Come fare la divisione in sillabe in latino

tramite: O2O
Difficoltà: media
110

Introduzione

-Qual è il senso di studiare una lingua "morta"?- Questa è la domanda che si pone la maggior parte degli studenti quando si trovano alle prese con lo studio della lingua latina. Questa, infatti, è una lingua molto antica che, col passare del tempo, ha dato vita ad altre lingue come lo spagnolo, il portoghese, il rumeno, il france e, soprattutto, l'italiano! È una lingua completa e complessa, per questo vi proporremo dei piccoli suggerimenti per poter fare, più semplicemente, la divisione delle sillabe latine.

210

Occorrente

  • Un dizionario ed un buon libro di grammatica latina
310

L'alfabeto latino

Innanzitutto, prima di procedere con la divisione in sillabe, è necessario conoscere l'alfabeto di questa lingua: sono 23 lettere, ognuna definita "littera". È simile alla lingua italiana, differenziandosi, però, per la mancanza delle lettere "J", "W" e "U". Il segno "K", invece, è molto raro, mentre "Y" e "Z" vengono introdotti più tardi rispetto all'origine dell'alfabeto.

410

La pronuncia

Leggere il latino non è facile come leggere l'italiano, perciò è molto importante studiarne anche la pronuncia, come in qualsiasi altra lingua. Sono diverse le regole da seguire e ognuna di essere deve essere imparata per bene per poter, successivamente, imparare a dividere le sillabe latine.

Continua la lettura
510

Il dittongo

Le lettere "ae" o anche "oe", i dittonghi, vanno lette con la pronuncia "e". Quindi, ad esempio, la parola "rosae" in latino, sarà letta "rose". Tra i dittonghi ricordiamo anche "ae", "ou", "eu", "oe".
NOTA BENE: Se sulla vocale "e", vi è la dieresi, ovvero il simbolo di due puntini sovrapposti alla lettera, allora non bisognerà pronunciare il dittongo, come la parola "poëta".

610

I gruppi "ph", "gl" e "ti+vocale"

I seguenti gruppi andranno pronunciati in tal modo:

"Ph" andrà pronunciato come la lettera "F", come accade per la parola "philosophus". "Gl", invece, andrà letto singolarmente, come per la parola italiana "glicine". Se abbiamo le lettere "Ti" seguite da una vocale, come per la parola "sapientia", allora dovrà essere pronunciata come la lettera italiana "Z". Contrariamente accade se sarà seguita da consonante o se la "I" è accentata.

710

Le sillabe brevi e lunghe

Le parole latine sono divise in sillabe, perciò la divisione è fondamentale per poter comprendere l'accento della singola parola. Le sillabe, in latino, si dividono in "brevi" e "lunghe: le brevi, per l'appunto, contengono una vocale breve, che non è seguita da una consonante. Le lunghe, invece, contengono vocali lunghe, oppure esse vengono seguite da una consonante che fa parte della sillaba stessa.

810

Conclusione

È molto importante, a tal punto, comprendere la differenza tra le sillabe lunghe e quelle brevi, perché vi permetterà di poter comprendere l'accento della parola e, soprattutto, di poter procedere con la divisione della parola. In questo modo, lo studio del latino, diventerà ancora più facile.

910

Guarda il video

1010

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'esercitazione è fondamentale per poter comprendere e velocizzare la divisione in sillabe
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Risolvere I Casi Particolari Della Divisione Con I Numeri Relativi

I numeri relativi fanno parte di una categoria di numeri certamente molto utilizzata in matematica. Molti, infatti, sono gli ambiti in cui essi trovano applicazione. Tra le operazioni fondamentali che possono essere fatti con i numeri relativi si colloca...
Superiori

Come fare una divisione senza calcolatrice

La calcolatrice è un utile strumento elettronico dotato di un display e di una tastiera numerica, che consente di svolgere molto rapidamente moltissime operazioni matematiche. Abituarsi alla calcolatrice, può spesso far dimenticare totalmente il procedimento...
Superiori

Come risolvere una divisione tra numeri relativi

I numeri relativi sono molto utili in matematica. L'insieme dei numeri relativi è denotato con la lettera Z e racchiude l'insieme dei numeri naturali, ovvero: 1,2,3.., quello dei reali negativi, ovvero -1, -2, -3... E in più lo 0. Anche se questi numeri...
Superiori

Come risolvere una divisione tra polinomi

La matematica è una materia piuttosto complessa e difficile da capire, per la maggior parte delle persone. Soprattutto se da piccoli non si hanno avute delle solide basi per poter capire argomenti più complessi. Tra i vari argomenti di matematica forse...
Superiori

Come effettuare una divisione tra numeri complessi

Gli studenti, a volte, faticano a comprendere alcune operazioni matematiche, non sempre per colpa loro, spesso è colpa della spiegazione troppo complicata che gli viene fatta in classe. Per questo motivo, nei passaggi seguenti, vi daremo alcuni consigli...
Superiori

Come risolvere una divisione tra due monomi

I monomi sono delle espressioni algebriche, al cui interno non sono presenti particolari simboli di contrariamente a quanto avviene per i polinomi. Quest'ultimi infatti sono delle somme di monomi. Premesso ciò, con i monomi è possibile invece effettuare...
Superiori

Come risolvere una divisione tra numeri decimali finiti

I numeri decimali fanno parte della matematica a tutti gli effetti, proprio come accade con i numeri naturali. In particolare, i decimali finiti (per esempio 3.1, 4.2) sono quei numeri che, dopo la virgola, presentano un "determinato" numero di cifre....
Superiori

Come Fare La Lettura Metrica Dell'Esametro Latino

Nella letteratura latina, ma anche nella poesia e nella satira, la forma metrica più utilizzata è quella dell'esametro: Omero nell'Iliade, Virgilio nelle Georgiche, Esiodo e molti altri autori si sono espressi attraverso l'esametro che è, tra le varie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.