Come funziona un circuito in corrente alternata

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando parliamo di corrente alternata si intende il classico circuito elettrico cpresente nell'impianto di casa. Le differenze tra corrente alternata e corrente continua sono numerose, in particolare la prima viene solitamente usata per vantaggi economici in termini di trasporto su lunghe distanze e manutenzione di macchinari, mentre la corrente alternata è utilizzata in fase di distribuzione per questioni legate alla sicurezza e alla versatilità. In questa guida, infatti, spiegheremo come funziona quest' ultimo tipo di corrente.

25

Legge di Faraday-Lenz

la legge di Faraday-Lenz è alla base del funzionamento del motore elettrico, il generatore elettrico, il trasformatore e molto altro. Essa afferma che la differenza di potenziale generato da un campo magnetico B si oppone alla variazione di flusso del campo magnetico in un intervallo di tempo ΔT.
V= - (ΔϕB)/ ΔT
Il meno davanti alla formula (legge di Lenz) determina questa opposizione, infatti, in accordo con la legge della conservazione dell'energia, la corrente indotta dal campo magnetico si oppone alla variazione del flusso. Se così non fosse, il campo magnetico indotto si auto-indurrebbe generando così energia infinita.

35

Il circuito a corrente alternata

Un circuito è un percorso chiuso in cui circola corrente elettrica generata dalla differenza di potenziale agli estremi del circuito stesso. Ogni circuito presenta quattro elementi principali: Un generatore, un interruttore, un conduttore ed un utilizzatore. L'energia elettrica generata dal generatore, quando l'interruttore viene attivato cioè quando mette in comunicazioni i due estremi del circuito, passando attraverso il conduttore giunge all'utilizzatore, (una lampadina, un cellulare o un qualsiasi apparecchio elettrico) permettendogli di svolgere la sua funzione.

Continua la lettura
45

La legge di Ohm

Nella descrizione del circuito abbiamo però tralasciato le conseguenze della prima legge di Ohm. Essa afferma che, a temperatura costante, la differenza di potenziale ΔV applicata agli estremi di un conduttore è direttamente proporzionale all'intensità di corrente che lo attraversa: ΔV = R * I
dove I è l'intensità di corrente e R è la costante di resistenza elettrica (varia a seconda del conduttore). La conseguenza della legge di Ohm è che all'aumentare di R aumentano anche le "difficoltà" che incontra la corrente a "scorrere" nel conduttore, provocando una grande dissipazione di energia sotto forma di calore (effetto Joule).

55

Ad ogni circuito il suo apparecchio

Per questo motivo è necessario sempre utilizzare un apparecchio adeguato (in termini di tensione) al circuito a nostra disposizione. Infatti un apparecchio con voltaggio richiesto molto minore del voltaggio del nostro circuito rischia di bruciarsi molto presto, a causa dell'alta intensità di corrente che scorre nel conduttore, viceversa un apparecchio con voltaggio richiesto molto maggiore del voltaggio del nostro circuito non riuscirà a svolgere il suo normale compito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come scrivere una poesia in rima alternata

Sia se si nasce poeti, sia se lo si vuole diventare, è fondamentale conoscere le regole principali che permettono di realizzare delle poesie. In questa guida, in particolare, ci occuperemo di come scrivere una poesia in rima alternata. Come sappiamo...
Superiori

Come calcolare l'amperaggio di un circuito in serie

In un circuito in serie, ogni dispositivo è collegato in modo tale che vi sia un solo percorso attraverso cui la carica può attraversare il circuito esterno. Ogni carica che passa attraverso l'anello del circuito esterno passa attraverso ciascun resistore...
Superiori

Come calcolare le correnti in un circuito a induzione

Luce, magnetismo ed elettricità sono fenomeni naturali che quotidianamente vediamo sotto i nostri occhi. La fisica classica si occupa di spiegare questi fenomeni mediante la branca dell'elettromagnetismo, il quale a sua volta chiarisce esplicitamente...
Superiori

Come creare un semplice circuito elettrico

Un circuito elettrico semplice è un percorso che viene attraversato sostanzialmente da energia. L'energia in questione è generata da un flusso di elettroni. Vuoi creare un semplice circuito elettrico e capirne il funzionamento ma non sai come fare?...
Superiori

Come Risolvere Un Circuito Con Le Correnti Di Maglia

Con il metodo esposto di seguito, è possibile riuscire a risolvere un circuito con le correnti di maglia. Questo sistema è molto raffinato e nello stesso tempo molto efficace in quanto, una volta che lo si padroneggia bene, permette di risolvere veramente...
Superiori

Appunti di elettronica: alternatore

In questi appunti di elettronica analizzeremo uno strumento che trova un numero enorme di applicazioni, poiché è in grado di produrre direttamente corrente elettrica alternata: stiamo parlando dell'alternatore. Per capire cos'è l'alternatore, bisogna...
Superiori

Come utilizzare un raddrizzatore a ponte di Graetz

Il Ponte di Graetz, chiamato anche ponte raddrizzatore a doppia semionda, si utilizza quando si vuole trasformare un segnale a fase alternata in un segnale continuo, in modo da riuscire ad avere un percorso di corrente che vada in via continuativa sempre...
Superiori

Appunti di fisica: i circuiti

Questi appunti di Fisica sono volti a fornire all'utente alcuni elementi chiarificatori circa lo studio dei circuiti elettrici. Occorre prima di tutto dare la definizione di corrente elettrica ovvero quel flusso di elettroni che si muove in maniera ordinata,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.