Come fare la forma interrogativa in tedesco

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Quando studiamo una lingua straniera, molto spesso incontriamo qualche piccola difficoltà a livello grammaticale. Soprattutto se ci avviciniamo allo studio delle lingue germaniche, troviamo delle regole abbastanza differenti da quelle della nostra lingua, che invece è di derivazione romanza. Questo ci porta a considerare una lingua germanica come una sorta di codice indecifrabile, eppure vi assicuro che non è così. Prendiamo come riferimento la lingua tedesca. La grammatica sembra complessa per noi italiani, che troviamo questa lingua estremamente ostica. In questo pratico tutorial troveremo un valido aiuto apprendendo come fare la forma interrogativa in tedesco per memorizzarla più facilmente possibile.

29

Occorrente

  • Libro di grammatica tedesca
  • Conoscenze base di tedesco
  • Buone conoscenze sull'analisi grammaticale
  • Tanto impegno
39

Imparare a fare la costruzione della frase in tedesco con e senza pronomi interrogativi

In tedesco, la costruzione di una frase è davvero semplice, credetemi. Nella fattispecie delle proposizioni interrogative, è importante ricordare che il pronome interrogativo deve trovarsi sempre all'inizio della frase. Nella lingua tedesca, esistono 3 modi per formulare una domanda anche senza ricorrere ai pronomi interrogativi. Imparando a fare la costruzione della frase in tedesco, riusciremo a distinguere un modo dall'altro. Il primo sistema consiste nel pronunciare un'affermazione con il tono della domanda. In altre parole, sarà sufficiente innalzare l'intonazione dell'ultima parte della sentenza.

49

Primo metodo senza pronomi interrogativi: pronunciare un'affermazione in tono di domanda

Facciamo qualche esempio di affermazione/domanda per capire meglio il primo metodo di creazione della forma interrogativa in tedesco. Nella proposizione "Du hast hunger?", che in italiano traduciamo con "Hai fame?" troviamo una classica frase affermativa che precede il punto di domanda. Lo stesso dicasi nel caso di "Du kommst aus Italien?", che tradurremo con "Tu vieni dall'Italia?". A livello grammaticale non cambia nulla tra una domanda e un'affermazione. La sola differenza sta nel segno di interpunzione. Le affermative di questi due quesiti saranno infatti "Du hast hunger" e "Du kommst aus Italien".

Continua la lettura
59

Secondo metodo senza pronomi interrogativi: formulare una domanda retorica

Il secondo metodo che possiamo usare per fare la forma interrogativa in tedesco consiste nella cosiddetta "domanda retorica". Questo tipo di proposizione interrogativa si utilizza con poca frequenza, ma è sempre meglio ricordarla, qualora trovassimo qualche esempio sui libri o in altri testi. Una domanda retorica comporta una risposta affermativa, tant'è che si compone come una frase enunciativa. Vediamo con gli esempi qual è la regola della domanda retorica. Nella frase "Anna wohnt in Meiland, nicht?", traducibile con "Anna abita a Milano, no?" ci aspettiamo che l'interlocutore vada contro al nostro "no" con un "Sì abita lì". Anche nella domanda "Das Hotel ist am Potsdamerplatz, nicht wahr?", che tradurremo con "L'hotel è a Potsdamerplatz, non è vero?" ci aspettiamo una risposta del tipo "Sì, si trova proprio lì".

69

Terzo metodo senza pronomi interrogativi: invertire l'ordine soggetto/verbo

Il terzo metodo, che i tedeschi utilizzano più frequentemente, ci permette di trasformare un'affermazione in domanda. Ciò è possibile se andiamo ad effettuare un'inversione dell'ordine soggetto/verbo. A tal proposito, la regola che dobbiamo assolutamente ricordare è che, per la frase enunciativa, il verbo occupa sempre il secondo posto. Se dobbiamo formulare una domanda, sarà sufficiente spostare il verbo al primo posto, inserendo il soggetto subito dopo di esso. Ad esempio, nelle frasi "Wohnt Anna in Meilan?" e "Ist das Hotel am Potsdamerplatz?" possiamo notare l'inversione soggetto/verbo in favore di due proposizioni interrogative. In italiano non cambia nulla, infatti tradurremo rispettivamente con "Anna vive a Milano?" e "L'hotel è a Potsdamerplatz?".

