Come Fare Un'Immunofluorescenza Indiretta

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'immunofluorescenza indiretta è una tecnica scientifica molto diffusa poiché permette di visualizzare perfettamente ed in maniera veloce una determinata proteina da ricercare in un campione di orgine biologica. L'immunofluorescenza indiretta si basa sul principio secondo il quale, mediante l'uso di anticorpi coniugati a fluorofori, si può scoprire una specifica proteina. Non funziona affatto come l'immunofluorescenza diretta: nel nostro caso si sfrutta un secondo anticorpo legato ad un cromoforo il quale lega al primo anticorpo. La tecnica più rapida è quella che sfrutta la modalità diretta, inoltre richiede un minor numero di lavaggi e possiede tempi di incubazione limitati.

24

Prima di tutto dovete fissare il preparato con della paraformaldeide. La paraformaldeide permette di immobilizzare il tessuto o le cellule nel loro originario stato vitale. Quella in eccesso dev'essere, in seguito, lavata via con una soluzione fisiologica, il PBS dopodiché è consigliabile aggiungere della glicina che permette di mascherare tutti i legami aldeidici scoperti della para-formaldeide che ha immobilizzato il campione, evitando così che l'anticorpo che verrà aggiunto successivamente si leghi in modo aspecifico (con legami idrogeno, forza di Van der Waals) al tuo campione.

34

Dopo opportuni lavaggi in PBS, dovrete procedere con il saturare per un'ora intera il vostro campione con il siero immune dell'animale dal quale il campione è stato prelevato (ad esempio topo) o BSA (Albumina sierica bovina) per mascherare tutti i siti aspecifici a cui eventualmente l'anticorpo potrebbe finire per legare irreversibilmente, rovinando del tutto i risultati. Dopo ulteriori lavaggi in PBS potrete incubare il campione con l'anticorpo primario, prodotto in una determinata specie, ad esempio coniglio (rabbit). Questo anticorpo, monoclonale, in media è più concentrato rispetto all'anticorpo secondario (c'è un rapporto 1:1 tra l'anticorpo primario e l'antigene della proteina di nostro interesse) e lo si lascia agire a 4 gradi OverNight.

Continua la lettura
44

A questo punto potete pure incubare il campione con l'anticorpo secondario, prodotto in una specie diversa rispetto a quella nel quale è stato prodotto il primario -ad esempio capra-, e capace di riconoscerlo (es: goat anti-rabbit). Come anticipavo prima, solitamente il secondario può essere più diluito e la sua caratteristica è quella di avere coniugato un Fluoroforo, come la Rodamina che, se eccitata emette nel visibile del Rosso, dando dunque una Fluorescenza rossa. I tempi di incubazione del secondario variano in media da tre quarti d'ora a un'ora. Inseguito lavate al meglio via l'eccesso di anticorpo secondario con PBS e montate il vetrino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come fare un western blot

Il "western blot", conosciuto anche come processo di immunorivelazione, è una tecnica immunochimica mediante la quale è possibile eseguire l'identificazione della presenza di determinate proteine all'interno di una miscela; questa verifica avviene tramite...
Università e Master

Come Trasferire Le Proteine Dal Gel Alla Membrana Di Nitrocellulosa

Il western blot è una tecnica biochimica che permette di identificare una determinata proteina in una miscela di proteine, mediante il riconoscimento da parte di anticorpi specifici. Nello specifico, per facilitare il riconoscimento, la miscela di proteine...
Università e Master

Come fare la conta cellulare

La conta delle cellule o conta microbica, può essere effettuata per le colture, come conta endoteliale (ovvero la conta delle cellule situate all'interno della cornea) e in molti altri differenti modi. Per chi è alle prime armi con questa tipologia...
Superiori

Come costruire un questionario attendibile

Saper utilizzare il computer e tutte le sue funzioni è importante per saper risolvere i problemi che potrebbero presentarsi. Non tutti però hanno le basi per capire come fare. Se si sta affrontando la prima esperienza da ricercatore e non si sa ancora...
Lingue

Inglese: discorso diretto e indiretto

Il discorso diretto e il discorso indiretto sono i due modi in cui può essere riportata una conversazione. Il discorso diretto, usato di solito nelle narrazioni, riporta le parole tra virgolette così come vengono esposte dall'interlocutore. Quello indiretto,...
Lingue

Lingua giapponese: la costruzione indiretta

Nella lingua giapponese si ricorre all'utilizzo di costruzioni particolari, che saranno argomento di questa breve guida. Innanzitutto, occorre fare un'importante premessa circa la costruzione indiretta del discorso. La costruzione indiretta si utilizza...
Lingue

Lingua tedesca: la costruzione indiretta

Quando si decide di imparare la lingua tedesca, si deve innanzitutto tenere bene a mente una cosa essenziale: la struttura con cui si costruisce una frase principale può essere in due diversi modi, ovvero la costruzione diretta e quella indiretta. È...
Lingue

Spagnolo: discorso indiretto

Il discorso diretto riporta esattamente ciò che è stato detto da qualcun altro mentre il discorso indiretto riproduce in forma appunto indiretta quanto un'altra persona ha detto o pensato. Solitamente la frase subordinata è unita a quella principale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.