Come funziona il vaso di Dewar

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Il vaso di Dewar è un contenitore isolato completamente dall'ambiente esterno: si tratta di un dispositivo che può condurre il calore tramite la conduzione o l'irraggiamento; mediante quest'ultimo il trasferimento dell'energia avviene da uno stato all'altro. Infatti per riuscire a verificare il fenomeno è necessario che questi vasi siano rivestiti da un materiale lucido, come per esempio l'argento. In riferimento a questo, attraverso i passaggi che seguono andremo a vedere nel dettaglio come funziona il vaso di Dewar.

25

Creare il vaso

Innanzitutto bisogna creare il vaso, che viene detto anche contenitore o recipiente: esso deve avere la capacità di ridurre al minimo la trasmissione di calore dall'esterno verso l'interno o viceversa. È bene sapere che l'energia si può trasmettere in tre modi diversi; infatti, vi è la conduzione che avviene tra materiali diversi; la convezione: si tratta di un fenomeno che si verifica quando ad esempio un liquido caldo dal basso tende a salire sempre verso l'altro, mentre se è freddo scende verso il basso. Per ultimo vi è invece l'irraggiamento, con il quale un corpo emette energia sotto forma di radiazioni che aumentano in base alla temperatura del vaso che lo contiene.

35

Conoscere il funzionamento

Adesso che abbiamo fatto questa breve premessa, spieghiamo come funziona il vaso di Dewar con il fenomeno della conduzione. In questo caso due corpi vicini tra loro trasferiscono l'energia uno all'altro, pertanto il vaso deve quindi essere realizzato con un materiale molto spesso, allo scopo di ridurre notevolmente il calore. Oppure, come alternativa si possono mettere due recipienti l'uno dentro l'altro, però avendo l'accortezza di ridurre al minimo il contatto tra il vaso esterno e quello interno e quindi creando una vera e propria camera d'aria, in maniera tale da separare completamente i due vasi. A questo punto, invece, andiamo a vedere meglio come funziona il vaso di Dewar con il fenomeno dell'irraggiamento. Se ad esempio abbiamo due recipienti con un'enorme differenza di temperatura, la trasmissione di calore avviene anche attraverso il vuoto.

Continua la lettura
45

Creare le superfici

Detto questo, quello che bisogna fare è semplicemente creare le superfici dei vasi, in modo tale che siano cattivi conduttori di calore. In tal caso la soluzione ideale è quella di utilizzare come materiale il vetro, che ha il compito di mantenere un liquido caldo o freddo. Un altro esempio pratico è rappresentato dai thermos, che in effetti si avvalgono di questo principio, con lo scopo di riuscire a mantenere le bevande calde o fredde per diverse ore. A margine di questa guida c'è da aggiungere che conoscendo le nozioni basilari di fisica, il principio su cui funziona il vaso di Dewar sarà molto semplice da comprendere e da applicare, per cui si capisce facilmente il fenomeno e senza nessun problema. Nel caso in cui aveste ancora qualche dubbio, il consiglio è quello di consultare un testo specifico di fisica, oppure, ancora meglio, chiedere delucidazioni al vostro docente di riferimento.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come funziona la scuola in Canada

A causa della differenza del territorio canadese per cultura e stili di vita è stato necessario progettare un sistema educativo che conciliasse le diversità regioni dello stato. Vediamo nel dettaglio come funziona l'intero sistema scolastico del Canada...
Elementari e Medie

Come funziona la scuola in Germania

I sistemi scolastici nei vari paesi della comunità europea sono differenti: infatti in Europa possiamo distinguere tre diversi modelli organizzativi dell'istruzione obbligatoria. Se, per esempio, dovessimo trasferirci in Germania ed abbiamo dei figli...
Elementari e Medie

Come funziona il ciclo dell'acqua

Il ciclo dell'acqua, chiamato anche idrologico, identifica il processo continuo grazie al quale avviene lo scambio di acqua tra la terra e l'atmosfera. Circa i 2/3 del pianeta sono costituiti da acqua ed essa è indispensabile per la sopravvivenza di...
Elementari e Medie

Come funziona la scuola in Svizzera

La Svizzera rappresenta sicuramente uno dei paesi maggiormente sviluppati dal punto di vista civico. Così come altri sistemi infatti, anche quello scolastico è strutturato in maniera estremamente efficiente. Esso si divide principalmente in tre livelli...
Elementari e Medie

Come funziona il motore a scoppio

Il merito dell'invenzione del motore a scoppio è da attribuirsi a diversi "inventori" che, in varia misura, contribuirono al suo sviluppo fra il 1843 e il 1876: gli italiani Eugenio Barsanti e Felice Metteucci, il francese Beau de Rochas e l'ingegnere...
Elementari e Medie

Come funziona la scuola in Australia

Il sistema scolastico australiano ha molte affinità con quello americano. Si differenzia per lo più per i costi che sono accessibili e meno costosi.Nonostante il minor costo, la scuola in Australia offre strutture davvero importanti e attività eccezionali....
Elementari e Medie

Come verificare la divisione con la prova del nove

La prova del nove viene utilizzata in matematica per controllare l'esattezza del risultato della moltiplicazione e della divisione. Nel caso di divisione con il resto, il procedimento presenta qualche piccola variante. Questa semplicissima e pratica guida...
Elementari e Medie

Esperimenti: come fare le nuvole

Quando agli studenti delle scuole elementari vengono lasciati dei compiti e degli esperimenti per casa è importante che questi li facciano da soli, ma sotto l'osservazione di un genitore che possa indirizzarlo nella giusta via quando il bambino non comprende...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.