nome, gli articoli, agli aggettivi, anche i complementi; questi vengono analizzati durante l'analisi logica. Nell'analisi logica a differenza di quella grammaticale in cui viene analizzata parola per parola, è necessario individuare il soggetto, il predicato verbale o nominale e i complementi. I complementi a loro volta si suddividono in : complemento oggetto, di termine, di specificazione, di tempo, di luogo e anche di vocazione. In questa guida, passo dopo passo, vedremo come individuare nella maniera corretta il complemento di vocazione.

25

Individuare il soggetto cui ci si rivolge

Il complemento di vocazione è un elemento molto particolare della frase e può essere utile conoscerne alcuni elementi per individuarlo in una frase. Innanzitutto è bene evidenziare la classica definizione di questo particolare complemento: il complemento di vocazione è quell'elemento dell'analisi logica che indica la persona, la cosa o l'animale cui ci si rivolge. Da questa definizione è possibile ricavare una prima regola generale per individuare questo complemento all'interno della frase: sarà infatti facile capire a questo punto che costituisce complemento di vocazione all'interno del periodo quella persona, l'oggetto o l'animale a cui l'autore (o semplicemente chi sta parlando) si rivolge. Ne è un esempio l'invocazione alla Musa di molti brani epici o poetici.

35

Verificare la presenza della vocale "o"

Molto spesso il complemento di vocazione può essere individuato facilmente se il nome della persona cui ci si rivolge è preceduto dalla vocale "o" usata con intento vocativo; questo complemento, tuttavia, può anche prescindere dalla sua presenza. In questo caso, sarà sufficiente ritrovare un nome proprio (o comune) slegato dal resto della frase e non costituente soggetto, per poter riconoscere il complemento di vocazione.

Continua la lettura
45

Guardare l'inizio della frase

In latino, come in altre lingue dotate di declinazione nominale, è presente un caso ben specifico per poter attuare nel testo il complemento di vocazione. Questo caso prende appunto il nome di vocativo, ed è molto spesso identico alla forma nominativa (o, in alcuni casi, alla forma accusativa) in tutte e cinque le declinazioni di questa lingua. Si ricorda che come regola generale, è bene tenere presente due aspetti: il complemento di vocazione presenta spesso un nome proprio (più raramente comune), che si trova all'inizio della frase oppure in alternativa, un contenuto in un inciso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Analisi logica: il complemento di mezzo

La lingua italiana è una lingua romanza, nata dal latino e sviluppatasi unendo di più dialetti provenienti da diverse regioni e per questo presenta una difficoltà grammaticale non indifferente, infatti l'italiano è la seconda lingua con più verbi...
Superiori

Analisi logica: il complemento di moto a luogo

L'italiano è una delle lingue con una grammatica particolarmente complessa. Bisogna perciò conoscerne bene le fondamenta e tutto ciò che fa parte delle regole grammaticali. Oltre all'analisi grammaticale è molto importante anche l'analisi logica e...
Superiori

Come eseguire il complemento a due di un numero binario

Il complemento a due, meglio conosciuto in inglese two's complement, rappresenta il metodo maggiormente diffuso e utilizzato per poter eseguire la rappresentazione del numero con segno di informatica. Nei passaggi successivi di questa guida, a tale proposito,...
Superiori

Analisi logica: il complemento d'agente

Durante il periodo scolastico, uno degli argomenti da sempre maggiormente complicati è sicuramente l'analisi logica. Questa comprende la distinzione tra i vari complementi, nonché l'individuazione del soggetto e del predicato. Il compito è abbastanza...
Superiori

Analisi logica: il complemento di causa

Per capire al meglio una frase o un periodo occorre fare l'analisi logica, attraverso questo operazione si riescono a capire al meglio i suoi diversi componenti. Sarà così che si avrà più chiare le relazioni sintattiche e quelle logiche, ma per fare...
Superiori

Analisi logica: il complemento di fine

La lingua italiana è una delle lingue più belle e complicate al mondo. Negli anni si è giunto ad un livello di studio della lingua molto approfondito e, alla base di tutto questo, vi è l'analisi logica. L'analisi logica comprende l'analisi di ogni...
Superiori

Grammatica latina: il complemento di causa

Anche trattandosi di una lingua ormai estinta, la grammatica latina rappresenta una materia di studio in tanti Paesi del mondo (compresa l'Italia). Come la lingua italiana, anche il latino ha una notevole quantità di complementi, ognuno dei quali svolge...
Superiori

Come Individuare Una Sineddoche

Abbiamo una prova di letteratura italiana in arrivo e non sappiamo come individuare questa figura retorica? Temiamo di confonderla con una metonimia o con una metafora? Allora questa è la guida che fa per noi. Nei passi successivi, vedremo come fare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.