Come formare il futuro intenzionale in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

L'inglese è senza nessun dubbio una delle lingue maggiormente diffuse ed usate specialmente in questo momento, dove sopra ai social network, primo fra tutti Facebook, si comunica usando spesso uno slang e dei diminutivi anglofoni. La costruzione dei tempi verbali è basata su precise ma poche regole grammaticali e nel caso del "Futuro intenzionale", il tempo che si ritrova maggiormente frequente nei testi inglesi, è la sua costruzione, che diventa molto semplice se seguirete tale articolo breve. Anche se la lingua italiana resta una delle lingue più difficili da imparare grammaticalmente, l'inglese per tante persone rappresenta veramente uno scoglio linguistico malgrado i programmi ministeriali l'abbiano da tempo inserito come seconda lingua nella scuola dell'obbligo. Continuate la lettura per capire come formare in modo corretto, il futuro intenzionale in inglese. Buona lettura e buon lavoro!

24

Nella lingua italiana il futuro chiamato intenzionale non esiste

Dobbiamo subito fare una premessa che nella lingua italiana, il futuro chiamato intenzionale, non esiste, però si potrà semplificare tutto quanto dicendo che per futuro intenzionale si vuole intendere l'intenzione, di fare e quindi compiere un'azione, e perciò "avere intenzione di". Esso viene tradotto in italiano col futuro semplice nell'accezione di voler specificare l'imminenza di un'azione, oppure un'azione che implichi intenzionalità.

34

Il futuro incombente indica un'azione che si sta per verificare

Sia il futuro intenzionale che il futuro incombente in inglese si traducono con l'espressione "to be going to", cioè "avere intenzione di", oppure "stare per". Si riferisce, in italiano, anche al verificarsi dell'azione a prescindere dalla volontà altrui. Il futuro incombente, legato al futuro intenzionale strettamente, è definito tale perché indica un'azione che si sta per verificare, cioè qualcosa che sta per capitare a momenti, incombente.

Continua la lettura
44

Vi proponiamo alcuni esempi per capire meglio

Per capire e comprende nel miglior modo quello che abbiamo detto fino ad ora, vi proponiamo una serie di esempi concreti, dandovi la possibilità di recepire nel modo migliore, tale costruzione verbale. Ipotizziamo di dover tradurre in inglese tale frase: "Elisabeth ha intenzione di guardare la TV questo pomeriggio". "Questo pomeriggio" indica una frazione di tempo molto vicino al momento in cui si pronuncia la frase, ed è quindi un'azione incombente. Utilizzando il "to be going to", potrete tradurre la frase in tal modo: "Elisabeth is going to watch TV this afternoon".
Vi facciamo un altro esempio dell'uso del futuro intenzionale, che potrebbe essere questo a seguire.
Il cielo è nuvoloso, pioverà. Sempre quindi usando il "to be going to", potrete tradurre in tal modo "It's cloudy, It's going to rain".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come formare il futuro in inglese

Nella lingua inglese, il tempo futuro si può formare in tre modi differenti e, più precisamente, si ha: un present continuous (da utilizzare se si vuole parlare di un evento specifico ancora non accaduto, ma programmato con precisione), un futuro con...
Elementari e Medie

Metodo Montessori: 10 principi per educare i bambini

Per Metodo Montessori intendiamo qual particolare approccio educativo sviluppato nel 1897 da Maria Montessori. Il destinatario di tale sistema è il bambino che si trova in una fascia di età che va dalla nascita ai diciotto anni. La nostra lista sul...
Lingue

I 10 errori più comuni che gli italiani commettono in inglese

L'inglese è una lingua ricca di storia e di facile apprendimento. La sua grammatica presenta certo delle particolarità, ma in misura minore rispetto alla lingua italiana. Questa semplicità, se da un lato è apprezzata dagli studenti, a volte può trarli...
Elementari e Medie

Come Usare Il Future In The Past Nella Lingua Inglese

Quando ci si riferisce ad un evento che deve avvenire in futuro, rispetto ad un momento del passato, si parla di Future in the past o in italiano futuro nel passato. Ci sono diverse forme del futuro nel passato inglese, che corrispondono alle forme che...
Lingue

Come utilizzare il futuro in inglese

Nella lingua inglese esistono diverse forme che si possono impiegare per esprimere un'azione futura. Ogni singola modalità si utilizza per esprimere uno specifico significato che si distingue dagli altri. Tuttavia è opportuno precisare che, qualora...
Lingue

Inglese: come usare il past continuous

La grammatica inglese, anche se di primo acchito può apparire difficile, è molto più semplice di quella italiana. Una delle difficoltà maggiori, nel momento in cui viene studiata, è rappresentata dai verbi e dalla loro coniugazione. Per quanto riguarda...
Lingue

Come evitare gli errori più comuni in inglese

L'inglese è la lingua più parlata in tutto il mondo ed ormai viene studiata a scuola dalle classi elementari. Per i giovani è abbastanza semplice l'apprendimento della lingua, infatti studiando già da bambini si riesce ad affrontare la lingua in maniera...
Lingue

Francese: il futuro

Il Francese è una lingua "romanza" indoeuropea e viene parlato come lingua madre da 150 milioni di persone a cui se ne aggiungono altrettanti (e anche di più) che la utilizzano come lingua ufficiale al pari di un'altra. A parte ovviamente la Francia,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.