Come imparare la grammatica francese

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Il francese è una delle tante lingue europee neolatine sviluppate appunto da questo ceppo comune, il latino, come l'italiano, lo spagnolo e il portoghese ecc. Ovviamente queste lingue hanno questa radice comune a seguito dell'egemonia romana su tutto il mediterraneo che si è protratta per quasi mille anni influendo sulla cultura di tutto il mondo occidentale. Il francese quindi è strettamente imparentato con le lingue sopracitate, ma presenta alcune differenze grammaticali che lo differenziano dalle queste lingue sorelle. In questa guida vedremo quindi come imparare le regole di grammatica francese, specificando però che imparare una nuova lingua, seppur con molti elementi comuni alla nostra, è un lavoro arduo che richiede tempo e duro lavoro.

25

Attenzione alle eccezioni

Innanzitutto ricordate che l'errore in cui non dovete mai incorrere quando vi accostate alla grammatica francese è di sottovalutare l'importanza delle regole grammaticali (soprattutto le irregolarità) pensando che siano del tutto uguali all'italiano. Va sempre ben ricordato che ci sono alcune strutture, che vengono chiamate con il nome di "gallicismi", che sono assolutamente estranee alle lingue neolatine e sono molto utilizzate. Dovrete perciò apprenderne perfettamente l'uso! Tornando però al vostro atteggiamento di fronte alla grammatica francese, dovete anche sapere che assumono grande importanza i verbi; questo perché i tempi verbali sono del tutto simili all'italiano e gli irregolari sono numerosi e molto utilizzati.

35

Attenzione ai verbi

La coniugazione dei verbi regolari in francese è molto più semplice dell'italiano, tuttavia le desinenze dei verbi in francese sono 3 e non quattro come in italiano. Per imparare a coniugare i verbi regolari sarà sufficiente imparare le desinenze dei vari tempi e il gioco è fatto, basterà solo poi adattare la desinenza al verbo che ci serve. Per i verbi irregolari la situazione si complica di molto perché presentano delle particolarità tali che dovrete necessariamente impararli tutti a memoria. Ci sono poi alcuni tempi che seppur presenti nella grammatica non si usano quasi mai, come il congiuntivo, che viene sostituito dal presente o dal passato indicativo.

Continua la lettura
45

Attenzione ai plurali

Tra le regole base della grammatica francese vi è il plurale dei nomi comuni. Dovrete per forza apprendere quando aggiungere la S o la X finale e quando, invece, sarà solamente necessario cambiare la terminazione del nome. Allora, vi ritroverete anche una sfilza di irregolarità che vanno studiate anch'esse a memoria.

55

Attenzione ai gallicismi

Esistono poi i gallicismi, strutture proprie della grammatica francese che non rientrano nelle regole di una lingua neolatina. Anche per i gallicismi dovrete imparare a distinguerli ed utilizzarli nel modo corretto; per poter fare ciò, è basilare che voi conosciate perfettamente i verbi "essere", "venire", "andare" in tutti i tempi dell'indicativo che ci sono. Un ulteriore ostacolo del francese sono i cosiddetti verbi partitivi. Le preposizioni articolate italiane sono moltissime, in francese sono fortunatamente pochissime, ma esse vanno utilizzate con particolare attenzione per comprendere quando devono essere fuse con gli articoli e quando, invece, devono presentarsi nella loro forma semplice.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Grammatica: proposizioni soggettive e oggettive

Quando si impara una lingua una delle cose fondamentali da imparare al più presto è la gramamatica, argomento piuttosto complesso per chiunque, sia italiani che stranieri. Per poter studiare la grammatica italiana è necessario conoscere alcune nozioni...
Superiori

Francese: la coniugazione del tempo presente

Il francese è una tra le lingue più parlate e studiate in ambito scolastico, non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo. Per questo motivo sono tantissimi sono gli studenti che, a partire dalle scuole medie, affrontano quello che è un importante...
Superiori

Grammatica latina: il doppio accusativo

La lingua italiana ha molto a che fare, seppur etimoligicamente, con la lingua degli antichi latini. La grammatica latina è davvero molto interessante. Molte delle nostre parole e delle nostre frasi, derivano dal latino. Come sappiamo però, non è una...
Superiori

Come Formare Il Comparativo In Francese

Nella lingua francese, il comparativo di maggioranza (comparatifs de supériorité), di uguaglianza (égalité) o di minoranza (infériorité) generalmente viene introdotto nelle frasi per mettere a confronto due termini di paragone, i quali possono essere...
Superiori

Come Affrontare Lo Studio Della Grammatica Latina

Il Latino rappresenta l'origine della maggior parte delle lingue europee. Fin dall'antichità era la lingua più usata per comunicare e ancora oggi viene studiata nei licei, per insegnare ai giovani a parlare correttamente la lingua italiana. Ma per apprenderla...
Superiori

Grammatica latina: il complemento di causa

Anche trattandosi di una lingua ormai estinta, la grammatica latina rappresenta una materia di studio in tanti Paesi del mondo (compresa l'Italia). Come la lingua italiana, anche il latino ha una notevole quantità di complementi, ognuno dei quali svolge...
Superiori

Grammatica italiana: gli errori più comuni

Lo studio della grammatica italiana, in alcuni casi, può rivelarsi complesso anche per chi è madrelingua. Basta pensare agli accenti, alle elisioni, ai troncamenti, alla coniugazione di alcuni verbi, alle regole grammaticali e alle loro eccezioni, che...
Superiori

Grammatica greca: il dativo

Nella grammatica greca il dativo rappresenta uno dei casi che, insieme al genitivo, ci permette di tradurre gran parte dei complementi indiretti. Principalmente indica il complemento di termine, che risponde alla domanda: a chi? A che cosa? Tuttavia sia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.