Come formare il passivo in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La forma passiva nella lingua inglese non è comune come in lingua italiana. Per favorire discorsi scorrevoli e veloci, la forma attiva ha sempre la priorità vista la semplicità. Ma in alcuni casi, come in ogni lingua, si rende indispensabile formare frasi passive. Prima di tutto un chiarimento, naturalmente utilizzando l'italiano. Nella forma attiva, il soggetto compie direttamente (o attivamente) l'azione espressa dal verbo. Se diciamo "Mario mangia una mela", l'azione è chiara e diretta. Mario, il soggetto, compie attivamente il verbo, mangiare. La forma passiva indica invece il rapporto inverso. Di solito si parla di subire un'azione, come in "Una mela è mangiata da Mario". Si vede facilmente che l'oggetto della frase attiva (la mela) diviene soggetto. In entrambe le frasi è Mario il centro dell'azione, ma i ruoli di soggetto cambiano. Passiamo ora alla forma in inglese.

25

Come formare il passivo in inglese

Le due precedenti frasi esprimono la medesima azione in modo diverso, ma la forma attiva è molto più immediata. Questa semplice frase si rende in inglese con la l'infinito del verbo mangiare, cioè "eat". La frase risulta essere "Mario eats an apple". Per andare in forma passiva, il soggetto diventerà la mela. Ora passiamo al verbo, che ha una formazione simile a quella in italiano. Si fa infatti con il verbo essere (declinato a seconda del tempo verbale), e poi il participio passato del verbo che avevamo prima. In questo caso abbiamo la terza persona (la mela è mangiata). Il verbo essere è presto fatto inserendo la terza persona, "is". Dopodiché inseriamo il participio passato di "eat", che è "eaten". Alla fine scriviamo da chi è compiuta l'azione, inserendo "by" e poi la persona che compie l'azione, cioè Mario. La frase risulta quindi essere "An apple is eaten by Mario".

35

Come formare il passivo in inglese con differenti tempi verbali

La stessa cosa avviene anche se vogliamo esprimere l'azione in un tempo passato, quando è già finita. L'unica differenza è la declinazione del verbo essere, che ora va usato al passato. Insomma al posto di "is" (è) usiamo "was" (era, fu). Otteniamo "An apple was eaten by Mario". Essa è l'esatta traduzione di "Una mela fu mangiata da Mario". Applichiamo lo stesso ragionamento con il passato prossimo, che si rende in inglese col present perfect. L'unica differenza è che "was" diventa "has been".

Continua la lettura
45

Quando è preferibile usare il passivo in inglese

La forma attiva viene prediletta, ma non sempre. Ricordiamo quindi alcuni casi in cui la forma passiva è preferibile. Un esempio è quando il soggetto dell'azione non è specificato: "An apple was eaten two days ago". Qui abbiamo "Una mela fu mangiata due giorni fa". Non conosciamo il soggetto, quindi non sapremmo che soggetto mettere, se la frase fosse attiva. Possiamo usare il passivo anche quando vogliamo dare maggiore interesse all'oggetto rispetto al soggetto dell'azione, Infine si usa per la forma impersonale. Un ottimo esempio è "Fruit is said to be healthy". Possiamo tradurlo in "Si dice che la frutta sia salutare". Non c'è un vero soggetto, perciò la forma passiva è l'ideale.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non utilizzare il passivo se rende la frase macchinosa, poco chiara o imprecisa.
  • Utilizza il passivo in forme impersonali o mancanti di un soggetto ben definito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come formare il futuro in inglese

Nella lingua inglese, il tempo futuro si può formare in tre modi differenti e, più precisamente, si ha: un present continuous (da utilizzare se si vuole parlare di un evento specifico ancora non accaduto, ma programmato con precisione), un futuro con...
Lingue

Come formare il gerundio in inglese

La guida che state per leggere avrà il suo fulcro centrale nella spiegazione della formazione dei verbi in inglese, con la maggior attenzione che verrà concentrata nello spiegare come poter riuscire a formare il gerundio in inglese. Possiamo immediatamente...
Lingue

Come formare il comparativo in inglese

Leggendo questa guida, scopriremo come formare il comparativo in inglese. Che si tratti di comparativo di maggioranza, di minoranza, di uguaglianza o di superlativi, la lingua inglese tiene conto, per quanto concerne sia gli aggettivi che gli avverbi,...
Lingue

Come formare il plurale ai sostantivi singolari nella lingua inglese

Tra le tantissime lingue esistenti al mondo, la lingua inglese rappresenta senza dubbio una tra le più conosciute e parlate. Si tratta infatti di una lingua non troppo complicata da imparare grazie alla sua struttura semplice e lineare. Essa viene adoperata...
Lingue

Come formare il futuro semplice in inglese

Un vecchio libro di grammatica britannica citava testualmente la frase inglese corretto, inglese efficace ed è proprio questo che ho intenzione di fare per voi, ovvero spiegarvi, nel modo più semplice possibile, le principali regole che bisogna seguire...
Lingue

Come formare il Present continuous in inglese

È ormai risaputo che l'inglese è diventata la lingua più diffusa al mondo e mantiene tuttora questo primato. Oltre ad essere largamente diffuso nel settore turistico e commerciale, l'inglese è usato sempre più spesso nelle comunicazioni scientifiche...
Lingue

Come formare il Present Perfect in inglese

In inglese, così come nelle altre lingue, si nota la presenza di numerose regole grammaticali. Esse riguardano la coniugazione dei verbi, la concordanza degli aggettivi e tutto ciò che ci consente di acquisire una certa padronanza in termini di lingua...
Lingue

Come formare il futuro intenzionale in inglese

L'inglese è senza nessun dubbio una delle lingue maggiormente diffuse ed usate specialmente in questo momento, dove sopra ai social network, primo fra tutti Facebook, si comunica usando spesso uno slang e dei diminutivi anglofoni. La costruzione dei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.