Come Fare La Lettura Metrica Dell'Esametro Latino

Tramite: O2O 17/10/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

Nella letteratura latina, ma anche nella poesia e nella satira, la forma metrica più utilizzata è quella dell'esametro, tanto che questo tipo di verso può essere considerato, come il saturnio, il verso cardine del latino, e con esso sono state scritte le maggiori opere di questa letteratura, come l'Eneide, o anche le Satire di Orazio e il De Rerum Natura di Lucrezio. In questa breve guida cercheremo di spiegare, nella maniera più semplice possibile, come fare la lettura metrica dell'esametro latino, cosa essenziale per leggere dei versi a scuola o all'Università senza incorrere in quegli errori di pronuncia che tanto fanno indiavolare i docenti. Assieme alla lettura, se possibile, è bene avvalersi, come in tutte le lingue, dei dispositivi audio, in modo da poter leggere correttamente senza affidarsi soltanto sui segni grafici ma anche sulla memoria uditiva.

28

Occorrente

  • Un buon dizionario di latino
  • audio letture
38

Gli accenti in latino

La parola esametro deriva dal greco ex (sei) metron (piede) e rimanda quindi a una struttura composta di sei dattili, anche se, se si vuole essere precisi, in realtà i dattili sono cinque più un piede finale formato da due sillabe la prima delle quali è sempre lunga mentre la seconda può essere lunga o breve. La struttura dell'esametro alterna una vocale lunga e due brevi (l'accento cade naturalmente sulla lunga), a questo proposito è doveroso ricordare che in latino ogni vocale, al contrario che in italiano, può avere due accenti, uno lungo, ovvero una sorta di simbolo del meno matematico (-) posto però sopra la vocale, e uno breve, simile al nostro accento aperto, quello che si usa per la è verbo per intendersi. Al posto delle due brevi è possibile trovare un'unica lunga che non viene accentata in quanto sostituisce le due brevi. Di seguito un esempio: "candida per silvam primaevo flore iuventus" che leggeremo in questo modo: "càndida pèr silvàm, primèvo flòre iuvèntus". In questo esempio gli accenti usati sono quelli gravi, ovvero quelli che vanno dall'alto verso il basso in italiano e sono apposti per facilitare la lettura quando non si è provvisti di audio.

48

Le vocali lunghe e quelle brevi in latino

Per sapere come distinguere la lettura delle vocali latine occorre innanzitutto sapere che esistono una serie di regole utili per identificare quali vocali sono lunghe e quali brevi: i dittonghi, cioè le due vocali attaccate che formano una sola sillaba, sono sempre lunghi; una vocale breve, se seguita da due o più consonanti o da una consonante doppia, diventa lunga "per posizione"; "i" e "o" finali sono generalmente lunghe, salvo qualche eccezione; la "u" finale è sempre lunga; le enclitiche ("-que", "-ne", "-ve") sono sempre brevi. Queste regole, che possono sembrare molto difficoltose, sono in realtà semplice e intuibili una volta che si è presa dimestichezza con il testo, questo perché il latino può contare su leggi grafiche e anche fonologiche abbastanza chiare e ben stabilite. Con la lettura, l'ascolto e l'utilizzo sempre più frequente di queste regole sarà un gioco da ragazzi assimilarle.

Continua la lettura
58

La metrica in latino

La letteratura è basata sull'alternanza di sillabe con o senza accento oltre che sul ritmo, quella latina sulla quantità delle vocali ed è importantissimo, nella lettura metrica, ovvero nel leggere in versi, distinguere tra le lunghe e le brevi. Infatti il numero di sillabe dell'esametro latino dipende proprio da questo. La lettura metrica altera il ritmo della parola: se per esempio si legge normalmente "Aenea" con l'accento sulla seconda sillaba in lettura metrica questo può cadere ad esempio sul primo dittongo. In pratica si tratta di libertà e licenze poetiche essenziali per poter rendere più musicale la lingua in modo da poter essere recitata o anche esposta in teatro, cosa che i romani facevano spesso essendo amanti di questa fonte di intrattenimento.Si dice breve una sillaba che contiene una vocale breve, si dice lunga una sillaba che contiene una vocale lunga o un dittongo, si dice ancipite una sillaba che può essere sia breve che lunga. Con la pratica diverrà semplice saperle individuare e man mano che si legge o si ascolta l'accento cadrà proprio dove rende il verso più musicale.

