Come Fare Una Idratazione Acido Catalizzata Di Un Alchene

Tramite: O2O 19/08/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questa guida andrete a capire come fare una idratazione acido catalizzata di un alchene. Per l'appunto si tratta di una reazione chimica. E come in tutte le reazioni chimiche si ha uno scambio di energie chimiche. Pertanto ci sono scambi di elettroni in gioco e legami tra carbonio e acqua. Infatti, l'alchene è un composto organico del carbonio. In particolare l'alchene è un composto contenente due doppi legami. Quindi nel caso di una idratazione acido catalizzata si verificherà la rottura di uno o due doppi legami. Questa è una delle tante reazioni chimiche che avvengono nel nostro organismo. In generale avviene in tutte le reazioni che riguardano il metabolismo degli esseri viventi. Quindi interessa la vita, gli esseri viventi e il loro funzionamento. Insomma, un'argomento interessante e utile che fa capire quanto complessi possiamo essere. E anche quanti passaggi per una così apparentemente semplice reazione servano. Ecco quindi come fare una idratazione acido catalizzata di un alchene.

27

Occorrente

  • Manuale Chimica Organica
37

Analizzare gli occorrenti

Prima di partire con l'esperimento, vediamo nel dettaglio che cosa occorre per effettuare correttamente questa reazione. Per prima cosa il catalizzatore che ci serve e che fungerà da attivante è H2SO4 (la formula chimica dell'Acido Solforico). Dovrete utilizzare questo composto e farlo reagire con una molecola di H2O (nota formula chimica dell'acqua). Facendo una reazione di tipo acido-base otterrete HSO4- insieme ad H3O. A questo punto potete finalmente iniziare la reazione vera e propria facendo reagire un alchene, come per un esempio il CH3CH=CH2. Detto questo, procediamo nel modo seguente.

47

Attaccare il carbonio

Gli elettroni del doppio legame andranno a strappare un protone all'H3O e, in questa maniera, voi otterrete un intermedio carbocationico CH3C HCH3 e, in più, anche una molecola di acqua (la cui formula chimica, come sappiamo bene è la seguente: H2O). Adesso sarà necessario far attaccare il carbonio carico positivamente da un doppietto elettronico dell'ossigeno dell'acqua.

Continua la lettura
57

Strappare un protone

Il risultato finale che avrete finalmente ottenuto sarà quello di una molecola di alcol protonato, ossia CH3CHO H2CH3. A questo punto, dovrete utilizzare l'H2O (ovvero la formula della semplice acqua) per andare a strappare un protone dall'ossigeno e anche per ottenere l'alcol, la cui formula sarà CH3CHOHCH3, insieme ad una molecola di H3O. Dopo avere seguito tutti questi passaggi, avrete finalmente ottenuto la idratazione dell'acido catalizzata da un alchene.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come convertire l'acido maleico in acido fumarico

Veramente interessante da conoscere quando si frequenta un istituto scolastico riguardano le nozioni riguardanti la chimica. Durante le ore riservate alla presente materia, vengono trattate le caratteristiche fondamentali della materia e le sue diverse...
Università e Master

Come effettuare l'idratazione degli alchini

Gli alchini sono identificati come composti chimici organici che hanno tripli legami nella loro struttura chimica. Essi sono molto importanti in varie applicazioni industriali e la caratteristica che li rende riconoscibili è la presenza nella loro struttura...
Università e Master

Come ottenere una aloidrina da un alchene

Ottenere una aloidrina da un alchene è un argomento che appartiene alla chimica organica. Tale disciplina presenta numerosissime reazioni che generano migliaia di reagenti. Questi sviluppano i prodotti finali. Addizionando una molecola di alogeno ad...
Università e Master

Appunti di chimica: idratazione degli alcheni

In questa guida andremo ad esaminare un argomento abbastanza difficile da comprendere ed leggermente ostico. Tratteremo, infatti, di alcuni appunti fondamentali di chimica, sperando di essere di supporto a tutti gli studenti di chimica. Nel dettaglio,...
Università e Master

Come effettuare una ossidazione blanda di un alchene

Studiare non e sempre facile, soprattutto alcune materie come la chimica, di difficile comprensione. Ci vogliono anni per riuscire ad impararne tutti i segreti e le sfumature. La chimica è una materia fondamentale grazie alla quale sono state fatte le...
Università e Master

Come trasformare un alchene in un alcano

Quando si studia molto spesso ci si possono presentare diverse problematiche e criticità che ci possono in un certo qual modo rallentare nel nostro percorso di apprendimento di una determinata materia o di uno specifico argomento i particolare. Bisogna...
Università e Master

Come Sintetizzare Un Etere Da Un Alchene

Gli alcheni sono composti molto semplici. È grazie a loro che possiamo avere numerosi prodotti. Per ottenere un etere da un alchene bisogna effettuare una reazione abbastanza complessa, la cosiddetta alcossimercuriazione. Vediamo quindi insieme, nella...
Università e Master

Come eseguire un'apertura dell'epossido in acqua e acido

Gli epossidi sono Eteri ciclici con anelli a tre termini. Precisamente, l'anello è costituito da due atomi di carbonio e un atomo di ossigeno. Il ciclo può essere aperto ponendo la molecola in acqua in presenza di un acido. La molecola di H2O è fondamentale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.