Come fare quando non si ha voglia di studiare

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Non è raro che molti studenti abbiano smarrito o, meglio ancora, mai trovato la loro voglia di studiare. Tutto ciò, molto spesso, viene accompagnato da uno scarso rendimento. In questa guida verranno dati alcuni semplici consigli che spiegheranno come fare per poter affrontare al meglio questa mancanza e per riuscire a migliorare i propri risultati.

25

Organizzare i momenti di studio

Innanzi tutto, è fondamentale che ognuno conosca i propri doveri. Bisogna capire da soli quando è il momento di studiare e quando invece è il momento di divertirsi. Il primo consiglio è di programmare bene la propria giornata, annotando magari le ore nelle quali dedicarsi allo studio di una determinata materia. Queste ore, a loro volta, dovranno contenere una piccola pausa di circa 5-10 minuti, in quanto uno studio senza sosta per ore può rivelarsi improduttivo, specialmente per chi non è abituato a studiare. Se il tempo è bello, si possono anche inserire dei momenti dedicati allo sport o di svago all'aria aperta.

35

Eliminare le distrazioni

Se con il primo metodo il basso rendimento e la poca voglia continuano a persistere, si deve trovare un modo per eliminare definitivamente tutte le distrazioni. In un primo momento devono essere tolte solamente quelle che interessano i momenti di studio, come per esempio la presenza del computer o dei videogiochi. Successivamente potranno anche essere eliminati i momenti di svago, in maniera tale da liberare la maggior quantità di tempo possibile da poter così dedicare allo studio. Ovviamente, questo è un lavoro che richiede impegno da parte del genitore o di chi segue l'alunno, avendo la giusta determinazione e autorevolezza, senza far innervosire chi si sta seguendo per lo studio. In questo frangente, se non si creassero queste condizioni ottimali, si otterrebbe l'effetto opposto, in quanto si andrebbe a creare un ambiente ostile e quindi controproducente per tutti.

Continua la lettura
45

Supporto per aiuto compiti

Può essere sufficiente un genitore che segua l'allievo per i compiti a casa, ma talvolta non si ha tempo a disposizione o non si conoscono sufficientemente bene le materie di studio. Il consiglio a questo punto, purtroppo più dispendioso è quello di rivolgersi ad un insegnante privato. In alcuni casi, anche un doposcuola organizzato dalla scuola o da catechisti, potrebbe anche essere da valutare. Se le persone sono in armonia, nel senso che se l'alunno si applica e dimostra volontà, vuol dire che si è sulla strada giusta.http://www.nostrofiglio.it/bambino/bambino-6-14-anni/scuola-primaria/compiti-a-casa-5-concetti-chiave-ai-genitori

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I luoghi adatti per lo studio, sono anche le biblioteche pubbliche

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come aiutare i bambini a studiare storia

Aiutare i bambini a studiare ed a svolgere i compiti per la scuola non è sempre necessario: alcuni bambini riescono, fin dai primi anni della scuola elementare, a sviluppare un proprio, semplice metodo di studio, con il supporto e le direttive dell'insegnante....
Elementari e Medie

5 consigli per studiare storia

Per studiare al meglio argomenti di storia bisogna perseguire i seguenti obiettivi: la correttezza dei dati, la memorizzazione di questi, l'esposizione finale. Ecco cinque consigli per mettere in pratica questi principi, soprattutto il secondo che risulta...
Elementari e Medie

5 buoni motivi per studiare

La tipica domanda che tutti, almeno una volta nella propria vita, ci sono posti è: "Perché dobbiamo studiare"? Purtroppo, spesso "studiare" ci risulta molto faticoso e sgradevole, anche perché vorremmo impiegare il nostro tempo libero facendo altre...
Elementari e Medie

Metodi per studiare velocemente e bene

Trovare dei modi per poter studiare al meglio non è sempre facile. Spesso la causa degli amari rifiuti e dei limitati risultati non è dovuta solamente al poco impegno ma anche all'errato metodo che si è adottato. I seguenti passi mostrano i diversi...
Elementari e Medie

Come studiare la storia

Se si incontrano delle difficoltà nello studio della storia perché è difficile ricordare date, nomi di battaglie, generali e politici non bisogna disperare in quanto esiste una soluzione per tutto. La storia è molto importante; essa permette di conoscere...
Elementari e Medie

Come aiutare i bambini a studiare

"Educa i bambini e non sarà necessario poi punire gli uomini" diceva Pitagora.Studiare è fondamentale nella crescita di un giovane, è il primo vero contatto quotidiano con gli altri.Aiutare il bambino al metodo migliore per rendere lo studio una parte...
Elementari e Medie

Come studiare educazione civica

Un bravo cittadino è un cittadino educato! Affinché questo assunto si realizzi, è importante insegnare l'educazione civica fin dai primi anni d'istruzione, ovvero le scuole elementari. Nei passi a seguire, verranno illustrati alcune nozioni base dell'educazione...
Elementari e Medie

5 modi per affrontare i compiti a casa

Andare a scuola non è di certo piacevole per tutti i bambini. La scuola infatti richiede impegno, serietà, studio, curiosità e richiede anche un po' di impegno per quanto riguarda lo svolgimento dei compiti a casa. Molti bambini detestano studiare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.