Come fare una relazione educativa

Tramite: O2O 24/06/2019
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili su come fare nel migliore dei modi una relazione educativa. Quando si parla di relazione educativa, si intende esattamente tutto un insieme di rapporti che che si creano fra colui che svolge la professione di educatore ed il soggetto che viene educato. Tutto ciò deve assolutamente portare a perseguire determinati obiettivi educativi in certe circostanze. Da tutto questo si evincono quindi delle caratteristiche sia a livello cognitivo che cognitivo, con la particolarità che queste ultime risultano ambedue identificabili, avendo tra l'altro sia una storia che uno svolgimento. All'apparenza può sembrare un argomento abbastanza ostico da affrontare, ma se verrà seguito con accurata attenzione, non potrà che portare degli ottimi risultati.

25

Le caratteristiche dell'educatore

Andando ora a parlare di quelle che sono le caratteristiche tipiche dell'educatore, va detto che colui che esercita questo tipo di professione, deve essere in possesso di tutti quanti i requisiti per poter svolgere l'attività in questione. Il tutto lo porterà sicuramente a raggiungere tutti gli obiettivi educativi, secondo delle procedure ben mirate. Da ciò ne consegue che l'educatore di turno, di sua spontanea volontà, mette in atto nel suo rapporto educativo degli obiettivi ben precisi da raggiungere sia in ambito affettivo che cognitivo, senza però tralasciare sia il campo relazionale che emotivo. Va poi rilevato che le soluzioni possono essere le più disparate, a condizione che comunque si vada a creare un contatto fra i due soggetti interessati, vale a dire l'educatore e colui che sarà educato.

35

Le competenze dell'educatore

In questo passaggio si andranno ad analizzare quelle che sono le competenze dell'educatore. Innanzitutto va evidenziato che la relazione educativa è vista anche come relazione d'aiuto perché risulta alquanto semplice incontrare persone deboli che non abbiano una propria autonomia e dipendono di conseguenza dagli altri. La bravura dell'educatore dunque starà anche nel fatto di far sentire il soggetto da educare meno estraniato e di conseguenza più coinvolto nella società e senza avere così il peso della diversità. Per l'educatore risulterà così necessario creare un rapporto equilibrato, nel quale figureranno i suoi lati istintivi. Per riuscire nell'intento di fare tutto ciò, dovrà prima di tutto avere molta fiducia in se stesso. Così facendo, stendere la relazione educativa sarà più facile, visto e considerato che l'educatore medesimo sarà assolutamente in grado di scoprire quali siano i punti deboli e quelli di forza che ciascuno possiede, essendoci anche spazio per i propri limiti. L'educatore così potrà avere le giuste competenze e potenzialità ed assieme a queste, anche le competenze relazionali, malgrado in una situazione di questo tipo si andranno a creare degli ovvi disagi.

Continua la lettura
45

I benefici dell'educatore

In quest'ultimo passaggio, si parlerà dei benefici che l'educatore può portare al soggetto educato. Infatti, proprio l'educatore, interagendo con il soggetto da educare, gli potrà portare senza dubbio dei benefici piuttosto rilevanti, dando così a quest'ultima dei maggiori stimoli a farla migliorare nei vari aspetti. Tutto ciò non è possibile se non ci si mette in relazione con l'educando di turno sin dai primi approcci. Una volta superata questa fase, allora sarà possibile trovare tutte le risposte sulle varie reazioni emotive della persona educare, sino ad arrivare alle paure che ha avuto nel corso degli anni e che hanno causato le relative incertezze.

55

La stesura della relazione educativa

Una volta terminato il tutto, sarà dunque possibile procedere alla stesura della relazione educativa. Per stenderla ci vorrà un po' di tempo, ma nella stessa dovranno essere riportate nel dettaglio tutte le attività svolte con l'educando di turno e tutti i progressi che quest'ultimo ha fatto nel corso delle stesse.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come valutare un progetto educativo

Valutare un progetto educativo non è cosa semplice: la valutazione, infatti, che può avvenire tanto da parte degli organizzatori del progetto stesso (in questo caso si parla di autovalutazione), che da parte dei soggetti interessati o, addirittura,...
Elementari e Medie

Come dimostrare il primo teorema di Euclide

Tra i matematici più importanti e che hanno contribuito a fondare le basi della geometria piana, un posto fondamentale è occupato da Euclide. Fu proprio il matematico greco a teorizzare due teoremi importantissimi che permettono di mettere in relazione...
Elementari e Medie

Come verificare la divisione con la prova del nove

La prova del nove viene utilizzata in matematica per controllare l'esattezza del risultato della moltiplicazione e della divisione. Nel caso di divisione con il resto, il procedimento presenta qualche piccola variante. Questa semplicissima e pratica guida...
Elementari e Medie

Come condurre un esperimento scientifico

L'esperimento scientifico è finalizzato a confutare o confermare una tesi. Si tratta di riprodurre un particolare evento naturale in laboratorio, tenendo così sotto controllo le variabili. Con Galileo Galilei l'esperimento divenne centrale: egli si...
Elementari e Medie

Come organizzare una recita scolastica

La recita scolastica è uno dei momenti più emozionanti per la vita di un genitore, che attende con ansia il momento in cui il proprio figlio pronuncia le battute provate e studiate. Riuscire a preparare e organizzare una recita scolastica, però, non...
Elementari e Medie

Come misurare un angolo senza goniometro

La geometria è una disciplina che studia le figure nel piano e nello spazio. Speso si dice che si può usare solo riga e compasso per una costruzione, anche molto complessa, perché esistono proprietà che rendono superfluo per esempio l'uso di strumenti,...
Elementari e Medie

Come determinare il seno, il coseno e la tangente

La Trigonometria, insieme alla Goniometria, è la branca della Matematica che studia le funzioni trigonometriche e mette in relazione la Geometria Piana con l'Analisi Matematica, fornendo un approccio analitico allo studio della Geometria. In matematica,...
Elementari e Medie

Come trovare il raggio di un angolo

Con raggio di un angolo si intende banalmente il segmento che unisce il centro di un settore circolare con l'arco di circonferenza di tale settore. Trovare il raggio di un angolo è abbastanza semplice, basta applicare delle semplici relazioni geometriche,...