Come fare per non sbagliare la concordanza dei verbi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Spesso ci capita, anche involontariamente, di ascoltare i discorsi delle persone che incontriamo quando andiamo a fare la spesa, al pub e alla televisione. Non vi è mai capitato di pensare "ma come parla questa persona?". Personalmente l'ho pensato spesso e, lo ammetto, sicuramente sbaglio anch'io la coniugazione dei verbi durante le mie conversazioni, per la serie "ieri pioverà". Vediamo quindi insieme come possiamo fare per non sbagliare la concordanza dei verbi.

26

Occorrente

  • Libri, carta e penna, voglia di imparare
36

Per prima cosa, andiamo a studiarci per bene i tempi verbali, quindi andiamo a vedere che esiste, principalmente, un presente, passato, futuro e condizionale (escludendo tutte le varie sfumature). Quindi, per essere certi di non sbagliare cerchiamo di seguire tre regole molto semplici: la prima è fare attenzione al verbo che noi utilizziamo nella frase principale; la seconda è prestare attenzione allo stato temporale che andiamo ad utilizzare tra la frase principale e quella secondaria che la segue ed, infine, verificare se il verbo che viene utilizzato nella frase principale si adegua al tempo indicativo o congiuntivo. Ricordate che, per "stato" temporale s'intende il passato, il presente ed il futuro.

46

Altro aspetto da considerare per evitare di fare errori è quella di distinguere la coniugazione dei verbi che sono: -ARE; -ERE; -IRE. Quindi alcuni esempi di verbi sono ANDARE (-ARE); CORRERE (-ERE); -DORMIRE (-IRE). Quindi proviamo a fare esempi con il verbo "andare". Nell'indicativo, tempi verbali presente, imperfetto, passato remoto e futuro semplice avremo rispettivamente vado, andavo, andai, andrò. Poi troviamo altri tempi verbali, cioè i tempi composti, vi sono il passato prossimo, trapassato prossimo, trapassato remoto e futuro anteriore. Per questi tempi verbali dobbiamo impiegare l'ausiliare "essere"; rispettivamente troviamo sono andato, ero andato, fui andato, sarò andato. Troviamo poi il congiuntivo, costituito dal presente, imperfetto, passato e trapassato. Avremo quindi, rispettivamente, vada; andassi; sia andato; fossi andato. Nel condizionale ci sono il presente e passato, quindi andrei; sarei andato. Infine troviamo l'imperativo presente, quale vai, và...

Continua la lettura
56

Oltre a questi varie parti, consideriamo che vi sono i verbi all'infinito (andare), gerundio (andando), participio presente (andante) e participio passato (andato). La cosa importante nello studio di questi verbi e di prestare attenzione, appunto, ai tempi verbali. Non fatevi spaventare da tutte queste tipologie di verbi e dalla loro composizione perché, vedrete, che una volta imparati e che sarete entrati nel meccanismo, tutto sarà molto semplice.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come ripassare i verbi

La coniugazione dei verbi italiani non è di certo tra gli argomenti grammaticali più facili da affrontare. Questo perché la nostra lingua, come la maggior parte di quelle romanze (ovvero le lingue che hanno subìto una dominazione romana, latina),...
Elementari e Medie

Regole per l'uso del congiuntivo

La lingua italiana è tra le più affascinanti e complesse del mondo. La sua grammatica è ricca di regole e le forme verbali presentano molti modi e tempi. Apprendere queste regole è fondamentale per comunicare con un buon italiano. Tuttavia troppo...
Elementari e Medie

Come coniugare i congiuntivi in italiano

La grammatica italiana si compone di diverse regole ed eccezioni. Lingua neolatina conta svariati tempi e modi verbali. Il primo approccio all'italiano sarà sicuramente traumatico, specie con il congiuntivo, difficile da coniugare anche per i madrelingua....
Lingue

Tedesco: il Konjunktiv 2

Nella lingua tedesca, il Konjunktiv II, trova la sua corrispondenza in italiano nei seguenti modi verbali: congiuntivo e condizionale. Ecco spiegato perché, molto spesso, capiti ad un tedesco madrelingua che si cimenta con la lingua italiana, di fare...
Lingue

Francese: i verbi modali

Come in ogni lingua che si rispetti anche nel francese troviamo i verbi modali (anche detti servili), ed in questa guida vi saranno presentati i principali. Nel caso non vi ricordiate bene quali siano i verbi modali questo link vi rinfrescherà la memoria....
Superiori

Come utilizzare i paradagmi dei verbi latini

I verbi latino sono un argomento difficile da imparare, soprattutto se abbiamo una conoscenza non ben approfondita della grammatica italiana. Magari con un po' di pratica riusciamo a riconoscere i verbi quando li troviamo in latino. Ma quando dobbiamo...
Lingue

Francese: i verbi ausiliari

I verbi ausiliari in francese sono molto simili a quelli della lingua italiana. Infatti, come per la lingua francese, i verbi ausiliari vengono utilizzati per definizione in combinazione ad altre voci verbali per dare uno specifico significato alla forma...
Elementari e Medie

Come fare l'analisi grammaticale di un verbo

La grammatica italiana è abbastanza complessa rispetto alle altre lingue come l'inglese; infatti, sono presenti varie particelle che devono essere analizzate singolarmente, come ad esempio: i nomi, i verbi, gli aggettivi, gli avverbi o le preposizioni....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.