79

Utilizzare i pronomi interrogativi

I tre metodi che abbiamo visto poc'anzi sono semplici e immediati per fare domande in lingua tedesca. Ciononostante, l'uso dei pronomi interrogativi si rivela una scelta sicuramente più opportuna in alcuni casi. I principali pronomi interrogativi sono i seguenti:
- Wer? (chi);
- Was? (cosa);
- Wann? (quando);
- Warum? (perché);
- Wie? (come);
- Wo? (dove);
- Wieviel? (quanto).
Quando ci sono i pronomi interrogativi all'interno di una frase, allora il verbo rimane al secondo posto come nelle affermazioni, mentre il pronome si colloca all'inizio. Volendo fare alcuni esempi, potremmo usare le seguenti frasi: "Warum ist es geschlossen?" (Perché è chiuso?), "Wer bist du?" (Chi sei?), "Was willst du?" (Cosa vuoi tu?), "Wo ist der Bahnhof?" (Dov'è la stazione?).

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per memorizzare meglio le regole in tedesco, annotiamole in piccole schede che potremo consultare al momento del ripasso.
  • Cominciamo con laformulazione di domande semplici, per poi passare a proposizioni interrogative più complesse.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

La forma interrogativa in svedese

Lo svedese è una lingua non diffusa nel mondo e che si parla solo in Scandinavia, tuttavia potrebbe essere necessario impararla, poiché specie per i giovani, ci sono tantissime opportunità di lavoro, visto che si tratta di un paese che vanta un'economia...
Lingue

Francese: la forma interrogativa

La forma interrogativa è importante in quanto ci dà la possibilità di conversare, chiedere informazioni, pareri e indicazioni. In francese, la costruzione della forma interrogativa si articola in ben tre modi per l'intero completamento è indispensabile...
Lingue

La forma interrogativa in spagnolo

Nella lingua italiana quando si utilizza la forma interrogativa è necessaria un'intonazione particolare della voce per far capire che si sta facendo una domanda. Nella lingua spagnola esistono delle caratteristiche diverse: l'impostazione della domanda,...
Lingue

La forma interrogativa in francese

Prendendo come riferimento il francese e l'italiano, sono presenti delle differenze anche nella realizzazione della forma interrogativa. Per questo motivo, bisogna avere un po' più di attenzione nel cercare di esprimersi in modo corretto.Nella presente...
Lingue

La forma interrogativa in arabo

La scelta di studiare in modo approfondito una lingua straniera, oggi è più che mai un'esigenza. Le lingue orientali affascinano sempre di più, ed impazzano sul web numerosi tutorial e suggerimenti su come formulare frasi specifiche. Se state iniziando...
Lingue

La forma interrogativa in russo

La lingua è l'insieme di suoni, parole, locuzioni e costrutti logicamente collegati ed ordinati tra loro. Di questi ci serviamo per esprimerci e comunicare con gli altri. La lingua ha una doppia funzione. Risulta fondamentale nella vita di tutti i giorni....
Lingue

La forma interrogativa in inglese

Negli ultimi anni, conoscere e parlare bene lingue straniere è davvero molto importante. Soltanto in questo modo è possibile viaggiare tranquillamente all'estero e cercare lavoro quasi dovunque. Tra le numerose lingue esistenti, quella da conoscere...
Lingue

La forma interrogativa in greco

Come l'italiano, anche il greco, vanta di una grammatica che va studiata attentamente. In greco, infatti, sono tante le forme da conoscere per far sì che, tra le tante cose, possiate essere in grado di tradurre versioni greche. A scuola, soprattutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.