Come funzionano le forze parallele e concordi

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

La fisica è sempre stata una delle materie più difficili per gli studenti. Regole apparentemente senza logica da imparare a memoria, fenomeni di cui non si è mi sentito parlare. Riuscire a capire i fenomeni è un modo per imparare al meglio le cose studiate. In questa guida voglio spiegarvi come funzionano le forza parallele e concordi. Lo scopo di questo esperimento è di applicare su un'asta delle forze parallele e concordi e di studiarne il fenomeno fisico.

29

Occorrente

  • Asta forata
  • Filo
  • Pesetti
  • 2 Carrucole
  • Peso
  • 2 gancetti.
39

Sarebbe meglio condurre l'esperimento in un laboratorio di fisica con l'intera classe. Dubito che molto avranno in casa tutti gli strumenti necessari, ma a scuola dovreste trovare tutto l'occorrente. L'asta forata deve essere agganciata ad una carrucola, avendo cura di aver preparato precedente ente i sostegni. Decidete il numero di pesetti che dovranno avere le due forze e la loro distanza da un punto P che si prenderà a caso sull'asta.

49

Verrà utilizzato il numero dei fori per rappresentare la distanza delle due forze dal punto P. Nei calcoli, una volta trovato il valore delle forza equilibrante, si dovrà calcolare la sua distanza dal punto in modo da sapere esattamente la sua posizione. Sono tutte informazioni teoriche che potete trovare in qualsiasi manuale di fisica delle scuole superiori.
Una volta eseguiti i calcoli necessari si può passare alla prova pratica. Ricordate di utilizzare le condizioni di equilibrio per i calcoli, altrimenti la prova non riuscirà.

Continua la lettura
59

La prima condizione di equilibrio afferma che il piano sta in equilibrio se la risultante delle forze corrisponde a zero.
Nel caso la risultante non fosse zero, bisognerà mettere una forza d'equilibrio opposta alla forza risultante.
La seconda condizione afferma che se la somma dei momenti è zero, il piano non ruota né in senso orario né in senso antiorario.
Se questa non fosse zero, bisognerà porre un memento equilibrante opposto alla somma dei momenti.
Per calcolare il momento specifico nel vostro esperimento dovete scegliere un criterio per stabilirne il verso (positivo o negativo). Se il momento di quella forza gira in senso orario è positivo, nel caso fosse antiorario è negativo.

69

Il momento è dato dal prodotto della forza per la sua distanza. Ricordate che dal verso di rotazione del momento dipende il segno che utilizzerete nei calcoli.
Per calcolare la risultante delle forze, basta sommare le forze. Se queste hanno come verso l'alto non positive, se hanno il basso sono negative.
Se i calcoli sono giusti, si otterrà che l'incognita corrisponde alla distanza della forza equilibrante dal nostro punto P.

79

Ora potete passare alle conclusioni. Eseguendo l'esperimento con i dovuti calcoli noterete che l'asta forata resta in equilibrio.
Il vostro esperimento è concluso. Potete scrivere una relazione e consegnarla alla vostra professoressa. Farete sicuro una bella figura, dimostrando di aver compreso a pieno l'argomento.

89

Guarda il video

99

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il momento di una coppia di forze

Una delle materie scolastiche che la maggior parte dei ragazzi delle scuole superiori teme è la fisica. Le svariate formule matematiche e la rigorosità di tale materia potrebbero essere le principali cause per le quali rappresenta da sempre una materie...
Superiori

Geometria: il teorema delle rette parallele

Due linee su un piano che non si intersecano o non si toccano in nessun punto, sono definite parallele; queste sono molto importanti durante lo studio dei quadrilateri. Gli otto angoli formati dalle linee parallele e da una trasversale risultano essere...
Superiori

Come capire se due rette sono parallele tra loro

Si dicono parallele due rette che, prolungate all'infinito da entrambi i lati, non si incontrano mai. È una condizione presente molto spesso nei problemi di matematica. Spesso si chiede direttamente se le rette sono parallele, oppure questa verifica...
Superiori

Come calcolare la distanza tra due parallele

La linea retta è uno degli enti geometrici basilari, priva di spessore e misurabile solo ed esclusivamente tramite la sua lunghezza. Se due rette, poste in uno spazio o in un piano, non si incontrano mai e non hanno alcun punto in comune, vengono definite...
Superiori

Come calcolare la distanza tra due rette parallele in un piano

La geometria è un ramo della matematica, in cui vengono studiate le figure piane geometriche oppure le figure solide e tridimensionali. Attraverso la geometria si studiano anche i perimetri, le aree e i volumi delle figure geometriche. Un altro studio...
Superiori

Come raccordare due semirette parallele con due archi di cerchio

Costruire un raccordo non è assolutamente difficile, anzi è un lavoro che si risolve molto facilmente e rapidamente. Se vuoi raccordare due semirette parallele con due archi di cerchio di un raggio dato, ti basta seguire attentamente questa guida. Per...
Superiori

Come funzionano i vasi comunicanti

Il principio dei vasi comunicanti consiste in quella legge fisica la quale stabilisce che un liquido contenuto in due o più contenitori tra di loro comunicanti, si ritrova a raggiungere lo stesso livello, in presenza della forza di gravità. Questo principio...
Superiori

Come funzionano le lenti polarizzate

Una lente polarizzata, detta anche polarizzatore, è una particolare lente che impedisce il passaggio della radiazione elettromagnetica a seconda della polarizzazione. Le lenti polarizzate vengono usate in diversi ambiti. Nella fotografia, ad esempio,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.