Come esprimere le ore In Cinese

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Attraverso questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter esprimere, al meglio, le ore in cinese. Iniziamo subito con il dire che nella lingua cinese esistono moltissime possibilità di giungere a costrutti semantici particolarmente potenti, attraverso semplici meccanismi sintattici. Esiste, per esempio, il raddoppiamento di termini per aumentarne l'enfasi espressiva oppure la derivazione di termini evoluti a partire da parole di base, attraverso l'applicazione di suffissi particolari. Continuando nella lettura dei passi scopriremo qual è il meccanismo linguistico corretto per esprimere le ore della giornata In Cinese.

26

Occorrente

  • dizionario
  • pratica
36

La prima domanda a cui imparerete a rispondere è " Ji dian?", che letteralmente significa quante ore?. Dovete poi completarla con la terza persona plurale del tempo presente indicativo del verbo essere, ovvero sono, oltre che intenderla correttamente in senso interrogativo. Nello specifico, l'ora esatta, che non deve essere completata dall'indicazione dei minuti o secondi, dovete esprimerla utilizzando i numeri cardinali seguiti dalla parola dian (ora). Quindi per tradurre sono le cinque, dovete solamente dire wu dian, dato che il numero cinque si dice wu.

46

Sapendo che sette e dieci dovete rappresentarli rispettivamente con i vocaboli qi e shi, sono le sette piuttosto che sono le ore dieci, dovete iniziare a tradurli agevolmente nella lingua cinese con le seguenti espressioni: "qi dian", nel primo caso e "shi dian", per il secondo. Nel caso in cui sia per voi estremamente necessario specificare se state facendo riferimento alla prima parte della giornata solare oppure alla seconda, anche in cinese (come notoriamente, ad esempio, nella lingua inglese/americana) lo potrete fare con estrema facilità. Quello che in inglese in genere è di certo a. M. / p. M., mentre nella lingua cinese lo potete ottenere sostanzialmente attraverso le parole zaoshang / wanshang, che dovete inserire prima di riferire il numero cardinale dell'ora e il termine dian.

Continua la lettura
56

Quindi le dieci di mattino dovete tradurle con zaoshang shi dian. Nel caso in cui oltre all'indicazione dell'ora dovete precisare anche minuti e secondi, cercate di mettere, sempre sfruttando numeri cardinali, tutti in fila dopo l'indicazione dell'ora. I minuti vanno seguiti dal vocabolo fen, mentre i secondi vanno seguiti dal vocabolo miao. Se dovete quindi tradurre sono le cinque, sette minuti e dieci secondi, dovete dire "Wu dian qi fen shi miao". Basta poco e con questa guida, semplice e veloce, anche voi sarete finalmente in grado di capire e dire le ore in cinese!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come tradurre i nomi dal cinese all'italiano

La lingua cinese è un idioma molto affascinante e per alcuni versi anche abbastanza difficile da apprendere per un madrelingua italiano. Naturalmente è vero anche il contrario; stiamo parlando di un lingua antichissima che prevede l’utilizzo di ideogrammi...
Lingue

Lingua cinese: la frase passiva

Al giorno d'oggi, conoscere diverse lingue straniere è diventato quasi indispensabile per entrare a far parte del mondo del lavoro, specialmente se si intende scegliere un lavoro che richiede di intraprendere rapporti con colleghi che svolgono le proprie...
Lingue

Lingua cinese: la struttura della frase

La lingua cinese, dal punto di vista della pronuncia, dei toni e della scrittura dei caratteri si presenta in modo completamente differente rispetto a quella italiana. La prima cosa che salta subito all'occhio, infatti, è l'utilizzo di un alfabeto nettamente...
Università e Master

Come Esprimere I Confronti In Cinese

Lo studioso delle lingue dell'oriente, durante l'apprendimento della complicata lingua cinese, si ritrova certamente di fronte ad un linguaggio di elevato interesse, che associa una grammatica non eccessivamente complessa ad una ricchezza quasi illimitata...
Lingue

Come evitare di fare errori in cinese

Il cinese è una delle lingue più complicate e più difficili da imparare. Solitamente quando si viaggia e ci si trova il luogo in cui si parla il cinese, l'unica lingua per poter comunicare se non si conosce il cinese è l'inglese. Chi si avvicina a...
Lingue

Lingua cinese: le basi

Come voi lettori e lettrici ben saprete, la lingua cinese è una fra le più antiche lingue di tutto il mondo e fa parte di quelle lingue asiatiche che vengono definite come "sino-tibetane". Infatti il cinese non è solo una lingua, ma un insieme di dialetti...
Lingue

Differenze fra cinese e giapponese

Sia il cinese (attualmente il "mandarino") che il giapponese, sono due lingue molto complesse. Entrambe di origine asiatica, possono creare confusione a chi non risulta particolarmente pratico. Tra i due idiomi, però, ci sono moltissime diversità, legate...
Lingue

Appunti di fonetica cinese

Il cinese (汉语汉语o, Hànyǔ) è un gruppo di varietà linguistiche correlate, molte delle quali sono mutuamente intelligibili. Originariamente il linguaggio degli Han in Cina, costituiva uno dei rami principali della famiglia linguistica sino- tibetana,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.