Come fare l'esperimento dell'elettrolisi

Tramite: O2O 21/02/2017
Difficoltà: facile
19

Introduzione

Con il termine derivante dal greco "elettrolisi" si intende la rottura con l'elettricità. Di conseguenza, sottoporre ad elettrolisi una sostanza vuol dire scomporla nei propri elementi costitutivi.
L?elettrolisi è un processo in grado di trasformare l'energia elettrica in energia chimica. Praticamente, viene adoperata l'elettricità per determinare una reazione chimica che non avverrebbe in modo spontaneo.
Nella presente guida davvero particolare, andremo a spiegare nel dettaglio come bisogna fare l'esperimento dell'elettrolisi. Si tratta di un lavoro facile da eseguire e molto interessante da compiere. Buona sperimentazione!!!

29

Occorrente

  • Fili elettrici con morsetti alle estremità
  • 1 pila da "9 V"
  • 1 recipiente di vetro
  • Acqua
  • Nastro adesivo o plastilina
  • 1 piccola lampadina
  • Sale
  • Zucchero
  • 1 cucchiaio di plastica
39

Innanzitutto, per sperimentare l'elettrolisi, dovremo collegare un filo elettrico ad ogni polo della pila da "9 V". Immergiamo l'estremità libera di uno dei fili dentro un contenitore pieno d'acqua e blocchiamo il filo al recipiente con il nastro adesivo.
Colleghiamo l'estremità dell'altro filo alla piccola lampadina e poi un altro filo all'altro contatto della stessa. A questo punto dobbiamo immergere l'estremità libera di questo filo elettrico nella soluzione, ad alcuni centimetri di distanza dal primo filo. Successivamente, fissiamo il tutto con del nastro adesivo.

49

Adesso dovremo aggiungere gradualmente un po' di sale da cucina nell'acqua. Grazie a questo esperimento assisteremo all'elettrolisi. Mescoliamo con attenzione, cercando di non spostare i fili. A questo punto, ci accorgeremo che la lampadina si accenderà sempre di più man mano che aggiungiamo il cloruro di sodio.
Ora proviamo a ripetere questo interessante esperimento partendo da un recipiente con acqua semplice. Al posto del sale, aggiungiamo lo zucchero. In questo caso vedremo che la lampadina non si accende affatto. Questo perché l'acqua zuccherata non è un elettrolita come quella salata.

Continua la lettura
59

L'elettrolisi è un fenomeno che si verifica grazie al passaggio della corrente elettrica nella soluzione di un elettrolita o nell'elettrolita stesso allo stato fuso. Nelle applicazioni chimiche, si può eseguire un'elettrolisi facendo passare la corrente continua nella soluzione o nella massa fusa. Ciò avviene mediante due elettrodi.
Gli elettrodi generano dunque un campo elettrico. Sotto l'azione di quest'ultimo, gli ioni presenti nell'elettrolita migrano. Quelli di carica positiva (o cationi) si dirigono verso il catodo. Invece, quelli di carica negativa (o anioni) si spostano verso l'anodo.

69

Quando i cationi entrano in contatto con un catodo, allora si scaricano. Ciascuno di essi acquisisce dal catodo un numero di elettroni pari al numero delle sue cariche positive. In questo modo il catione diventa passa da ione ad atomo libero, dunque privo di carica.
Per quanto riguarda gli anodi, se uno di essi si forma da un metallo facilmente attaccabile, allora il il processo anodico si tramuta in un passaggio di atomi del metallo sotto forma di ioni. In questo modo, non si avrà una scarica di ioni presenti in soluzione.

79

Un anodo di argento che viene sottoposto a elettrolisi, in una soluzione di nitrato, si discioglie sotto forma di nitrato d'argento. In sintesi esso passa in soluzione sotto forma di ioni Ag+, cedendo all'elettrodo un corrispondente numero di elettroni.
Secondo la legge di Faraday, la quantità di ioni che si scaricano dipende da vari fattori, ossia dal peso atomico e dalla carica specifica degli ioni stessi e dalla quantità di corrente che attraversa complessivamente la cella elettrolitica. In altre parole, una determinata quantità di materia si trasforma in un certo tempo in base all'anodo e al catodo.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate vari esperimenti per osservare l'elettrolisi dell'acqua in diverse situazioni.
  • Per qualunque dubbio, consultate un manuale di chimica.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come verificare la legge di Boyle

Ecco una bella ed anche molto interessante guida, mediante il cui aiuto, poter essere in grado di imparare ed anche capire per bene, come e cosa occorre far per poter verificare, nel modo corretto ed anche del tutto efficace, la famosa legge di Boyle....
Università e Master

Come realizzare una cromatografia su carta

Le tecniche di indagine in chimica sono parecchie. Di solito si tratta di verificare che cosa succede al nostro campione in presenza di un dato reagente. Nella cromatografia su carta, si usa un foglietto di carta particolare, ma senza reagenti, quindi...
Università e Master

Come misurare la lunghezza d'onda di un raggio di luce monocromatico

Sei un amante della scienza e degli esperimenti pratici? Allora questa guida fa davvero al caso tuo. Non perdere infatti questa fantastica opportunità di vedere con i tuoi occhi come funzionano le leggi della fisica o i processi chimici. La scienza è...
Università e Master

Come creare una elettrocalamita

In questa guida imparerete come costruire, passo dopo passo, una elettrocalamita. Tutto ciò che vi occorre è una batteria, un bullone e un filo di rame smaltato, o del cavo isolato. Questo esperimento è molto utile per introdurre i ragazzi ai principi...
Università e Master

Fisica tecnica: l'effetto serra

Il fenomeno dell'effetto serra è ormai entrato a far parte della conoscenza comune grazie ai telegiornali e ad altri mezzi di comunicazione che, sempre più, sottolineano il problema riguardante un suo incremento. Questo è dovuto principalmente ad un...
Università e Master

Come dimostrare il moto rettilineo uniforme

Il più semplice movimento che un corpo può avere è il moto rettilineo, in cui la sua traiettoria è costituita da una retta e la legge oraria è espressa tramite la variazione nel tempo di una sola delle tre coordinate (solitamente la x); il termine...
Università e Master

Cosa è l'effetto Hall

L'effetto Hall prende il nome dal fisico statunitense Edwin Hall, che nel 1879 scoprì ed interpretò il fenomeno galvano-magnetico. Grazie a questa proprietà si riesce a determinare il segno dei portatori di carica e la loro concentrazione in un materiale...
Università e Master

Come fare una trasformazione batterica tramite shock termico

Studiare e sperimentare i concetti centrali della biologia è davvero molto interessante quanto utile. La biologia è infatti una delle discipline più affascinanti per capire così il mondo che ci circonda. Per tale motivo in questa guida affronteremo...