Come fare una mappa concettuale di un testo narrativo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Ogni studente, di qualsiasi età e percorso di studi, almeno una volta nella vita avrà schematizzato un testo da imparare. Quando si ha una mole piuttosto consistente di informazioni da studiare, magari per prepararsi ad un esame importante o ad una semplice interrogazione, utilizzare degli schemi è un metodo molto utile per memorizzare. Questi schemi possono essere utilizzati praticamente per tutte le materie letterarie ed umanistiche: storia, geografia, antologia, filosofia e molte altre ancora. Il loro nome corretto è mappe concettuali. Ecco un'utile guida su come fare una mappa concettuale di un testo narrativo. Buona lettura e...buona mappa!

27

Occorrente

  • Carta e penna
  • Pc
  • Mirosoft Word o software per creazione mappe concettuali
37

Le mappe concettuali furono teorizzate per la prima volta da Novak, intorno al 1970. Esse permettono di rappresentare su carta o sullo schermo di un personal computer, graficamente, concetti, informazioni, testi e molto altro ancora. Sono molto utili per studenti, professori e tutti coloro che devono - per piacere o necessità - memorizzare una grande mole di informazioni. Sono formate da nodi concettuali, collegati tra di loro per mezzo di relazioni: quest'ultime vengono solitamente rappresentate graficamente con delle frecce orientate. Ecco come fare una mappa concettuale di un testo narrativo.

47

La prima cosa da fare per "trasferire" un intero testo narrativo in mappa è naturalmente quello di leggere almeno tre volte il testo. Occorre poi sottolineare i punti salienti e cercare di capire l'andamento della storia. Un testo narrativo racconta infatti una serie di eventi che - solitamente - si svolgono in sequenza. Se sono presenti dei flash back è bene evidenziarli. Quando si sarà compreso fino in fondo il testo, questo è il momento di creare una mappa concettuale che lo schematizzi in pochi e semplici nodi. I nodi principali saranno costituiti dai personaggi e dalle azioni più salienti che avvengono all'interno del testo narrativo.

Continua la lettura
57

Il consiglio per creare una mappa concettuale di un testo narrativo è quello di svilupparla in verticale, cioè dall'alto verso il basso, adottando sempre tipi di relazione (con relative frecce). La sintesi è indispensabile all'interno di una mappa concettuale: si devono scegliere solo parole specifiche, mirate, che permettano di ricordare al meglio il concetto cui si riferiscono. Molto spesso le mappe concettuali vengono create per se stessi: deve essere quindi l'autore a scegliere i termini a lui più familiari che gli permettano di memorizzare più informazioni possibile.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potete utilizzare mappe concettuali per qualsiasi materia umanistica: vi torneranno molto utili
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Errori da evitare nella creazione di mappe concettuali

La mappa concettuale è un elemento essenziale per chi studia e deve esporre un determinato argomento. Ideale anche per fare un ripasso generale, in modo rapido e senza perderci troppo tempo. Rappresenta un ottimo metodo di studio che dovrebbero usare...
Maturità

Come realizzare una mappa concettuale sul '900

Per facilitare l'apprendimento e il ripasso di argomenti molto vasti, è molto utile organizzare i contenuti in mappe concettuali chiare e complete. Ovviamente, una mappa concettuale deve essere anche parecchio concisa, quindi bisogna individuare i concetti...
Superiori

Come organizzare le idee in una mappa concettuale

Le mappe concettuali sono strumenti di sintesi e di studio, con cui si cerca di organizzare e fissare graficamente concetti e idee. Sono utilissime se realizzate dagli studenti, individualmente o in lavori di gruppo. Meno utili se vengono utilizzate preconfezionate....
Superiori

Metodo di studio: le mappe concettuali

Studiare nel modo corretto è un valido aiuto per dedicare meno tempo allo studio ed apprendere, al tempo stesso, al meglio i concetti che si sono appena affrontati. Per questo motivo, a molti studenti, risulta molto pratico utilizzare come metodo di...
Elementari e Medie

Come costruire una mappa concettuale

Quando si studia è utile creare e scrivere delle mappe per memorizzare meglio le informazioni. In quasi ogni disciplina logica e memoria sono i pilastri della conoscenza. Prima di affrontare un'esame, un'interrogazione o semplicemente per memorizzare...
Superiori

Consigli per le mappe concettuali per una lezione di geografia

Se siete alle prese con lo studio della geografia, siete degli insegnanti o semplicemente volete aiutare vostro figlio con lo studio di questa materia, di sicuro l'utilizzo delle mappe concettuali potrà aiutarvi per uno studio efficace. Le mappe concettuali...
Maturità

I migliori programmi per progettare mappe concettuali

Le mappe concettuali nell'apprendimento sono un metodo di studio davvero efficace. Ci aiutano a semplificare con delle parole chiave l'argomento. Viene creato uno schema, questo ci aiuta a ricordare meglio. Esistono molti programmi ormai che si occupano...
Maturità

Come fare la mappa concettuale per la maturità

La maturità rappresenta un momento fondamentale per la vita di tutti. Ci sono molte persone che, a distanza di anni dalla fine degli studi superiori, sognano ancora il giorno dell'esame orale di maturità. Con l'ultima riforma della scuola, nella prima...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.