Come fare una mappa concettuale dei principali complementi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

I complementi sono quella parte del discorso che si aggiungono al soggetto o al predicato per completarne il significato. Sono essenziali, come si può ben capire, per la lingua italiana e per questa ragione occorre capirli bene. Naturalmente per i ragazzi di scuola media è spesso difficoltoso riuscire a capirli e a impararli tutti, specialmente se si hanno disturbi specifici dell'apprendimento, per questa ragione, in questa breve guida, spiegheremo come fare una mappa concettuale dei principali complementi, in modo da poter aiutare i docenti di lettere delle scuole medie inferiori e soprattutto fornire un valido sussidio agli studenti, che specialmente per le verifiche trovano difficoltà a ricordarli tutti.

24

Complementi diretti e indiretti

La prima suddivisione da fare tra i complementi è quella tra complementi diretti e indiretti. Questi differiscono dall'utilizzo, dopo il verbo, di una o nessuna proposizione semplice o articolata. In pratica quando il verbo è transitivo, e quindi non è seguito da alcuna preposizione, si avrà un complemento diretto, ovvero il complemento oggetto, che rispondere alla domanda chi? Che cosa? Senza essere accompagnato da alcuna preposizione ma solo da un articolo. Il complemento oggetto è uno dei complementi più usati e si possono fare alcuni esempi per far capire i ragazzi, come "ho comparato un pallone", o "Ho mangiato un gelato".

34

Complementi di specificazione e di termine

Tra i complementi indiretti devono essere messi all'apice, come i più importanti perché usati spessissimo, i complementi di specificazione e di termine. Il complemento di specificazione specifica il significato della parola da cui dipende, e risulta quindi essenziale nella frase semplice. È introdotto della preposizione di semplice o articolata e risponde alla domanda di chi? Di che cosa? (Es. Il libro di Luca è rosso). Il complemento di termine invece indica la persona, l'animale o la cosa su cui ricade l'azione (es. Ho detto a Luca di portare il libro). Risponde alla domanda a chi? A che cosa? Ed è introdotto dalla preposizione a semplice o articolata.

Continua la lettura
44

Complementi di causa, modo, scopo, ecc.

Di seguito, alla base della piramide dei complementi, si possono mettere i complimenti indiretti specifici, anch'essi molto utilizzati ma solo in determinate, ovvero il complemento di causa, che risponde alla domanda perché? Per che cosa? Il complemento di modo, come? In che modo? Il complemento di mezzo, con quale mezzo? Il complemento di scopo, per quale scopo? Il complemento di luogo, dove? Da dove? E il complemento di tempo, quando? Per quanto tempo?

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come riconoscere il complemento di specificazione e di denominazione

Le frasi sono composte da più componenti ed è attraverso l' analisi logica che è possibile individuare la loro funzione all' interno della frase stessa. I primi elementi da individuare in una frase sono: soggetto, predicato verbale o nominale, (a...
Superiori

Analisi logica: il complemento di mezzo

La lingua italiana è una lingua romanza, nata dal latino e sviluppatasi unendo di più dialetti provenienti da diverse regioni e per questo presenta una difficoltà grammaticale non indifferente, infatti l'italiano è la seconda lingua con più verbi...
Superiori

Analisi logica: il complemento d'agente

Durante il periodo scolastico, uno degli argomenti da sempre maggiormente complicati è sicuramente l'analisi logica. Questa comprende la distinzione tra i vari complementi, nonché l'individuazione del soggetto e del predicato. Il compito è abbastanza...
Lingue

Grammatica francese: i pronomi relativi

I pronomi relativi sostituiscono il nome o il pronome che li precede e mettono in correlazione una proposizione principale con una subordinata. Vista l'importanza che presentano, i pronomi relativi sono molto diffusi in ogni lingua. In questa guida impareremo...
Elementari e Medie

Analisi logica: il complemento di qualità

La grammatica è una delle materie più importanti in assoluto, in quanto fornisce allo studente tutte le nozioni necessarie per riuscire a parlare, leggere e scrivere perfettamente in madrelingua. Tra gli argomenti di maggiore rilievo della nostra grammatica...
Elementari e Medie

Grammatica italiana: le preposizioni

Possiamo definire proposizione quella parola invariabile che poniamo davanti a diverse 3 cose. Un nome, un pronome o ad un verbo per definire una relazione che intercorre tra questo nome e la parola che precede. Possiamo trovare anche le preposizioni...
Elementari e Medie

Analisi logica: il complemento di termine

Nella grammatica italiana, l'analisi logica è fondamentale. Consente una scrittura fluida di testi chiari e corretti. Inoltre, migliora e facilita la comprensione e l'interpretazione di un manoscritto. Ecco pertanto le nozioni indispensabili per svolgere...
Superiori

Analisi logica: struttura e complementi

L’analisi logica è il procedimento attraverso cui individuiamo le categorie sintattiche che compongono la frase. Le categorie sintattiche sono: soggetto, predicato, complementi, attributi, apposizioni. Focalizziamo ora la nostra attenzione sulla struttura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.