68

L'aferesi, lo Iato, la dieresi

Oltre alle regole appena descritte è bene consocere, osservare e saper riconoscere questi piccoli fenomeni linguistici, alcuni dei quali sono presenti anche in italiano, ovvero la "Sinalefe", "l'Aferesi", lo "Iato", la "Sinizesi" e la "Dieresi". Si ha la Sinalefe quando una sillaba finale terminante in "-m" si fonde con la sillaba successiva come nella frase "qui numquam amavit diventa qui numquAMavit.
L' Aferesi avviene invece quando la vocale iniziale di "es" o "est" si fonde con la parola precedente, se questa termina in vocale o "-m" come nella frase "aratro est diventa aratrEst.
Lo Iato, semplicemente, avviene quando per motivi metrici non si ha Sinalefe. La Dieresi, infine, avviene quando due vocali appartenenti a un dittongo vengono considerate separate, sciogliendo quindi il legame della sillaba e leggendole in maniera disgiunta e non congiunta ignorando in questo modo le regole di lettura fonologica dei dittonghi latini. Poena va infatti letto come pena, perché il dittongo ae si legge e, ma se si sdoppia la pronuncia, creando una specie di iato, la lettura sarà proprio POENA, evidenziando ogni singola vocale.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitarsi in due o più persone
  • ascoltare le audio letture in latino
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come accentare versi in esametro

Se frequenti un liceo, sicuramente ti troverai alle prese con le lingue classiche, cioè il latino e/o il greco. Quando si è ai primi approcci nei confronti dei versi greci e latini, si può trovare qualche immediata difficoltà, data soprattutto dall'accentazione...
Superiori

Come leggere in metrica un testo in greco antico

La metrica studia la composizione di un testo poetico. Esso è un'opera in versi di cui l'autore vuole mandare un messaggio. Il verso è è una riga di un testo ed è formato da un dato numero di sillabe che sfociano in figure metriche. In questa guida...
Superiori

Come analizzare la metrica di una poesia

La metrica è lo studio della forma di una poesia, della musicalità dei versi e del ritmo. Analizzare un testo poetico è una delle competenze da acquisire durante il secondo ciclo di istruzione. L'analisi della struttura del testo è, in genere, il...
Superiori

Come tradurre le versioni di latino

La versione di latino, è da sempre il disagio apparente, che mette in crisi migliaia di studenti del liceo. La traduzione dal latino, infatti, non è per niente semplice se non si utilizza uno schema di lavoro ben preciso e non si possiede una buona...
Superiori

Latino e greco: la costruzione della frase

All'interno di questa guida, andremo a dedicarci al greco ed al latino. Nello specifico, in questo determinato caso, ci occuperemo della costruzione della frase in queste due lingue. Quali sono le regole che stanno alla base della costruzione delle frasi...
Superiori

Come tradurre una versione di latino

Il latino è una materia molto importante, la quale può apparire odiosa perché spesso si incontrano difficoltà nel fare le traduzioni. Per risolvere questo problema basta leggere attentamente questa guida e la versione non sembrerà mai più un ostacolo...
Superiori

Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Tradurre i pronomi relativi dal latino all'italiano è un gioco da ragazzi! Basta soltanto un po' di impegno nell'analisi del giusto "caso" latino e un pizzico di pazienza nell'applicazione del complemento corrispondente. Vediamo dunque, nella guida che...
Superiori

Come migliorare la velocità di lettura

Per lettura rapida si intende la capacità di leggere velocemente un testo. Tale capacità può essere affinata mediante alcune tecniche, che possono basarsi sull'assimilazione con una sola occhiata di diverse parole, o sulla "lettura orientativa", ovvero...