Come formare l'indicativo presente dei verbi in ER in francese

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La formazione dell'indicativo dei verbi del primo gruppo (con desinenza in -ER) è molto semplice, vanno però analizzate delle piccole eccezioni. In francese le coniugazioni dei verbi sono 4 e si distinguono in base alle proprie desinenze: - 1° gruppo è quello dei verbi in -ER;- 2° gruppo è quello dei verbi in -IR;- 3° gruppo è quello dei verbi in -OIRE/-OIR, -IR;- 4° gruppo è quello dei verbi in -RE; Come formare l'indicativo presente dei verbi in -ER?

27

Occorrente

  • Verbi francesi del primo gruppo (-ER)
37

Le desinenze del presente

Per l'indicativo presente è sufficiente eliminare la desinenza -ER dall'infinito del verbo e aggiungere alla radice le desinenze del presente.
Facciamo un esempio con il verbo PARLER (parlare).
Ad esso dobbiamo togliere -ER, quindi avremo la radice del verbo che è PARL.
A questo punto non resta che imparare a memoria le desinenze del presente per le diverse persone che sono:
- e
- es
- e
- ons
- ez
- ent
e aggiungerle alla radice del verbo.
Quindi se devi tradurre "tu parli" scriverai ''TU PARL + ES'' cioè "TU PARLES"
oppure
"VOI PARLATE" = ''VOUS PARL+EZ'' cioè "VOUS PARLEZ".

47

I verbi terminanti in GER

Per i verbi terminanti in GER prendiamo come esempio PARTAGER (condividere).
Come sempre togliamo la desinenza in -ER; avremo dunque 'PARTAG', ad essa aggiungiamo le desinenze del presente, ma, per prima persona plurale (nous) la desinenza subirà una variazione diventando -EONS.
Quindi ''noi condividiamo '' sarà 'PARTAG + EONS' cioè PARTAGEONS.
La E ha la funzione di mantenere dolce il suono della G che, come in italiano, diventerebbe duro se seguito dalla O.

Continua la lettura
57

I verbi che terminano in -ER

Lo stesso vale per tutti gli altri verbi che terminano in -ER; Ma ci sono delle eccezioni per i verbi che terminano in:
- CER e GER
- ELER e ETER
- AJER, OYER e UYER
Vediamole da vicino.

Prendiamo un verbo terminante in -CER: RENOCER (rinunciare).
Togliamo innanzitutto -ER in modo da avere la radice RENONC e ad essa aggiungiamo le desinenze del presente, ma alla prima persona plurale, il "nous" avrà una cediglia alla C in modo tale da avere un suono dolce.
Dunque avremo "noi rinunciamo" in "nous renonçons".
Per tutte le altre voci invece non si avranno variazioni:
Je renonceTu renoncesIl/Elle/On renonceNous renonçonsVous renoncezIls/Elles renoncent.

67

I verbi terminanti in -ELER e -ETER

Esaminiamo ora i verbi terminanti in -ELER e -ETER come APPELER (chiamare) e JETER (gettare). Anche in questo caso togliamo sempre la desinenza -ER ricavando le radici APPEL e JET, ad esse bisogna aggiungere le solite desinenze del presente, ma facendo attenzione alla prima, alla seconda, alla terza persona singolare e alla terza persona plurale in cui si deve raddoppiare la L o la T. Dunque avrai: j'appelle, tu appelles, il / elle / on appelle, nous appelons, vous appelez, ils appellent.
Oppure: je jette, tu jettes, il / elle / on jette, nous jetons, vous jetez, ils / elles jettent.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Imparare a memoria le desinenze
  • Imparare a memoria le terminazioni dei verbi particolari

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come Formare Il Femminile Di Aggettivi E Sostantivi In Francese

Formare il genere femminile di sostantivi ed aggettivi nella lingua francese è un'operazione semplice per chi conosce una lingua derivata dal latino, come ad esempio l'italiano, e per alcuni aspetti la procedura è simile; bisogna tenere però sempre...
Elementari e Medie

Grammatica: l'uso dell'indicativo

L'indicativo è il modo grammaticale attraverso cui si presenta la realtà, sia quella percepita come reale dal soggetto che la esprime, sia inoltre quella che risulta essere oggettivamente una constatazione fattuale. L'uso dell'indicativo è estremamente...
Elementari e Medie

Come fare per non sbagliare la concordanza dei verbi

Spesso ci capita, anche involontariamente, di ascoltare i discorsi delle persone che incontriamo quando andiamo a fare la spesa, al pub e alla televisione. Non vi è mai capitato di pensare "ma come parla questa persona?". Personalmente l'ho pensato spesso...
Elementari e Medie

Come fare a non sbagliare la coniugazione dei verbi

La lingua italiana risulta essere una delle più complicate tra quelle parlate in tutto quanto il mondo. La sua grammatica, infatti, non è sicuramente semplice e molte sono le persone che sono portate a sbagliare, compresi diversi madrelingua. In questa...
Elementari e Medie

Come ripassare i verbi

La coniugazione dei verbi italiani non è di certo tra gli argomenti grammaticali più facili da affrontare. Questo perché la nostra lingua, come la maggior parte di quelle romanze (ovvero le lingue che hanno subìto una dominazione romana, latina),...
Elementari e Medie

Come imparare velocemente i verbi

Ecco una guida, pratica e veloce, mediante il cui aiuto poter imparare come e cosa fare per imparare, nel modo corretto velocemente i verbi, in maniera tale da poterli utilizzare al meglio e senza grossi problemi. Imparare in modo perfetto i verbi, è...
Elementari e Medie

Grammatica: guida ai tempi dei verbi

La lingua italiana risulta essere una delle lingue più complesse (tra quelle che utilizzano l'alfabeto latino). Di certo, per comprendere perfettamente questa splendida lingua, la soluzione più adeguata sarebbe esattamente quella di rivolgervi ad un...
Elementari e Medie

Inglese: i verbi irregolari

Una prima classificazione, anche se un po' approssimativa, dei verbi inglesi, potrebbe distinguerli in: regolari, irregolari e ausiliari. Come dice la parola stessa, i verbi irregolari sono tali poiché non seguono le regole "standard" quando si tratta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.