Come fare la trascrizione fonetica

Tramite: O2O 20/08/2017
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Ciò che segue ha lo scopo di introdurvi al uso dei simboli dell?ipa per le trascrizioni fonetiche, ponendo particolare attenzione alla pronuncia di parole italiane.
Quindi con la seguente guida cercherò di essere abbastanza chiaro e di spiegare al meglio come fare la trascrizione fonetica e di farvela capire.

27

La definizione

Per capire come fare la trascrizione fonetica bisogna analizzare bene le parole e bisogna conoscere bene le regole della fonetica. Le parole non vengono pronunciate come scritte, anche perché dobbiamo conoscere il suono delle lettere che in base a quelle vicine assumono suoni del tutto diversi. Ogni lingua ha la propria fonetica e in ogni vocabolario accanto al significato di ogni parola è riportata la sua pronuncia. Dobbiamo considerare anche la differenza di pronuncia delle parole per ogni dialetto. Infatti possiamo trovare degli esempi anche nella lingua italiana. Infatti tra il nord e il sud troviamo moltissime differenze di pronuncia delle varie parole. Un esempio è la parola doccia. Infatti al sud la lettera d si pronuncia raddoppiandola, mentre al nord questo non accade.

37

Sibilante sorda o sonora

Alla lettera alfabetica corrispondono in italiano due suoni, uno sordo [s] e uno sonoro [z], che in molti contesti si alternano secondo alcune regole precise: in posizione iniziale di parola seguita da vocale, in posizione postconsonantica e in posizione preconsonantica prima di consonante sorda si usa sempre la pronuncia sorda [s]; in posizione preconsonantica prima di consonante sonora si usa sempre [z]. In posizione intervocalica invece appaiono entrambe le pronunce, distribuite a seconda della provenienza del parlante.

Continua la lettura
47

Le nasali


Mentre in posizione prevocalica si possono usare solo i due foni [m] [n], in posizione preconsonantica, per un processo di coarti-colazione, le scelta del fono nasale dipende dal luogo di articolazione della consonante che segue. Si ha una pronuncia [m] davanti a consonante labiale [b] [p]; si ha pronuncia [n] davanti a consonante alveodentale o prepalatale [t] [d] [s] [ts] [dz] [$] [t$].

57

Affricate alveolari

I due foni corrispondenti alla ortografica [ts] [dz] sono usati in italiano con una certa variabilità individuale e regionale in posizione iniziale di parola, come in ?zio? [?tsi: o] [?dzi: o], mentre in posizione intervocalica si registra una maggiore stabilità di pronuncia, come in ?mezzo? [?m£ddzo].

67

Foni lunghe per posizione

Foni lunghi per posizione

Nell'italiano standard in posizione intervocalica sono sempre lunghi (quindi indicati due volte nella trascrizione) i seguenti 5 foni: [$] come in ?lascio? [?la$$o]; [?] come in ?veglia? [?ve??a?]; [?] come in ?bagno? [?ba??o]; [ts] come in ?colazione? [colat?tsjo: ne]; [dz] come in ?mezzo? [?m£ddzo].

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Differenze fra cinese e giapponese

Sia il cinese (attualmente il "mandarino") che il giapponese, sono due lingue molto complesse. Entrambe di origine asiatica, possono creare confusione a chi non risulta particolarmente pratico. Tra i due idiomi, però, ci sono moltissime diversità, legate...
Lingue

Consigli per imparare l'arabo

Studiare lingue è uno dei metodi migliori per conoscere nuove persone, nuove culture, studiarne la storia e avvicinarsi di più alla conoscenza di società ed individui diversi da noi. Molte sono le lingue che si possono studiare, ma quelle orientali...
Lingue

Lingua cinese: gli avverbi

Una lingua si compone di tante parti, sintassi, grafia, fonetica, ecc. Per impararla un dettaglio fondamentale da conoscere è la grammatica. Sì esatto, proprio quella che anche in italiano, fatichiamo a studiare per pigrizia ma senza la quale i nostri...
Lingue

Storia della lingua cinese

La lingua cinese è molto particolare perché differisce sia nel metodo di scrittura e lettura che nei caratteri, da quella occidentale. Per chi non ha studiato tale tipo di scrittura è impossibile leggerla. Un carattere può indicare un suono, una parola...
Lingue

Lingua ungherese: appunti di grammatica

La lingua ungherese appartiene al ceppo ugro-finnico e viene parlata in Ungheria, ma anche nelle zone circostanti come Slovacchia, Romania, Croazia, Serbia, Slovenia, Ucraina ed Austria per un totale di circa 13.6 milioni di parlanti come lingua madre...
Lingue

Giapponese: grammatica di base

Se siamo amanti delle lingue e ci piacerebbe riuscire ad imparare a parlarne diverse, sicuramente uno dei metodi più utilizzati è quello di rivolgersi ad apposite associazioni che organizzano dei corsi per l'apprendimento della lingua desiderata. Tuttavia...
Lingue

Come memorizzare nuovi vocaboli in inglese

Pur essendo la grammatica importante nello studio di una nuova lingua, la conoscenza dei vocaboli è fondamentale. Anche se qualcuno potrebbe non crederci per riuscire a parlare in inglese basta anche una conoscenza basilare della grammatica se ben supportata...
Lingue

Come leggere in giapponese

La lingua giapponese è la lingua ufficiale del Giappone e, così come il cinese, il suo apprendimento appare molto difficoltoso sia nello scritto che nell'orale. La lingua giapponese è scritta con dei segni specifici. Conoscerli è fondamentale al fine...