Come Fattorizzare Un Polinomio

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se siete alle prese con lo studio della matematica e vi servono dei chiarimenti su come fattorizzare un polinomio, nella guida che segue vi saranno fornite tutte le spiegazioni utili affinché possiate capire tale concetto. Ricordate innanzitutto che è di fondamentale importanza saper portare un polinomio nella sua forma ridotta, cioè fattorizzarlo. Vediamo insieme, passo dopo passo, come procedere e quale metodo adottare per tale scopo.

26

Occorrente

  • Nozioni base di algebra
36

Utilizzare il criterio di Einstein

La fattorizzazione in insiemi più semplici come Z e Q è vincolata da leggi più restrittive e quindi non è sempre semplice da attuare. Per semplificare le cose potete certamente utilizzare il criterio di Einstein. Quest'ultimo afferma che se esiste un numero primo che divide tutti i coefficienti, eccetto quello legato alla variabile con l'esponente maggiore e il quadrato di tale numero non divide il termine noto, allora il polinomio è irriducibile in Q[x] (insieme dei polinomi a coefficienti in Q). Inoltre se tale polinomio è primitivo, sarà irriducibile anche in Z[x]. Buono studio.

46

Effettuare una scomposizione del polinomio

Ovviamente non tutti i polinomi sono scomponibili nell'insieme dei numeri reali e quindi dovete prestare molta attenzione a questo. Infatti, nel caso in cui la radice di un polinomio non appartiene a quell'insieme, non è possibile effettuare una scomposizione del polinomio. Per esempio X^2 più 1 non è scomponibile in R perché le sue radici sono "i" e "-i". Questi due numeri appartengono all'insieme dei numeri complessi C e quindi questo polinomio è fattorizzabile solo in C o in un insieme che lo contiene interamente.

Continua la lettura
56

Trovare le radici del polinomio

Per ridurre un polinomio è necessario innanzitutto trasformare un polinomio di grado maggiore nel prodotto di due o più polinomi di grado inferiore a quello. Per ridurre un polinomio in R potete ricorrere a varie metodologie di cui siete a conoscenza, ma il migliore è trovare le radici del polinomio, ovvero le soluzioni dell'equazione del polinomio posto uguale a zero. Nel caso in cui questo sia di grado due, basterà utilizzare la formula risolutiva delle equazioni di secondo grado. Se invece l'equazione ha grado maggiore rispetto al secondo, la maniera più adatta è quella di procedere per tentativi utilizzando non dei numeri presi a caso, ma i divisori del termine noto, cioè il coefficiente che non ha alcuna incognita accanto. Successivamente disponete tali numeri al posto dell'incognita nel polinomio e quando otterrete zero come risultato potrete ricavare una radice del polinomio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come applicare il criterio di Routh

In matematica il criterio di Routh-Hurwitz viene utilizzato per determinare il numero delle radici a parte reale, le quali possono essere sia positive che negative. Tale radici fanno riferimento ad un polinomio, nel quale si parte dai suoi coefficienti...
Università e Master

Come risolvere equazioni differenziali a coefficienti costanti

Un'equazione differenziale a coefficienti costanti è un'equazione del tipo:ay'' + by' + cy = f (t).Se f (t) = 0 l'equazione è detta omogenea, altrimenti è detta completa.Grazie al principio di sovrapposizione, l'integrale generale di un'equazione completa...
Università e Master

Come calcolare una spline cubica

Nel corso dei nostri studi, scolastici o universitari, ci siamo imbattuti in materie piuttosto ostiche e difficili. Tra queste vi è, senza ombra di dubbio, la matematica. Questa materia racchiude al proprio interno tematiche e argomenti davvero molto...
Università e Master

Teorema di diagonalizzabilità: dimostrazione

Il teorema di diagonalizzabilità è un pilastro dell'algebra lineare che ci aiuta a dare spiegazioni di tipo pratico in altri campi dello studio moderno come la meccanica strutturale o semplicemente a chiarirci come un comportamento fisico, descritto...
Università e Master

Il teorema di Taylor

Buona parte dell'analisi matematica è formata da teoremi elaborati nel passato e funzionanti ancora oggi, segno della grande apertura mentale delle eccezionali menti del passato e che ancora in epoca contemporanea non smettono di stupire grazie all'incredibile...
Università e Master

Teorema di Bézout: dimostrazione

La matematica è una materia piuttosto complessa e di non facile comprensione per la maggior parte degli degli studenti. Per poterla capire a fondo sono necessari diversi anni di studio ed esercizio, soprattutto per la gran quantità di teoremi di cui...
Università e Master

Come tracciare il luogo delle radici

In analisi complessa il luogo delle radici è il luogo geometrico delle radici di una funzione complessa esposto a cambiare di un suo parametro reale, raffigurato sul piano di Gauss. Il luogo delle radici si può tracciare anche con il comando “rlocus”....
Università e Master

Come utilizzare la formula di Stirling per i limiti di successioni

Nello studio dell'analisi matematica compaiono spesso quelli che vengono definiti come limiti di successioni. Sostanzialmente si tratta di capire a che valore tende una determinata funzione a mano a mano che si avvicina a limiti che non potrebbe raggiungere....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.