Come funzionano le lenti polarizzate

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Una lente polarizzata, detta anche polarizzatore, è una particolare lente che impedisce il passaggio della radiazione elettromagnetica a seconda della polarizzazione. Le lenti polarizzate vengono usate in diversi ambiti. Nella fotografia, ad esempio, una lente polarizzata permette di assorbire al meglio la luce del sole per evitare l'effetto riflesso durante uno scatto, ottenendo il risultato più nitido possibile. In ambito medico, invece, le lenti polarizzate si utilizzano per trattare i problemi di vista. Oltre a migliorare la visione, protegge gli occhi dall'esposizione diretta ai raggi UVA e riduce l'affaticamento dovuto magari ad un'esposizione troppo prolungata. Ma come funzionano esattamente le lenti polarizzate? Scopriamolo in questo articolo.

26

Eliminazione dei disturbi

Nel complesso mondo della fisica, le onde elettromagnetiche hanno un fattore che le spinge ad assumere diverse direzioni. Questo succede anche all'occhio umano, alle macchine fotografiche, alla lente di un microscopio. Questa direzione viene stabilita dalla fascia occupata dal campo magnetico. In particolare la polarizzazione, che avviene attraverso una lente o un filtro, prende i raggi luminosi in arrivo e li direziona tutti in un unico verso. Così facendo, la porzione di raggi e di elementi di disturbo vengono oscurati. A seconda del campo in cui questa tecnologia viene applicata, ne risulterà comunque una visione più nitida ed un netto miglioramento della proprietà visiva.

36

Filtri e lenti

Andiamo adesso a vedere come agiscono queste lenti o questi filtri, sempre più utilizzati nel mondo dell'ottica e della fotografia. Queste dispositivi vengono dotati di lamelle ed intagli tali da diminuire l'oscillazione tipica di un campo magnetico. L'immagine in uscita risulterà più ferma e nitida. In questo caso quindi il filtro o la lente avrà reso il campo magnetico fermo e lineare. Questi dispositivi sono alla base di molti oggetti che utilizziamo nel quotidiano.

Continua la lettura
46

Applicazioni nella vita quotidiana

Che applicazione e che vantaggio danno alla nostra quotidianità? Moltissimi nel caso delle lenti polarizzate. La prima cosa che viene in mente sono le lenti polarizzate per gli occhiali. Queste, grazie alla tecnologia di cui abbiamo parlato, riducono il riverbero della luce e i riflessi più fastidiosi, regalando una visione più nitida. Un altro noto caso si ha in fotografia, dove si può far uso di un filtro polarizzatore per rendere l'immagine migliore, aumentandone i contrasti. La polarizzazione è alla base degli schermi a cristalli liquidi e della proiezione di film in 3D.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consiglio comunque di approfondire l'argomento relativo il processo di polarizzazione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come costruire un microscopio

L'uomo non si è mai accontentato di quello che vedevano i suoi occhi: così ha creato strumenti per migliorare la vista difettosa (gli occhiali), per scrutare il cielo e le stelle (il cannocchiale) o per osservare cose troppo piccole per essere viste...
Superiori

Come calcolare l'ingrandimento lineare

Una lente ha la proprietà di convergere i raggi di luce e quindi creare un'immagine virtuale di un oggetto. Questa proprietà della lente di formare immagini virtuali degli oggetti dove viene proiettato il focus è soggetta ad un incremento di grandezza....
Superiori

Ottica: le lenti protettive

In questa guida verranno dati alcuni utili suggerimenti su nozioni di ottica: le lenti protettive. Come tutti voi sapranno, è molto importante curare la salute del proprio corpo, in particolare quella della vista ancora di più. Gli occhi sono organi...
Università e Master

Come applicare la formula di Abbe

Con il termine "potere di risoluzione" si intende la capacità (solitamente dell'occhio umano, o di una macchina) di distinguere come separati due punti estremamente vicini tra di loro. L'occhio umano, ad esempio, è in grado di distinguere al massimo...
Superiori

Scienze: la vista

Le cellule fotosensibili dell'occhio rappresentano il 70% dei recettori di tutto il corpo e circa un terzo delle fibre che trasportano gli impulsi al sistema nervoso centrale, derivano dall'occhio. L'occhio è formato dal globo o bulbo oculare, accolto...
Elementari e Medie

Scienze: gli strumenti dello scienziato

La scienza è lo studio di ogni cosa presente nell'universo, animata o inanimata, e gli scienziati sono gli uomini e le donne che, seguendo il metodo sperimentale, rispondono alle domande che ci siamo sempre posti su ciò che ci circonda. A seconda del...
Lingue

Trucchi per tradurre dall'inglese all'italiano più velocemente

Spesso quando si viaggia o si studia, è fondamentale tradurre dall'inglese all'italiano in maniera immediata. Capita però, che a causa della fretta, si rischia di fare una traduzione approssimativa, scadente e errata e di essere molto lenti a tradurre....
Superiori

Come calcolare l'angolo di rifrazione

Quando si immerge una cannuccia in un bicchiere d'acqua trasparente, l'immagine all'interno del bicchiere appare deformata, sembra "spezzata" in due; è un fenomeno molto curioso dovuto ad una legge fisica: la rifrazione, definita come il cambiamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.