Come Indicare La Concentrazione Di Una Soluzione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

In questa guida vedremo come indicare la concentrazione di una soluzione. Logicamente stiamo parlando di una soluzione chimica. Le soluzioni comunque sono tantissime cose che spesso ci stanno attorno come l'acqua in una pentola, l'acqua del rubinetto o anche l'acqua e zucchero e così via. La concentrazione di un componente in una miscela è una grandezza che esprime il rapporto tra la quantità del componente rispetto alla quantità totale di tutti i componenti della miscela (compreso il suddetto componente), o, in alcuni modi di esprimerla, del componente più abbondante. Quando la sostanza in esame ha una concentrazione molto elevata nella miscela, si parla in genere di purezza; se non è diversamente specificato, la purezza viene intesa come la percentuale in peso della sostanza in esame rispetto al peso totale della miscela. Ad esempio se un campione di 100 grammi di argento presenta una purezza del 99,9% vuol dire che tale campione contiene 99,9 grammi di argento e 0,1 grammi di altre sostanze (dette impurezze). Per indicare la concentrazione delle varie soluzioni dovremo usare delle formule. Sono cinque in particolar modo. Le spiegheremo molto semplicemente.

25

Il primo metodo riguarda le parti per milione. Sono un'unità di misura utilizzata per indicare livelli estremamente bassi di concentrazione di un elemento chimico o di un qualsiasi soluto. Il valore delle ppm è equivalente alla quantità assoluta frazionale moltiplicata per un milione. Un milligrammo è una parte per milione del chilogrammo, quindi, dire che una sostanza ha un certo valore espresso in parti per milione è come dire "milligrammi per ogni chilogrammo".

35

Continuando, abbiamo la molarità molto usata per la concentrazione della soluzione e indica il numero di moli in un litro di soluzione. Per calcolare la mole del sale per esempio bisogna vedere qual è il suo peso atomico e moltiplicare per la quantità di moli. Così facendo potremo scoprire le concentrazioni di qualsiasi soluzione.

Continua la lettura
45

Un terzo metodo con cui possiamo indicare la concentrazione è la composizione percentuale peso/peso. Significa che la soluzione indicherà la percentuale del soluto in una soluzione. Se per esempio la soluzione ci risulterà al 5% allora vorrà dire che 5 grammi di sale sono presenti in 100 grammi di soluzione.
Il quarto metodo riguarda la composizione percentuale peso/volume. Esprime la massa di soluto (in grammi) contenuta in 100 ml di soluzione. Si calcola moltiplicando per 100 il rapporto tra la massa in grammi del soluto e il volume in millilitri della soluzione (ml solvente + ml soluto).
Nell'ultimo metodo bisogna invece calcolare il volume con il volume. Esprime il volume di un soluto (in millilitri) contenuta in 100 ml di soluzione. Si calcola moltiplicando per 100 il rapporto tra i millilitri del soluto e i millilitri della soluzione (ml solvente + ml soluto).

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come ricavare la concentrazione di una soluzione da misure spettrofotometriche

Una tecnica analitica largamente utilizzata sfrutta il fenomeno dell'assorbimento delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle soluzioni. Nello specifico prende il nome di spettrofotometria oppure fotometria, a seconda delle condizioni sperimentali...
Università e Master

Come Passare Da Un Tipo Di Concentrazione Ad Un Altro

Una soluzione chimica viene definita in base alla concentrazione molecolare, e per conoscerla ci sono diversi modi. Il passaggio da un tipo di concentrazione ad un altro e il calcolo delle formule, sono dei problemi che si presentano molto frequentemente...
Università e Master

Come ottenere una soluzione chimica Meno Concentrata

La chimica è una delle materie più importanti per tutti coloro che decidono di intraprendere gli studi scientifici, ovvero che decidono di frequentare un istituto tecnico industriale oppure un liceo scientifico. Uno degli elementi fondamentali su cui...
Università e Master

Come calcolare la Molarità di una soluzione

Una soluzione per definizione è un miscuglio omogeneo di due o più componenti ed ha la stessa composizione e le stesse caratteristiche in tutti i suoi punti. E’ identificata dal rapporto di combinazione tra il solvente, che è la sostanza presente...
Università e Master

Come calcolare il PH di una soluzione chimica

Ogni soluzione acquosa presenta una sua acidità o basicità. Il calcolo del pH serve appunto a definire se una soluzione è acida o basica. Questa scala fu introdotta nel 1909 da Sorensen, un chimico danese. Potete osservare che su tutte le tipologie...
Università e Master

Come calcolare la concentrazione dall'assorbimento

Quando una radiazione luminosa viene riflessa all'interno di un mezzo trasparente una parte di essa di infrange nel pezzo. Questa radiazione luminosa comporta la diminuzione della radiazione stessa man mano che essa si propaga. Il logaritmo decimale per...
Università e Master

Come preparare una soluzione salina

La soluzione salina è conosciuta soprattutto con il nome di soluzione fisiologica. Essa è utilizzata in tantissime situazioni: per le infusioni endovenose, per le pratiche igieniche, per la pulizia delle lenti a contatto, per l'irrigazione nasale, per...
Università e Master

Come misurare il PH di una soluzione

La chimica è una materia molto affascinante che va studiata facendo pratica. Infatti se la teoria è importante, vedere un'applicazione pratica della materia aiuta a capire i processi. Una delle basi della chimica è la misurazione del PH di una soluzione....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.