Come Fare Una Marcatura Indiretta Con Perossidasi/anti-perossidasi

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

La marcatura indiretta prevede l'utilizzo di un anticorpo primario diretto contro una proteina di interesse, presente in un campione biologico di un anticorpo secondario, che lega il primario in un metodo di rilevazione correlato all'anticorpo secondario. Nel caso si abbiano piccole quantità di proteina di interesse c'è bisogno di un metodo di amplificazione del segnale: in questo caso l'anticorpo secondario sarà nudo e sarà riconosciuto da un anticorpo anti-perossidasi legato all'enzima perossidasi, che agirà su una molecola specifica al fine di migliorare la rilevazione. Nei passi della guida a seguire sarà illustrato dettagliatamente come fare una marcatura indiretta con perossidasi/ anti-perossidasi.

24

Gli autoanticorpi tiroidei (o, più semplicemente, anticorpi anti-tiroide) sono anticorpi specifici per uno o più componenti della tiroide. Quelli più importanti dal punto di vista clinico sono: gli anticorpi anti-tireoperossidasi (anti-TPO o TPOAb), gli anticorpi anti-recettore della tireotropina (TRAb) e gli anti-tireoglobulina. La perossidasi tiroidea (TPO) è un enzima che normalmente si trova nella tiroide, dove svolge un ruolo importante nella produzione degli ormoni tiroidei; un test anti-TPO rileva la presenza nel sangue di anticorpi diretti contro questo enzima. La marcatura indiretta prevede l'utilizzo di un anticorpo primario che sia stato prodotto in una determinata specie e che sia capace di riconoscere la proteina di nostro interesse. Dopodichè va aggiunto il secondario, prodotto in una specie differente rispetto a quella in cui è stato prodotto il primario e capace di riconoscerlo. Questa metodica prevede l'utilizzo di un secondario che deve essere nudo ovvero non complessato a molecole di rilevazione, in quanto deve essere riconosciuto da un terzo anticorpo.

34

Se l’esame dà un risultato negativo, gli autoanticorpi non sono presenti nel sangue in quel momento: questo esito può indicare che i sintomi sono da imputare a cause di natura non autoimmune. Tuttavia una certa percentuale dei pazienti che soffrono di patologie autoimmuni della tiroide non ha gli autoanticorpi, quindi se si sospetta che gli autoanticorpi si possano sviluppare in futuro, come può succedere nel caso di alcune patologie autoimmuni, si può ripetere l’esame in un secondo momento.

Continua la lettura
44

A questo punto bisogna aggiungere il substrato su cui la perossidasi deve agire: questo è la DAB (3,3-diaminobenzidina) che, sotto l'azione dell'enzima precipita in un composto colorato marrone, a livello della proteina di nostro interesse. Ci sono da precisare due cose: la prima è che prima di avviare questa metodica bisogna bloccare con soluzione di acqua ossigenata la perossidasi endogena, per evitare falsi positivi. La seconda è che il campione, dopo essere stato incubato con la perossidasi e la DAB dovrà subire dei lavaggi in alcool a concentrazioni sempre maggiori perché il composto precipitato è insolubile in alcool; per cui più alcool c'è e più risulta scuro e quindi di facile rilevazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Fare Un'Immunofluorescenza Indiretta

L'immunofluorescenza indiretta è una tecnica scientifica molto diffusa poiché permette di visualizzare perfettamente ed in maniera veloce una determinata proteina da ricercare in un campione di orgine biologica. L'immunofluorescenza indiretta si basa...
Università e Master

Come determinare la resistenza al fuoco delle strutture

L'azione del fuoco sulle strutture è abbastanza pericolosa, qualora non si intervenga in modo tempestivo. Questo perché il fuoco influenza negativamente la resistenza degli elementi che la costituiscono. L'Italia risulta all'avanguardia nel campo delle...
Università e Master

Chimica: idroborazione di un alchene

Nella chimica organica, moltissime sono le reazioni che coinvolgono gli alcheni. Tra di esse sono particolarmente importanti le reazioni di idratazione che li portano a reagire con diverse sostanze per formare degli alcol. L'idroborazione seguita da ossidazione...
Università e Master

Appunti di tossicologia

La tossicologia è un ramo della farmacologia che si occupa degli effetti negativi di determinate sostanze sull'organismo. Chi deve sostenere un esame o, semplicemente vuol conoscere qualche nozione di tossicologia, nella guida che segue potrà trovare...
Università e Master

Come Dire I Numeri In Cinese

La civiltà della Repubblica Popolare Cinese è sicuramente una tra le più affascinanti sia grazie alla sua storia millenaria, ma anche grazie alla sua lingua. Il cinese, infatti, è decisamente distante da tutte le lingue occidentali ed è dotata di...
Università e Master

Appunti di chimica: alogenazione di un alchene

Nella seguente dettagliata e complessa guida che troverete esposta nei passaggi successivi, cercherò di spiegarvi bene, grazie ai miei appunti di chimica, come funziona esattamente il meccanismo di alogenazione di un alchene. Precisamente, si tratta...
Università e Master

Teorema di Holmström: dimostrazione

Teorema di Holmström: dimostrazioneIl teorema di Holmström, attribuito all'economista finlandese Bengt R. Holmström, in economia è la dimostrazione che non esiste un incentivo ad un gruppo di operanti che soddisfi allo stesso tempo le richieste di...
Università e Master

Come fare la conta cellulare

La conta delle cellule o conta microbica, può essere effettuata per le colture, come conta endoteliale (ovvero la conta delle cellule situate all'interno della cornea) e in molti altri differenti modi. Per chi è alle prime armi con questa tipologia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.