Come farsi rispettare dagli alunni

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La scuola ha fatto segnare qualche punto a suo sfavore in merito all'educazione dei ragazzi rispetto a qualche anno fa, quando ancora sia gli insegnanti che il personale non docente rivestivano un ruolo molto importante nella vita dei ragazzi. Il vecchio maestro, un tempo era considerato una figura di spicco, un'autorità il cui parere aveva un peso. Oggi purtroppo i tempi sono completamente cambiati, gli insegnati non svolgono più un ruolo importante nell'educazione. Vediamo, dunque, come "tornare" a farsi rispettare dagli alunni.

26

Occorrente

  • pazienza
36

I ruoli

Una volta il concetto era opposto, ovvero gli alunni temevano le sfuriate degli insegnanti, il fatto stesso di essere minacciati di una punizione era sufficiente per mettere a tacere qualsiasi problematica. Oggi, come abbiamo già detto, questo non succede più, i ruoli sono completamente cambiati e purtroppo sono gli insegnanti a trovarsi nella posizione di maggior svantaggio rispetto agli alunni. Questo però non toglie che si debba comunque cercare di ottenere dai ragazzi il massimo rispetto. Deve forse essere specificato il fatto che la gioventù moderna è molto più colta e disinibita rispetto a quella di una volta, oggi i ragazzi sanno che svolgono un ruolo importante per il futuro, quindi esigono di essere trattati come adulti responsabili.

46

Coinvolgere gli studenti

Una cosa molto importante è coinvolgere i vostri studenti, facendoli interagire alle lezioni, ascoltando le loro opinioni, mettendo in pratica le idee che hanno da raccontare. Facendoli sentire alla nostra altezza e non come perfetti subordinati ai quali sottoporre solo il nostro volere, otterremo la loro stima e rispetto. Essere severi quando occorre ma anche molto comprensivi può sicuramente essere il giusto passo verso l'armonia più totale. Altro metodo potrebbe essere quello di fare lezione direttamente in mezzo ai banchi, camminando fra loro, interagendo, ponendo domande, attirando in tutti i modi la loro curiosità, facendoli sentire al nostro pari. Rimanere sempre sedute alla cattedra potrebbe dare l'impressione di voler imporre la nostra presenza e le nostre idee.

Continua la lettura
56

Il giusto equilibrio

Per un insegnante ottenere il massimo del rispetto dai propri alunni, a volte potrebbe richiedere davvero un notevole sforzo, ma se fin dall'inizio viene stabilito il giusto equilibrio forse le cose possono anche diventare molto semplici. Il primo approccio è quello che conta, la prima volta che insegnanti e alunni si incontrano sui banchi di scuola è in quel preciso momento che si svolge la partita che durerà per tutto l'anno scolastico. Per farsi rispettare dai ragazzi la cosa basilare è quella di rispettare noi stessi in prima persona, con più il nostro grado di autostima è alto, e più daremo l'idea di essere persone ben equilibrate, dal polso fermo e le idee ben chiare.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Farsi rispettare dai propri alunni è sicuramente una grande impresa ma con un pochino di pazienza e tanta psicologia i risultati non tarderanno ad arrivare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

5 idee per mantenere viva l'attenzione in classe

Il mestiere dell'insegnante non è mai stato facile: seguire il programma, organizzare le lezioni, capire le difficoltà individuali degli alunni e dare loro il giusto sostegno. Talvolta in questo mestiere è possibile anche dover affrontare i cali di...
Elementari e Medie

Come integrare alunni stranieri

Nel corso degli ultimi venti anni, si può notare un vero e proprio cambiamento nelle classi delle scuole, dovuto all'aumento dell'immigrazione. Attualmente, si registra un maggior numero di studenti stranieri e ciò comporta una maggiore considerazione...
Elementari e Medie

Come gestire una classe indisciplinata

Diventare insegnanti è prima che un lavoro, un sogno e/o una passione da realizzare con impegno e sacrificio. Essere responsabili di classi, a volte con più di 20 alunni, è cosa assai complicata. Le difficoltà si possono incontrare sia che si...
Elementari e Medie

Come valutare un alunno con disabilità

La disabilità è ormai un fattore costante tra i banchi di scuola. In sempre più classi sono presenti uno o più alunni disabili (o diversamente abili). Il che non rappresenta assolutamente un problema di alcun tipo. Bisogna considerare alcuni punti...
Elementari e Medie

10 consigli utili per gestire una classe

Fare l'insegnante non è assolutamente facile per chi si trova alle prime armi con questa esperienza. Insegnare in una classe certe volte può essere davvero difficoltoso, soprattutto quando la classe è davvero composta da alunni ingestibili. Eccovi...
Superiori

Come organizzare una gita scolastica

La gita scolastica è sicuramente uno dei momenti più attesi dagli studenti che potranno passare alcuni giorni insieme ai propri compagni di classe. Oltre al divertimento, il viaggio d'istruzione permette agli alunni di poter vedere dal vivo alcuni elementi...
Elementari e Medie

5 cose che disturbano una lezione

Quando si insegna in una classe di ragazzi, spesso non è facile mantenere l'attenzione e il silenzio. I ragazzi sono spesso distratti da vari fattori e possono disturbare la classe. È sempre meglio (se non siete ancora degli esperti insegnati), prepararsi...
Superiori

Consigli per relazionarsi a un professore difficile

Frequentare la scuola, oltre a studiare, significa anche relazionarsi a più persone, in primis compagni di classe ed insegnanti. Con loro si trascorrono molte ore ed è fondamentale saper gestire i rapporti. In particolare è importante non attirare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.