Come fare e scrivere la sillabazione in italiano

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La lingua italiana non è semplice da imparare e da parlare correttamente. Delle buone basi e un buon professore però potranno certamente aiutare per facilitare la comprensione e l'apprendimento. Una delle prime cose che si imparano per apprendere meglio la nostra lingua è la cosiddetta sillabazione. La sillabazione, meglio conosciuta come suddivisione in sillabe, è uno degli tanti argomenti che ogni bambino si troverà sicuramente ad affrontare tra la prima e la seconda elementare. Per maestre e genitori, si tratta tutto sommato di un argomento abbastanza semplice da far apprendere agli scolari e consiste nel dividere le parole in più particelle, le quali possono variare a seconda della lunghezza e della composizione della parola stessa. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come fare e scrivere la sillabazione in italiano. Vi daremo utili suggerimenti che vi permetteranno di studiare in totale autonomia. Mettiamoci all'opera.

25

Categorie di sillabazione

La suddivisione in sillabe si compone di tre categorie: consonante + vocale; per gruppi di consonanti e per gruppi di vocali. Nella divisione in sillabe per consonante + vocale, le strutture formate da una consonante e una vocale sono dette sillabe. Alcuni esempi di suddivisione sono ca-de-re, pa-ta-ta, ba-na-na, la-vo-ro, po-mo-do-ro. Una seconda categoria è "Divisione in sillabe: vocale a inizio parola + consonante". La prima vocale di una parola, quando è seguita da una sola consonante, costituisce anche essa una sillaba. Per esempio: u-no, a-pe, i-so-la, e-go. Esiste però un'eccezione a questo modo di sillabare: le parole che iniziano per vocale seguita da una doppia consonante divisibile. Alcuni esempi: et-to, as-so, at-to, fa-to.

35

Suddivisione per gruppi

Nella suddivisione per gruppi di consonanti, si preparano i gruppi di consonanti doppie. Per esempio: cas-sa, pet-to, sil-la-be. Si dividono anche le parole con cq come acqua. Non si separano gli altri gruppi di consonanti che formano un suono unico, come ch, gn e gl seguito da vocale. Esempi: a-glio, po-che, la-gna. Non si separa la consonante s quanto è seguita da un'altra consonante. Alcuni esempi: re-spi-ro, a-scia, pe-sca. Le consonanti l, m, r en vanno separate dalla consonante che le segue: Esempi: mol-to, ar-ma, am-bra, an-ca. I gruppi di consonante che si possono trovare sia all'inizio di una parola che al suo interno, vanno tenuti insieme. Un esempio è costituito dal gruppo pr e da quelli str e cr. Per esempio: pren-de-re, a-pri-re.

Continua la lettura
45

Divisione in sillabe

Infine, nella divisione in sillabe per gruppi di vocali la sillabazione dei gruppi di vocali presenta delle complessità. Le vocali che formano un dittongo vanno tenute insieme: pau-sa, pio-ve. Le vocali che formano uno iato sono oggetto di sillabazione: Ma-ri-a, cu-i, A-o-sta. Categoria: "Divisione in sillabe: apostrofi". Per quanto riguarda i termini con l'apostrofo, non vi è una regola di sillabazione certa. LA cosa migliore, pertanto, è dividere la parola successiva. Per esempio: dell'a-mo-re.
La sillabazione è una parte molto importante per capire la cadenza di ogni parola, come vengono divise quando scrivendo si va da un capo all'altro. L'esercizio costante in questa materia potrà portarvi dei grandi benefici per l'apprendimento, aiutandovi così a parlare meglio l'italiano. Vi auguro quindi buono studio.
A presto.

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Italiano: come dividere le parole in sillabe

Sembra facile dividere le parole in sillabe, però esiste qualche parola abbastanza complicata. Non sempre risultano chiari i principi tramite cui suddividere le parole in sillabe. Fin dalle scuole elementari si insegna questa divisione, ma fino a che...
Elementari e Medie

Come Usare L'interpunzione In Italiano: Il Punto E La Virgola

Scrivere in italiano corretto è davvero molto importante, soprattutto in ambito professionale, ma è una competenza che troppo spesso viene sottovalutata o presa alla leggera. Chi desidera scrivere bene in italiano deve comprendere, in primo luogo, che...
Elementari e Medie

Come evitare di fare errori in un compito di italiano

Cari lettori e lettrici, se siete giunti fin qui è perché avete bisogno di aiuto con i compiti di italiano. Un compito di italiano ha bisogno che vengano rispettate delle regole, necessariamente non si devono fare certi errori e compiere certi sbagli;...
Elementari e Medie

Come esprimersi correttamente in italiano

Oggi come oggi l'italiano non viene più parlato e scritto in forma corretta, molto probabilmente perché si è diffuso, soprattutto tra i giovani il linguaggio degli sms e di internet ed anche perché leggere è diventata un'azione obsoleta, sostituita...
Elementari e Medie

10 regole per parlare bene l'italiano

Si possono fare tante affermazioni sulla lingua italiana: è poetica, è ricca di vocaboli, è interessante, è composta, è antica e bella. Ma non si può sicuramente affermare che l'italiano sia una lingua semplice: tutt'altro. Infatti, nonostante sia...
Elementari e Medie

Come Formare Il Plurale In Italiano: Nomi Che Finiscono In -a

Nella lingua italiana, gran parte dei nomi presenta una forma per il singolare e una per il plurale. L' elemento che distingue il singolare dal plurale è la desinenza. La desinenza è la lettera finale del nome di persona, di animale o di cosa.Esercitandovi,...
Elementari e Medie

Come coniugare i congiuntivi in italiano

La grammatica italiana si compone di diverse regole ed eccezioni. Lingua neolatina conta svariati tempi e modi verbali. Il primo approccio all'italiano sarà sicuramente traumatico, specie con il congiuntivo, difficile da coniugare anche per i madrelingua....
Elementari e Medie

Come riconoscere le diverse funzioni del CHE in italiano

Nella lingua italiana, la particella "che" può svolgere tre diverse funzioni principali: aggettivo, congiunzione o pronome. Imparare a riconoscere queste tre funzioni è importante per poterne fare un uso corretto, sia nell'italiano parlato che scritto....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.