Come gestire situazioni critiche in classe

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Nell'ambiente scolastico, il rapporto studente-insegnante è cruciale per apprendere con successo. Spesso, però, tale rapporto risulta difficile, freddo, incapace di svilupparsi positivamente. Il ruolo dell'insegnante è anche quello di educatore. Un buon professore sa insegnare la disciplina e sa essere un supporto per ogni studente. Non investire nei rapporti umani può infatti portare a situazioni critiche in classe. Questo potrebbe "avvelenare" il clima in tutto il gruppo. E ciò ridurrebbe l'efficacia delle lezioni. Gestire eventuali crisi non è semplice. Ci vogliono pazienza, competenza e capacità comunicative. Scopriamo come fare.

27

Occorrente

  • Passione e preparazione
37

Sapere come comunicare

Gestire una classe richiede molto impegno e passione. Come detto, l'insegnante è un educatore. Non vuole, naturalmente, sostituirsi alla famiglia. Ma può essere un supporto esterno in più per il giovane che apprende. Gli obiettivi didattici vanno di pari passo con quelli umani. Un buon professore ha abilità comunicative con gli alunni. Rende quindi piacevole e semplice la lezione. Struttura le attività in blocchi temporali e coinvolge costruttivamente i ragazzi. Riconosce, inoltre, i soggetti difficili e li integra nel gruppo. Ne stimola le capacità cognitive ed intellettive. In ogni classe, infatti, esistono situazioni critiche, per diversi motivi. Pertanto, un buon docente gestisce la condizione e la evita a priori.

47

Instaurare rapporti di fiducia

Pertanto, per gestire nel modo migliore la classe, un insegnante impara a conoscere i suoi alunni. Comprende la psicologia e le emozioni di ogni studente, individualmente. Ricerca una giusta direzione e valuta le esigenze di ognuno dei ragazzi. Per evitare le situazioni critiche, il docente ricerca un contatto positivo con gli alunni. La classe si compatta attorno a questa atmosfera, diventando una grande comunità di sostegno. In tal senso, gli alunni apprenderanno il rispetto reciproco e l'altruismo. Un obiettivo senz'altro importante, per educare uomini e donne del domani.

Continua la lettura
57

Selezionare i giusti programmi didattici

Gestire situazioni critiche in classe richiede metodi didattici per l'apprendimento. Questi strumenti rispondono alle esigenze accademiche del gruppo. A tale scopo, l'insegnante utilizza metodi organizzativi e gestionali. In tal senso, i ragazzi partecipano allo sviluppo didattico e si impegnano in standard comportamentali. La collaborazione reciproca produce una comunità sicura. Le situazioni critiche si riducono nettamente. Pertanto, difficilmente sussisterà il bullismo o l'emarginazione. Inoltre, l'insegnante sfrutta diverse consulenze, con personale esperto. Alcuni metodi comportamentali coinvolgono direttamente lo studente con problemi. Ciò agisce su un atteggiamento sbagliato. L'individuo quindi analizzerà se stesso e correggerà positivamente le inadeguatezze.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Un ragazzino, dietro un comportamento inadeguato, può celare un profondo disagio che può sfociare in aggressività o violenza fisica. Pertanto, instaurare un buon rapporto in classe di fiducia e mai sminuire la persona.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

10 regole da rispettare durante l'assemblea di classe

L'assemblea di classe, è un momento importante per ogni studente perché si discute delle varie problematiche legate alla classe, alla scuola, agli alunni e agli insegnanti.  Solitamente, l'assemblea di classe viene richiesta dal rappresentante degli...
Superiori

Come affrontare l'arrivo di un nuovo compagno di classe

Le scuole superiori, oltre ad essere luogo di accrescimento culturale e di insegnamento di numerose discipline, rivestono un ruolo importantissimo per la socializzazione, per stringere prime vere e sincere amicizie e confrontarsi con persone, realtà...
Superiori

10 cose da non fare in classe

La classe è il posto in cui i ragazzi passano un gran numero di ore, dove imparano il rispetto per i compagni, la buona educazione e tante curiosità. Spesso però in classe si possono assumere degli atteggiamenti non consoni. Questi dovrebbero essere...
Superiori

10 consigli per prepararsi al meglio ad un compito in classe

Partiamo col dire che il compito in classe non è e non deve essere visto come un supplizio. O la tortura fatta per umiliare o mettere in tensione gli studenti. Il compito in classe serve semplicemente a verificare il grado di preparazione. Nonché in...
Superiori

Come diventare rappresentante di classe

Se siamo ben integrati all'interno della nostra classe e i problemi che ci possono essere sia a livello strutturale che scolastico, ci stanno a cuore, in questo caso il nostro ruolo è quello di rappresentare i nostri compagni alle assemblee d'Istituto....
Superiori

Come convocare il consiglio di classe

Il consiglio di classe è un organo istituzionale che ha le seguenti funzioni: favorire i rapporti tra docenti e genitori, proporre iniziative al collegio docenti, verificare e valutare il percorso formativo degli alunni della classe, fissare gli obiettivi...
Superiori

Idee alternative per la foto di classe

Il potere di intrappolare frammenti di vita vissuta insito in una fotografia è davvero strabiliante. Su di un semplice foglio di carta è possibile imprimere un ricordo che si può rivivere in qualunque momento. Anche su digitale abbiamo la possibilità...
Superiori

5 modi per farvi rimandare un compito in classe

Cari studenti e studentesse, quante volte è capitato di desiderare il rinvio di un compito in classe a data da destinarsi? Per un motivo o per l'altro, che sia, non aver compreso bene gli argomenti trattati, non si ha la possibilità di studiare o altro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.