Come fare per sedersi al primo banco

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sedersi al primo banco non è un compito molto difficile, in quanto la maggior parte degli studenti o degli alunni vogliono sempre sedersi all'ultimo banco, magari per essere camuffati dai compagni, per non essere sempre sotto l'occhio vigile degli insegnanti oppure per non essere interrogati costantemente e chiamati spesso alle interrogazioni. I banchi che vengono occupati maggiormente sono dunque quelli dell'ultima fila, poiché è più facile scopiazzare durante un compito in classe o passarsi dei bigliettini di suggerimento tra i compagni. In questa guida sarà spiegato come fare per sedersi al primo banco.

26

Vista

Nel caso in cui si abbiano problemi alla vista, è molto più facile riuscire a sedersi al primo banco, in quanto avendo difficoltà nel leggere la lavagna oppure nel vedere bene un proiettore o dei cartelloni, si ha una più possibilità in più che l'insegnante accetti la richiesta o che di sua spontanea volontà metta l'alunno al primo banco.

36

Statura

Nel caso in cui si è piccoli di statura e gracili nel fisico e dunque si viene coperti dai compagni più alti, è molto più facile riuscirsi a sedere al primo banco, poiché l'insegnante stessa in maniera automatica pone il ragazzino più basso di statura nei banchi posti in prima fila.

Continua la lettura
46

Puntualità

Per quanto riguarda le scuole superiori, chi ha voglia di sedersi al primo banco deve innanzitutto il primo giorno di scuola riuscire ad entrare per primo in classe, in modo tale che una volta occupato il banco scelto, rimarrà fisso per tutto l'anno. Alle superiori i ragazzi sono più grandi e quindi molti, necessitano di seguire attentamente la lezione e quindi si ha una sorta di gara durante la scelta del primo banco; è consigliato dunque arrivare sempre prima a scuola ed occupare i primi posti, soprattutto i primi mesi dell'anno scolastico.

56

Impegno

Un altro metodo per riuscire a sedersi al primo banco, consiste nello sfruttare l'impegno e l'attenzione dimostrata in classe, in quanto se si risponde correttamente alle interrogazioni, se si interagisce con l'insegnante e si e alza spesso la mano durante le lezioni, viene segnato come una sorta di premio il primo banco.

66

Apprendimento

Per quanto riguarda le scuole elementari, è naturale che il primo banco viene dato a bambini che presentano magari problemi durante l'apprendimento e che quindi non riescono a concentrarsi bene durante le lezioni. Se si vuole ottenere il primo banco, per avere dei maggiori risultati, è giusto che un genitore vada a parlare con l'insegnante e che richieda in maniera esclusiva che il figlio possa sedersi ai banchi della prima fila.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come imparare la corretta impugnatura della matita

Imparare a scrivere è uno dei primi, grandi traguardi dell'infanzia. Con l'accesso alla scuola, i bambini iniziano ad apprendere questa fondamentale attività. Ma il contatto con matite e pastelli comincia molto prima. Tutti noi, da bambini, amavamo...
Elementari e Medie

I 5 oggetti fondamentali in un astuccio scolastico

Quando si prepara lo zaino la sera è sempre bene controllare che ci sia tutto quello ci occorrerà durante le ore scolastiche. Presi i libri, i quaderni ed il diario non ci resta che controllare che nel nostro astuccio ci siano tutti gli oggetti di cui...
Elementari e Medie

Come verificare la divisione con la prova del nove

La prova del nove viene utilizzata in matematica per controllare l'esattezza del risultato della moltiplicazione e della divisione. Nel caso di divisione con il resto, il procedimento presenta qualche piccola variante. Questa semplicissima e pratica guida...
Elementari e Medie

5 comportamenti che disturbano un insegnante

Un buono studente dovrebbe essere in primo luogo rispettoso dei compagnie degli insegnanti, ma non in tutte le classi questo succede. Infatti spesso i ragazzi tendono ad avere dei comportamenti esagerati e irrispettosi che possono, nel tempo, andare anche...
Elementari e Medie

10 suggerimenti per diventare il primo della classe

Il tuo rendimento scolastico è sotto la media e vorresti diventare uno studente modello per ottenere i massimi voti sia in condotta che nelle materie? Hai problemi con qualche disciplina in particolare e vorresti stupire il prof con delle interrogazioni...
Elementari e Medie

Compiti a casa: vantaggi

Tante volte i compiti lasciati in classe dalle maestre da fare a casa sembrano essere soltanto un peso. I bambini li fanno senza voglia, i genitori devono sedersi vicino loro per poterli seguire e non farli sbagliare, pur non avendo tempo per questioni...
Elementari e Medie

Come insegnare la scrittura corsiva ai bambini

Insegnare la scrittura ai bambini è un passo fondamentale della loro crescita, sia scolastica che non. Inizialmente si procede di solito ad insegnare la scrittura in stampatello. Essa però non si potrà usare tutta la vita, anzi è preferita nella scrittura...
Elementari e Medie

Come preparare i bambini alla gita scolastica

Uno dei momenti più felici per i bambini, durante il periodo scolastico, è la gita. Questo è un evento atteso sia per i genitori che per i bimbi. Per quanto riguarda i genitori, può essere anche un momento che può suscitare dei timori, perché magari...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.