Come includere in paraffina un preparato istologico

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Prima di procedere al taglio al microtomo, quando si effettuano in laboratorio dei prelievi di campioni istologici, bisogna necessariamente includerli per renderli solidi. Spesso le difficoltà principali sono quelle che derivano dall'inclusione di pezzi con delle bolle d'aria. Esse infatti rischiano di precludere l'integrità delle sezioni. Vediamo, in questa guida, come includere in paraffina un preparato istologico. Siamo certi che non ci vorrà moltissimo tempo per farvi capire come è possibile ottenere una cosa di questo tipo: leggete bene la lista degli occorrenti e seguire scrupolosamente i passi che in questa guida vi stiamo fornendo.

27

Occorrente

  • Acido picrico
  • Formalina
  • Acido acetico
  • Etanolo 75%
  • Etanolo assoluto
  • Xilene
  • Paraffina
  • Stufa da inclusioni
  • Becco bunsen
  • Spatolina
  • Pinzette
  • Mascherina
  • Occhiali
  • Camice
  • Guanti in lattice
  • Microscopio
37

Una volta effettuato il prelievo, per evitare la degradazione del tessuto, bisogna immergere il campione in una fissativo. Immergiamo il campione istologico in Bouin, una miscela di acido picrico, formalina e acido acetico in rapporto 15:5:1. Per pezzi di circa 3 grammi di tessuto bastano sei ore di immersione. Procediamo adesso con la disidratazione del tessuto: effettuiamo un primo rapido risciacquo per eliminare l'eccesso di Bouin in etanolo al 75%. Procediamo poi con 4 cambi sempre in etanolo al 75% ogni 15 minuti. La disidratazione in questo modo procederà progressivamente ed il tessuto non subirà traumi.

47

A questo punto proseguiamo con altri 4 cambi in etanolo assoluto ogni 30 minuti. I tessuti così hanno perso acqua ma non sono ancora pronti per l'immersione in paraffina poiché hanno acquistato alcol il quale non è miscibile con la paraffina (cera). È opportuno quindi procedere con ulteriori 2 passaggi in xilene ogni 15 minuti. Lo xilene essendo miscibile con la paraffina, consentirà poi al tessuto di essere penetrato per bene dalla paraffina liquida. Per pezzi di tessuto molto grande è consigliabile aumentare il tempo di immersione nello xilene ad almeno a 30 minuti per ogni cambio.

Continua la lettura
57

Preventivamente avremo messo a sciogliere della paraffina in una stufa a 62°C, quindi una volta terminato il passaggio xilene possiamo inserire i campioni di tessuto nella stufa in paraffina liquida. E molto importante in questa fase che la paraffina liquida sia assolutamente omogenea e limpida. Effettuiamo questa operazione in due passaggi: mantieniamo dapprima il campione in paraffina liquida per 30 minuti, dopodiché adoperiamo della paraffina liquida nuova e lasciamo i campioni over night. In questa fase sarebbe ideale che la stufa disponesse di un sotto vuoto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Vi consigliamo di utilizzare sempre i guantoni in lattice per evitare di entrare a contatto con la soluzione.
  • Un'altra cosa che dovete attenzionare è quello che indossate: munitevi di un camice adatto all'operazione che state compiendo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come osservare al microscopio ottico un preparato istologico

Il preparato istologico è una porzione di tessuto animale o vegetale adatta ad essere analizzata tramite microscopio ottico o elettronico. Perché tale osservazione sia possibile, tuttavia, i tessuti devono essere lavorati e trattati in vari modi: devono...
Università e Master

Come affettare un tessuto al criostato

Il microtomo criostato è uno strumento che seziona i tessuti. In particolare serve per ricavare diverse sezioni dai loro campioni. Si presenta all'interno di una camera criostatica. Con il suo meccanismo si rende il tessuto particolarmente rigido, grazie...
Università e Master

Come Chiudere Un Vetrino Di Sezioni Istologiche

L'istologia studia la morfologia dei tessuti, e le cellule che li compongono, sia da un punto di vista morfologico sia funzionale. Strumento essenziale per l'istologia è il microscopio, che permette l'osservazione diretta dei tessuti che si vogliono...
Università e Master

Appunti di oncologia

L'oncologia è un ramo della Medicina che si occupa dello studio dei tumori dal punto di vista dell'origine, della patogenesi, della terapia farmacologica, della diagnostica e dell'assistenza. Il tumore è una massa caratterizzata da una crescita cellulare...
Università e Master

Come Nominare Gli Alcani Ramificati

Gli alcani sono composti organici costituiti solamente da carbonio e idrogeno (per questo motivo appartengono alla più ampia classe degli idrocarburi), aventi formula bruta CnH(2n + 2). Gli alcani sono "saturi", cioè contengono solo legami singoli C-C...
Università e Master

Come fare un'elettroforesi orizzontale

L’elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l’influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce sulla particella. Nell’elettroforesi su gel c’è un mezzo di...
Università e Master

Come Estrarre Rna Da Un Tessuto

Il fatto di estrarre l'RNA è il primo passo fondamentale allo scopo di identificare l'espressione di un gene in un determinato sistema biologico. Lavorare con le molecole di RNA è delicato, l'inconveniente principale in cui si incorre è la degradazione...
Elementari e Medie

Come convertire i millilitri in grammi

Per la preparazione di una ricetta, una miscela particolare o semplicemente per necessità varie può essere utile saper convertire i millilitri in grammi. Eseguire questa conversione è abbastanza semplice ma ci vuole sicuramente la tecnica giusta. Se...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.