Come Fattorizzare Un Polinomio

Tramite: O2O 20/08/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se siete alle prese con lo studio della matematica e vi servono dei chiarimenti su come fattorizzare un polinomio, nella guida che segue vi saranno fornite tutte le spiegazioni utili affinché possiate capire tale concetto. Ricordate innanzitutto che è di fondamentale importanza saper portare un polinomio nella sua forma ridotta, cioè fattorizzarlo. Vediamo insieme, passo dopo passo, come procedere e quale metodo adottare per tale scopo.

26

Occorrente

  • Nozioni base di algebra
36

Utilizzare il criterio di Einstein

La fattorizzazione in insiemi più semplici come Z e Q è vincolata da leggi più restrittive e quindi non è sempre semplice da attuare. Per semplificare le cose potete certamente utilizzare il criterio di Einstein. Quest'ultimo afferma che se esiste un numero primo che divide tutti i coefficienti, eccetto quello legato alla variabile con l'esponente maggiore e il quadrato di tale numero non divide il termine noto, allora il polinomio è irriducibile in Q[x] (insieme dei polinomi a coefficienti in Q). Inoltre se tale polinomio è primitivo, sarà irriducibile anche in Z[x]. Buono studio.

46

Effettuare una scomposizione del polinomio

Ovviamente non tutti i polinomi sono scomponibili nell'insieme dei numeri reali e quindi dovete prestare molta attenzione a questo. Infatti, nel caso in cui la radice di un polinomio non appartiene a quell'insieme, non è possibile effettuare una scomposizione del polinomio. Per esempio X^2 più 1 non è scomponibile in R perché le sue radici sono "i" e "-i". Questi due numeri appartengono all'insieme dei numeri complessi C e quindi questo polinomio è fattorizzabile solo in C o in un insieme che lo contiene interamente.

Continua la lettura
56

Trovare le radici del polinomio

Per ridurre un polinomio è necessario innanzitutto trasformare un polinomio di grado maggiore nel prodotto di due o più polinomi di grado inferiore a quello. Per ridurre un polinomio in R potete ricorrere a varie metodologie di cui siete a conoscenza, ma il migliore è trovare le radici del polinomio, ovvero le soluzioni dell'equazione del polinomio posto uguale a zero. Nel caso in cui questo sia di grado due, basterà utilizzare la formula risolutiva delle equazioni di secondo grado. Se invece l'equazione ha grado maggiore rispetto al secondo, la maniera più adatta è quella di procedere per tentativi utilizzando non dei numeri presi a caso, ma i divisori del termine noto, cioè il coefficiente che non ha alcuna incognita accanto. Successivamente disponete tali numeri al posto dell'incognita nel polinomio e quando otterrete zero come risultato potrete ricavare una radice del polinomio.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per capire bene la fattorizzazione di un polinomio dovrete eseguire parecchi esercizi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Disuguaglianza di Cauchy-Schwarz

Tra le tante materie scolastiche che si studiano appunto a scuola, c'è la matematica. Essa è risultata dai tanti sondaggi fatti con i mass-media, tra le discipline più odiate dai giovani. Ma essa si sa che è molto importante studiarla per tanti e...
Università e Master

Teorema di Buckingham: dimostrazione

Il Teorema di Buckingham, detto anche teorema pi greco, è uno dei capitoli centrali della fisica. Il problema centrale della questione è trovare una relazione che leghi una grandezza fisica di una determinata equazione di un processo fisico alle altre...
Università e Master

Come risolvere un sistema di equazioni differenziali

Le equazioni differenziali sono universalmente conosciute come uno degli esercizi più difficili per l'esame di Analisi II. Possono essere di vario tipo e il grado di elevazione può variare da 1 ad n. In questa guida vedremo come risolvere un sistema...
Università e Master

Teorema della bisettrice: dimostrazione

La matematica è una materia ricca di formule, è vero, ma non richiede soltanto un impegno di tipo mnemonico. In questa disciplina è molto importante il ragionamento, che va sfruttato per applicare le formule ai diversi problemi. Lo studio della geometria,...
Università e Master

Come funziona la crittografia RSA

Iniziamo questa guida con il capire cos'è la crittografia RSA.In seguito vedremo anche da cosa è costituita, l'esempio pratico e le varie fasi.RSA è l'acronimo di Ron Rivest, Adi Shamir e Leonard Adleman, che per primi descrissero pubblicamente l'algoritmo...
Università e Master

Come disegnare un diagramma di Bode a mano

Per analizzare la risposta in frequenza di una funzione di trasferimento si possono impiegare vari metodi, uno di questi si basa sul tracciamento del diagramma di Bode, che riporta su due carte distinte la risposta in ampiezza ed in fase, utilizzando...