Come fare grafici di funzioni a due variabili

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Nelle matematiche di livello superiore non è raro imbattersi in funzioni a due o più variabili. Le considerazioni e le procedure fatte per le funzioni a variabile singola sono molto simili. Le differenze più chiare si notano, infatti, nella rappresentazione grafica. Lo studio di funzione si complica non poco e il margine di errore aumenta considerevolmente. Tuttavia, con un po di pazienza e 5 minuti del vostro tempo, riuscirete a risolvere questo problema. Come? Seguendo questa guida su come fare grafici di funzioni a due variabili.

27

Occorrente

  • Computer
  • Connessione Internet
37

Come accade nel caso di funzioni di una sola variabile, la prima cosa da fare è capire in quale sottoinsieme essa è definita. Determinare il dominio di funzioni a due variabili non è difficile. Esso è il punto di partenza per poter studiare qualsiasi caratteristica della funzione. Iniziamo, scaricando il trial di Advantix Calculator 3.0 da Internet da uno dei siti che lo offrono gratuitamente. Il file di installazione si trova in DISK1 e si chiama SETUP. EXE.

47

Aprite il programma e vi troverete davanti una schermata. Il primo passo, è quello di scrivere la nostra funzione. Per farlo cliccate su Function... Potete inserire la funzione nel riquadro "Definition" e poi cliccare su Add. Il programma vi chiederà di dare un nome alla funzione: scrivete il nome che preferite e tra parentesi indicate le variabili della funzione separate da una virgola. Ad esempio, se la funzione è z = x y scrivete x y in Definition e z (x, y) in Add.

Continua la lettura
57

A questo punto possiamo tracciare il grafico della nostra funzione a due variabili.. Cliccate, qundi, su Graphic e dall'elenco Types scegliete Surface. La vostra funzione apparirà sul lato, cliccatela, schiacciate su Add. Inserite in Interval, gli intervalli in cui vi interessa disegnare la funzione, separando gli estremi con una virgola. Infine, cliccate sul pulsante Graphic, in basso accanto a Clear, per vedere finalmente apparire il vostro grafico. Se per caso il grafico non viene rappresentato ed appare un segnale d'errore, probabilmente significa che nell'intervallo selezionato ci sono punti di discontinuità. Solitamente il programma non riesce a gestire tali punti; Procedete, quindi, modificando gli estremi.

67

Per vedere il grafico da diverse angolazioni, potete ruotarlo utilizzando le freccine rosse al lato. Nella sezione Function, potete scrivere diverse funzioni selezionandole nella sezione Graphic. Ciò vi permetterà di fornire una rappresentazione analitica del dominio D, scrivendo cioè le soluzioni del sistema considerato analiticamente. Osservazione: da notare che abbiamo suggerito di limitarci a rappresentare la frontiera dell'insieme delle soluzioni di ciascuna condizione del sistema. Una tale scelta è molto importante dal punto di vista pratico, perché permette di evitare di appesantire il disegno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare il piano tangente in un punto ad una funzione di due variabili

La matematica risulta essere alla base dei problemi quotidiani in cui ci si può incappare, quindi studiarla aiuta a conoscere e a sapere. Prendendo in considerazione l'analisi matematica si sa che essa è lo studio delle funzioni di più variabili, utilizzando...
Università e Master

Come calcolare il gradiente di una funzione in n variabili

L'esame di matematica si avvicina e ancora arrancate? La matematica universitaria non è più come quella delle superiori? Niente paura perché, in realtà, è tutto il contrario. Oggi infatti ci leveremo un sassolino dalla scarpa, con questa guido impareremo...
Università e Master

Come svolgere uno studio di funzione in 2 variabili

Quanti di noi, all'università, sono incappati in una funzione matematica a più variabili? Magari è proprio lo studio di quest'ultima che vi ha impedito di superare l'esame di Analisi Matematica 2 e siete disperati perché non riuscite in nessun modo...
Università e Master

Come risolvere un'equazione differenziale a variabili separabili

Vediamo insieme come risolvere un'equazione differenziale a variabili separabili: si trovano in alcune discipline. Di solito riguardano l'ingegneria è un concetto di equazione differenziale si presenta in vari contesti teorici e applicativi è fondamentale...
Università e Master

Diritto Costituzionale: le funzioni del Parlamento

Siete degli studenti alla ricerca di informazioni di Diritto Costituzionale? Magari volete sapere in poche righe qual è la struttura del Parlamento e quali sono le sue funzioni. Se la risposta è sì, siete nel posto giusto. Il Parlamento è il corpo...
Università e Master

Come utilizzare le mappe di Karnaugh

La mappa di Karnaugh è un metodo di rappresentazione esatta di sintesi di reti combinatorie a uno o più livelli. Una tale mappa costituisce una rappresentazione visiva di una funzione booleana in grado di mettere in evidenza le coppie di mintermini...
Università e Master

Come superare l'esame di microeconomia

La Microeconomia è una branca dell'economia che si interessa di studiare il comportamento degli individui e delle piccole organizzazioni. Di solito essa si applica per i mercati dove beni o servizi sono acquistati e venduti, ed esamina come le decisioni...
Università e Master

Come calcolare l'errore quadratico medio di un campione di misure

Il calcolo dell'errore quadratico medio di un campione, insieme al calcolo di scarto, deviazione standard, covarianza e correlazione, è uno dei pilastri fondamentali del calcolo degli errori. Che stiate affrontando questo argomento perché necessario...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.