Come Fare un corretto studio di funzione

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Questo tutorial vi spiegheremo come dover affrontare uno studio corretto di funzione, in modo generico. I calcoli ed i parametri vanno infatti adattati volta per volta a quello che chiede l'esercizio. È un procedimento che cambia dal tipo di equazione che si presenterà, però le linee basilari per affrontare l'esercizio sono identiche per tutti gli esercizi. Proseguite a leggere in seguito e capirete come fare. Buona lettura e buon lavoro!

27

Occorrente

  • Buona memoria
37

Determinare l'insieme di definizione

Per una funzione logaritmica, dove la formula è la seguente: f (x) = log (g (x)) occorre mettere g (x)>0. Per una funzione radice invece avremo come definizione la seguente: f (x) = g (x)^1/n [ ^1/n, che indicherà radice n-esima di g (x) ] di indice pari e la dovrete mettere maggiore o uguale a zero, invece per una radice di indice dispari il dominio è tutto "R";
Le funzioni trigonometriche hanno casi particolari notevoli, che non tratteremo in seguito. Per tutte le altre funzioni il C. E. è tutto "R".
La prima cosa che dovrete fare è quella di determinare l'insieme di definizione e cioè citato con questa sigla I. D. O C. E. O dominio. Per una funzione fratta avrete tale formula: f (x) = g (x) / h (x), dove il dominio sarà tutto "R" escluso il valore di "x" che azzera il denominatore. In soldoni dovrete mettere porre il denominatore diverso da zero.

47

Esaminate se la funzione ha qualche simmetria

Occorrerà successivamente esaminare se la funzione ha qualche simmetria, cioè se la funzione è pari, dove la formula sarà: f (-x) = f (x). Funzione dispari che sarà: f (-x) = -f (x), oppure funzione periodica (f (x+T) = f (x), per ciascun caso "x" appartenga ad "R". Se, avrete le caratteristiche sopraelencate, dovrete verificare esattamente l'uguaglianza di ciascuna equazione, e la funzione f (x) data godrà delle caratteristiche corrispettive.

Continua la lettura
57

Trovare le intersezioni con gli assi

Adesso sarà bene trovare le intersezioni con gli assi. Prima di tutto dovrete trovare le intersezioni con l'asse delle ascisse, perciò dovrete porre f (x)=0. Potrete verificare però che per f (x)= 0: l'equazione della funzione non abbia soluzioni e perciò non avrà intersezioni con l'asse delle x; l'equazione della funzione abbia un numero finito di soluzioni e quindi un numero finito di intersezioni; e per finire l'equazione della funzione abbia un numero infinito di soluzioni e perciò un numero infinito di intersezioni.

67

Calcolarte l'intersezione della funzione con l'asse delle ordinate

Ora dovrete invece calcolare l'intersezione della funzione con l'asse delle ordinate. Dovrete mettere perciò x=0 se, e soltanto se, x=0 appartiene al dominio della funzione, ricavando in tal modo il punto di intersezione. Successivamente dovrete andare a determinare se esistono asintoti verticali oppure orizzontali. Calcolate quindi il limite per "x" tendente a più o meno infinito potrete trovare l'asintoto orizzontale, che se è presente, è finito ed appartiene a "R". Per calcolare l'asintoto verticale dovrete prendere i valori esclusi dalle C. E., calcolando il limite destro e sinistro di ognuno di loro. Se il limite tende all'infinito, questo vuol dire che tale valore è un asintoto della funzione.

77

Determinare gli intervalli entro dove la funzione sarà decrescente o crescente

Ora dovrete determinare gli intervalli entro dove la funzione sarà decrescente o crescente, ed anche i punto di minimo o massimo relativo, studiando il segno della derivata prima della funzione. Derivate la funzione, e dovrete ottenere in questo modo f'(x). Per calcolare crescenza e decrescenza mettete f'(x)<0 ed f'(x)>0. Negli intervalli determinati dalle soluzioni delle rispettive disequazioni la funzione sarà decrescente e crescente. Per fare il calcolo dei punti stazionari, che sono massimi, flessi e minimi, mettete la derivata prima f'(x) uguale a zero. Se a destra e a sinistra del punto stazionario f'(x) avete il segno uguale, il punto allora sarà contraddistinto da un flesso. Se a sinistra del punto la derivata prima sarà negativa ed a destra positiva il punto sarà un minimo. Contrariamente se sarà un massimo, dovrete sostituire i valori trovati per "x" nell'equazione della funzione, trovando le coordinate dei punti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti matematica: studio della funzione a una variabile

Si avvicina il tempo degli esami e diventa opportuno fare un po' di ripasso dei principali argomenti di matematica. Un argomento che vediamo spesso nelle prove di esame è quello dello studio di funzione, dove, partendo da un'equazione data, lo studente...
Superiori

Come calcolare i limiti di funzioni reali di una variabile reale

Lo studio della funzione è uno degli argomenti principali della matematica. Per lo studio dei limiti di funzioni reali di una variabile reale bisogna, innanzitutto studiare il dominio, per poi calcolare i limiti nei punti di discontinuità e capire se...
Superiori

Come disegnare il grafico di una funzione esponenziale

Come avrete già notato tramite la lettura stessa della nostra guida, ora andremo, in quattro passi, a spiegarvi come poter riuscire a disegnare il grafico di una funzione di tipologia esponenziale. Cominciamo immediatamente a valutare questa tematica...
Superiori

Come si calcolano gli asintoti verticale, orizzontale o obliquo in una funzione razionale fratta

In questa guida forniremo il procedimento risolutivo di un dilemma matematico molto comune. Vedremo infatti come si calcolano gli asintoti verticale, orizzontale o obliquo in una funzione razionale fratta. Seguendo i passi qui descritti dovreste essere...
Superiori

Come trovare l'intersezione tra una parabola e una retta

Lo studio di rette e parabole, è da sempre uno degli argomenti matematici che devono essere ben capiti e ben studiati a partire dai primi anni delle scuole superiori. Nelle scuole ad indirizzo scientifico ma non solo, questi due argomenti, vengono trattati...
Superiori

Come trovare l'asintoto verticale di una funzione f(x)?

La matematica è una materia piuttosto complessa e di non facile comprensione, soprattutto per gli alunni più giovani. Ma partendo da delle buone basi, sarà possibile affrontare anche argomenti piuttosto complessi via via che si procederà con lo studio....
Superiori

Studio di una funzione logaritmica

Nelle scuole superiori, così come anche all'università in alcune facoltà dove è previsto lo studio della matematica, nei calcoli matematici si studiano anche le funzioni logaritmiche. Studiare la matematica certamente non è così semplice, e non...
Superiori

Studio di funzioni goniometriche

Imparate a studiare le funzioni goniometriche è molto utile per via dell'importanza che esse rivestono in moltissimi ambiti sia della matematica, nell'ambito dell'elettronica ed elettrotecnica, della meccanica e delle telecomunicazioni. Queste funzioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.