Come formare il Present continuous in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

È ormai risaputo che l'inglese è diventata la lingua più diffusa al mondo e mantiene tuttora questo primato. Oltre ad essere largamente diffuso nel settore turistico e commerciale, l'inglese è usato sempre più spesso nelle comunicazioni scientifiche ed informatiche, nelle riviste e nei congressi internazionali. In qualsiasi colloquio di lavoro ci si presenta, la prima cosa che chiedono è se si ha una buona conoscenza della lingua inglese, in quanto agevola i contatti con l'estero ed aumenta maggiormente le possibilità di lavoro al di fuori del nostro Paese. Tuttavia la grammatica, a differenza di quella italiana, è versatile e va nettamente a semplificarsi: il congiuntivo si appresta a scomparire ed i verbi irregolari, che solitamente si imparavano a memoria, vanno a ridursi. Attraverso i passi di questa esauriente guida vi sarà spiegato come formare il Present Continuous in inglese.

25

Il Present Continuous generalmente in italiano rappresenta il presente progressivo e, si usa in tre casi specifici: quando il verbo esprime un'azione presente che si svolge al momento in cui si sta parlando (sto scrivendo una lettera); quando è limitata ad un lasso di tempo (studio grammatica inglese perché fra qualche giorno avrò un esame); quando viene espresso un programma preciso per il futuro (partirò dopodomani alle 17:00). In italiano solitamente questa forma verbale viene sostituita con il presente indicativo o con STARE più il gerundio. Le espressioni di tempo che introducono la forma verbale inglese sono: at the moment, now, at the same time, at present, presently.

35

Ricordiamo che il Present Continuous è un tempo composto e necessariamente si forma utilizzando l'ausiliare "to be" al presente, coniugato con il soggetto, seguito dalla forma -ing del verbo all'infinito. Per rendere tutto estremamente più facile, facciamo qualche esempio pratico: "Have you written the letter? - No, I'm writing now" (Hai scritto la lettera? - No, la sto scrivendo adesso). È importare non usare mai questo tempo verbale nel caso in cui l'azione espressa sia abituale.

Continua la lettura
45

Invece nella forma interrogativa l'ausiliare va posto all'inizio della frase, seguito dal pronome personale e dal verbo in -ing che rimane invariato: "Where are you going?" (Dove stai andando?). La negativa, invece si forma aggiungendo la negazione not tra il Simple Present e il verbo in -ing. Quindi: "I'm not writing a letter" (Non sto scrivendo una lettera). Naturalmente ribadiamo che con un po' di esercizio, sarà tutto molto più chiaro e l'uso del present continuous sarà automatico senza commettere eccessivi errori.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Inglese: present continuous and present simple

Al giorno d'oggi, la conoscenza della lingua inglese è fondamentale e costituisce un requisito indispensabile per presentarsi al mondo del lavoro e non solo. Per essere in grado di affrontare dei dialoghi in inglese è importante disporre di una solida...
Lingue

Come usare il Present Continuous

Nella lingua inglese per esprimere il presente possono essere utilizzati sia il Simple Present che il Present Continuous (chiamato anche Present Progressive). In questa breve guida vi illustrerò la differenza tra i due tempi verbali e, soprattutto, come...
Lingue

Come formare il Present Perfect in inglese

In inglese, così come nelle altre lingue, si nota la presenza di numerose regole grammaticali. Esse riguardano la coniugazione dei verbi, la concordanza degli aggettivi e tutto ciò che ci consente di acquisire una certa padronanza in termini di lingua...
Lingue

Come usare il present perfect continuous

Il present perfect continuous è una delle regole grammaticali inglesi più ostiche in quanto può essere utilizzato per indicare diversi tipi di azioni ovvero un'azione iniziata nel passato recente e di una determinata durata, per sottolineare il prolungarsi...
Lingue

Inglese: past simple o past continuous

La lingua inglese richiede una conoscenza approfondita, in quanto rappresenta la lingua più parlata nel mondo. Per poter interagire facilmente durante i viaggi e ampliare la propria cultura personale è utile imparare bene le regole grammaticali. In...
Lingue

Inglese: come usare il present perfect

Il present perfect è un tempo verbale inglese che viene utilizzato per parlare di un'azione che, pur essendosi svolta nel passato, ha ancora qualche tipo di rapporto con il presente. Tale rapporto con il presente può avere a che fare o con il tempo...
Lingue

Come utilizzare il past simple o il present perfect in inglese

Per poter viaggiare in tutto il mondo e conoscere nuove culture è bene prima imparare a parlare in inglese, ormai diventata la lingua più famosa e diffusa al mondo, partendo comunque dalle basi, necessarie per poter apprendere via via argomenti sempre...
Lingue

Inglese: come usare il past continuous

La grammatica inglese, anche se di primo acchito può apparire difficile, è molto più semplice di quella italiana. Una delle difficoltà maggiori, nel momento in cui viene studiata, è rappresentata dai verbi e dalla loro coniugazione. Per quanto riguarda...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.