Come formare il gerundio in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La guida che state per leggere avrà il suo fulcro centrale nella spiegazione della formazione dei verbi in inglese, con la maggior attenzione che verrà concentrata nello spiegare come poter riuscire a formare il gerundio in inglese. Possiamo immediatamente incominciare la nostra serie di argomentazioni su questa tematica che, come scoprirete a breve, non è affatto difficile.
La lingua inglese è quella parlata in tutto il mondo, per cui se ci piace viaggiare, la conoscenza dell'inglese ci permetterà di comunicare facilmente in qualsiasi posto.
Per imparare l'inglese o altre lingue, potremo recarci presso agenzie che effetutano corsi appositi spendendo però cifre elevate. Se invece vogliamo provare a risparmiare qualcosa, potremo imparare la lingua di nostro interesse, semplicemente seguendo le moltissime guide presenti su internet.

27

Occorrente

  • studio della grammatica
37

Il gerundio in inglese

Rispetto alla lingua italiana, poter riuscire a imparare la coniugazione dei verbi in inglese non è così difficile e, inoltre, la grammatica della lingua inglese ha meno aspetti complessi in quanto a regole, che vanno a ripetersi più volte. Dovrete semplicemente prendere dimestichezza con una serie di aspetti che vi permetteranno, nel tempo, e con allenamento, di riuscire a parlare sempre con maggior fluidità la lingua inglese.
Innanzitutto bisogna sapere che il gerundio inglese traduce in italiano sia il gerundio stesso che il participio presente.
Esso si forma semplicemente dall'infinito del verbo senza il "to" e con l'aggiunta del suffisso "ing". Ad esempio: to work=lavorare, diventerà "working". Ci sono però alcune eccezioni che non possiamo trascurare.

47

La regola generale

I verbi che terminano in "e", formano la loro coniugazione nella forma del gerundio andando a far cadere la "e" finale, per poi aggiungerci il famoso suffisso "ing". Questa regola ha due eccezioni: il verbo essere "to be" e il verbo "to see", ovvero vedere.
Quindi: to love=amare diventerà "loving", to close=chiudere, diventerà "closing", to have=avere, diventerà "having".

Continua la lettura
57

I verbi terminanti in "L" e "ie".

I verbi che invece terminano in "L", se la "L" finale è preceduta da una sola vocale, formano il gerundio raddoppiando la "L" e aggiungendo il suffisso "ing".
Così: to travel=viaggiare, diventerà "travelling", mentre to conceal=nascondere, diventerà concealing. I verbi terminanti in "ie", formano invece il gerundio, trasformando "ie" in "y", e aggiungendo "ing". Ad esempio: to die=morire, diventerà "dying".

67

Altre eccezioni

Un'ulteriore eccezione è legata al numero delle sillabe. I verbi monosillabi e bisillabi accentati sull'ultima sillaba, quando la consonante finale è preceduta da una sola vocale, formano il gerundio raddoppiando la consonante e aggiungendo "ing", ad esempio: to stop=fermarsi, diventerà "stopping", to begin=cominciare, sarà "beginning".
In conclusione, eccovi un link che vi sarà di supporto per altri approfondimenti sul gerundio in inglese: http://www.ef-italia.it/risorse-inglese/grammatica-inglese/gerundio/.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come formare il Present continuous in inglese

È ormai risaputo che l'inglese è diventata la lingua più diffusa al mondo e mantiene tuttora questo primato. Oltre ad essere largamente diffuso nel settore turistico e commerciale, l'inglese è usato sempre più spesso nelle comunicazioni scientifiche...
Lingue

Come formare il futuro di probabilità in inglese

L'inglese è la lingua del futuro, anzi lo è già. Ed è proprio indispensabile conoscere almeno le basi grammaticali per poter dialogare o quanto meno cercare di farlo, sopratutto nel mondo del lavoro, che è sempre più all'insegna della globalizzazione....
Lingue

Come formare il futuro in inglese

Nella lingua inglese, il tempo futuro si può formare in tre modi differenti e, più precisamente, si ha: un present continuous (da utilizzare se si vuole parlare di un evento specifico ancora non accaduto, ma programmato con precisione), un futuro con...
Lingue

Come formare il passivo in inglese

La forma passiva nella lingua inglese non è comune come in lingua italiana. Per favorire discorsi scorrevoli e veloci, la forma attiva ha sempre la priorità vista la semplicità. Ma in alcuni casi, come in ogni lingua, si rende indispensabile formare...
Lingue

Come formare il comparativo in inglese

Leggendo questa guida, scopriremo come formare il comparativo in inglese. Che si tratti di comparativo di maggioranza, di minoranza, di uguaglianza o di superlativi, la lingua inglese tiene conto, per quanto concerne sia gli aggettivi che gli avverbi,...
Lingue

Come formare il plurale ai sostantivi singolari nella lingua inglese

Tra le tantissime lingue esistenti al mondo, la lingua inglese rappresenta senza dubbio una tra le più conosciute e parlate. Si tratta infatti di una lingua non troppo complicata da imparare grazie alla sua struttura semplice e lineare. Essa viene adoperata...
Lingue

Come formare il futuro semplice in inglese

Un vecchio libro di grammatica britannica citava testualmente la frase inglese corretto, inglese efficace ed è proprio questo che ho intenzione di fare per voi, ovvero spiegarvi, nel modo più semplice possibile, le principali regole che bisogna seguire...
Lingue

Come formare il Present Perfect in inglese

In inglese, così come nelle altre lingue, si nota la presenza di numerose regole grammaticali. Esse riguardano la coniugazione dei verbi, la concordanza degli aggettivi e tutto ciò che ci consente di acquisire una certa padronanza in termini di lingua...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.