Come farsi promuovere a scuola

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La scuola è un importante momento di formazione culturale e personale, che propone molte sfide didattiche e personali. Sebbene queste possano essere fonte di stress e ansia, esse sono importanti per testare le capacità dei ragazzi ed aiutarli a crescere. Inoltre possono essere superate grazie all'impegno, alla costanza e alla collaborazione tra scuola e famiglia. Ecco una serie di consigli generali per i giovani studenti, perché li aiutino a capire come farsi promuovere:.

24

Prendere appunti durante la lezione

Spesso si tende a sottovalutare l'importanza degli appunti presi durante la lezione: pensiamo che l'argomento sia riportato anche sul libro, o di poter facilmente memorizzare il tutto... In realtà trascrivere estemporaneamente le parti salienti della spiegazione è un grande incentivo alla sua assimilazione, inoltre è possibile che alcune delle informazioni date dai professori non siano poi presenti sul testo. Prendere appunti è quasi metà dello studio, quando nel pomeriggio andrete a rileggerli procederete molto più spediti e non dovrete sforzarvi di ricordare ciò che è stato detto al mattino.

34

Comunicare con compagni e docenti

La pratica del social networking, cioè del creare una rete efficiente di rapporti sociali, è importante anche in ambito scolastico. Confrontare i propri appunti con quelli dei compagni può aiutarci ad avere una visione più completa della materia, e a verificare eventuali lacune nel nostro lavoro. Inoltre uno scambio di notizie rapido ed efficace può metterci a parte di iniziative o cambiamenti di orari che ci erano sfuggiti. Insieme ai propri compagni è anche possibile comunicare dubbi o richieste collettivi ai docenti, magari chiedendo di ripetere un argomento specifico o di cambiare le modalità di interrogazione. Potrebbe essere anche d'aiuto chiedere ai professori risorse ulteriori per gli argomenti più difficili, come ad esempio schemi o specchietti.

Continua la lettura
44

Organizzare il proprio studio domestico

L'organizzazione dello studio domestico è fondamentale: studiare a lungo ma in modo caotico o disorganizzato rende inutili i nostri sforzi. La prima cosa da fare è organizzare una routine equilibrata, che alterni momenti sui libri a break, in modo da mantenerci attenti. Inoltre le materie vanno organizzate secondo mole ed urgenza: i compiti più lunghi e con la data di consegna più vicina sono quelli da svolgere per primi... Se necessario disponiamo anche lezioni e ripetizioni private: è meglio colmare le lacune didattiche il prima possibile, piuttosto che trascinarle per tutto l'anno scolastico, rischiando di compromettere anche le materie collegate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

5 metodi infallibili per copiare a scuola

Giusto o sbagliato l'abbiamo fatto tutti o lo faremo tutti almeno una volta. Copiare a scuola è da sempre un trucchetto molto valido per superare verifiche e compiti in classe senza aver studiato per bene. Anche se non incitiamo a questa pratica in quanto...
Superiori

10 cose da fare l'ultimo giorno di scuola

Che suoni la campanella dell'ultimo giorno di scuola dell'anno o della nostra vita, è obbligatorio per i ragazzi, dopo tanti sacrifici, festeggiare il meritato riposo.  Ma come celebrare la fine delle interrogazioni, dei compiti in classe, dello studio...
Superiori

5 modi per non farsi interrogare

Le interrogazioni rappresentano il momento più temuto da ogni studente. Quando il professore annuncia un'interrogazione imminente, sale la paura di essere lo sfortunato di turno. Nessuno può avere la certezza di sfuggire alle domande dell'interrogazione,...
Superiori

5 consigli per affrontare la scuola al meglio

Per tanti bambini e tanti ragazzi, la scuola rappresenta una vera e propria tortura! L'affrontano con scarso entusiasmo, come una forzatura. Molti bambini e ragazzi appaiono demotivati e disinteressati allo studio, alle attività curricolari e a tutte...
Superiori

10 regole per tornare a scuola con il sorriso

Con la fine dell'estate e delle divertenti vacanze al mare, per un giovane studente è sempre molto difficile rinunciare al relax, ai giochi ed alle compagnie estive per tornare tra i banchi di scuola. Riprendere la solita routine di studio ed impegno...
Superiori

Come avere un atteggiamento positivo a scuola

Andare a scuola, per molti bambini, può costituire una vera e propria seccatura. Anche molti ragazzi, crescendo con l'età, possono provare dei malumori oppure un atteggiamento ostile e negativo nei confronti dell'attività scolastica. Questo può avvenire...
Superiori

Come realizzare uno spot a scuola

Voi studenti avete avuto l'incarico di realizzare uno spot di un qualche prodotto, magari per qualche progetto, a scuola? Bene, se avete già richiesto tutti i diversi permessi al/la preside e ai vari insegnanti, ecco come fare. Grazie a questa guida...
Superiori

Come cambiare scuola

Generalmente quando si conclude il ciclo della scuola secondaria di primo grado e necessariamente si deve cambiare scuola, ci si trova di fronte a una vasta rosa di possibilità. Ci sono i licei di vario tipo come il liceo classico, il liceo scientifico,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.