Come identificare gli anioni e i cationi nelle soluzioni

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questa guida di carattere strettamente tecnico, ci preoccupiamo di analizzare alcune reazioni chimiche che si verificano in determinate soluzioni, a seconda dei reagenti che inseriamo. Inoltre, è possibile identificare alcune molecole che si vengono a creare come ad esempio gli anioni e i cationi, ovvero ioni rispettivamente negativi e positivi. In riferimento a ciò, ecco dunque una guida dettagliata su come identificare gli anioni e i cationi nelle soluzioni.

25

Occorrente

  • Provetta di vetro
  • Carta da filtro
  • Miscuglio sale e acqua distillata
  • Cannello a gas
35

Per iniziare questa sorta di esperimento atto ad identificare gli anioni e i cationi in una determinata soluzione chimica, è importante tenere a portata di mano alcuni materiali ed attrezzi da laboratorio, che man mano incontreremo. Dopo questa doverosa premessa, possiamo subito iniziare il procedimento. Innanzitutto prendiamo una provetta di vetro e all’interno versiamo un composto a base di sali, dopodiché quando questi ultimi si sciolgono, li versiamo sopra un vetro. Subito dopo prendiamo invece un’altra provetta, in cui inseriamo una leggera quantità del medesimo miscuglio a base di sale e di acqua distillata.

45

Dopo aver atteso il tempo necessario affinché il composto reagisca, possiamo notare che la soluzione assume un colore giallastro e nel contempo si ottiene un precipitato. A questo punto la filtriamo usando dell’apposita carta da filtro, notando che nella soluzione è presente anche lo ioduro. Inoltre per essere sicuri che nel miscuglio c’è la presenza di carbonati, alla provetta con il piccolo quantitativo di miscuglio e acqua distillata, abbiamo aggiunto anche dell'acido solforico. La reazione che ha generato del gas libero, ci ha fatto dedurre che effettivamente c’è presenza del suddetto carbonato. Per verificare che nel miscuglio non ci siano solfati o solfuri, alla provetta si aggiunge una piccola quantità di acido cloridrico, notando che stavolta non si forma il precipitato bianco visto in precedenza.

Continua la lettura
55

A questo punto non ci resta che identificare la presenza di anioni e cationi, per cui per verificare la loro effettiva esistenza, bisogna accendere un piccolo cannello a gas, e con l’ausilio di un filo di nichel-cromo prelevare una piccola quantità di sale. Successivamente si passa sulla fiamma, e si può notare che la sostanza assume parzialmente un colore tendente al rosso oppure all'arancione ovvero tipico del calcio, e a tratti anche una tonalità sul lilla come il potassio. Da qui si evince che nella soluzione, ci sono effettivamente particelle di calcio (anioni) e dello stesso potassio (cationi).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di chimica: la concentrazione e le soluzioni sature

Lo studio della chimica può essere molto divertente ed è applicabile alla vita di tutti i giorni. In questi appunti, cercheremo di fornire un quadro dettagliato di un argomento fondamentale per l'apprendimento della materia, chiarendo il concetto di...
Superiori

Come identificare la chimica degli ioni di idrogeno

L'idrogeno è l'elemento chimico più diffuso nell'universo e viene utilizzato dalle stelle come combustibile. Lo ione di idrogeno, detto Idrogenione ed indicato con il simbolo chimico sulla tavola degli elementi H+, è un derivato dell'atomo di idrogeno....
Superiori

Come calcolare la carica di uno ione

Gli ioni sono entità molecolari elettricamente cariche che si formano a partire da un atomo che perde o acquista uno o più elettroni. Tale fenomeno viene definito "ionizzazione". Gli atomi che perdono uno o più elettroni presentano una o piu cariche...
Superiori

Appunti di chimica: i legami

La chimica spesso risulta di difficile comprensione e spesso non è un materia particolarmente gradita agli studenti delle scuole superiori: il motivo di questa sorta di antipatia verso tale scienza sta nel fatto che la descrizione dei fenomeni mediante...
Superiori

Teorema di Abel-Ruffini: dimostrazione

Il teorema di Abel-Ruffini, da non confondere con la "Regola di Ruffini" viene ritenuto utile per la scomposizione dei polinomi. Inoltre viene considerato il contributo più importante dato dal Ruffini alla matematica. Il teorema di Abel-Ruffini vine...
Superiori

Come risolvere una variabile in una funzione trigonometrica

Volete capire come risolvere una variabile in una funzione trigonometrica? Siete nel posto giusto. Dovete sapere che ci sono un numero infinito di soluzioni a questo problema. In primo luogo isolate il termine tangente. Per risolvere per x, dobbiamo isolare...
Superiori

Equazione quadratica: metodo di calcolo

In matematica, tra le varie equazioni, esistono anche le equazioni dette quadratiche, o di secondo grado. Consistono in equazioni in cui l'esponente massimo è x al quadrato. La formula di base completa di quest'equazione è ax^2 + bx + c = 0, con a diverso...
Superiori

Come risolvere le disequazioni con il modulo

Prima di scrivere il procedimento per risolvere le disequazioni con il modulo è utile conoscere la definizione di quest'ultimo. Per modulo di un numero reale qualsiasi a si dice I a I modulo di a o valore assoluto di a il valore positivo o nullo di a...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.