Come eseguire una prospettiva accidentale

Tramite: O2O 05/06/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

La prospettiva accidentale è stata introdotta dal grande Brunelleschi, nella pittura del Quattrocento italiano, e ha cambiato radicalmente il modo di rappresentare la realtà e con essa la percezione vera e propria del mondo che ci circonda. Se osserviamo la natura o un paesaggio urbano, ci possiamo accorgere che difficilmente gli oggetti hanno un lato parallelo al piano di proiezione. La prospettiva aiuta appunto l?artista a regolare questa disposizione ?accidentale? degli oggetti, a far in modo quindi che il piano prospettico non sia parallelo alla parete frontale. Al giorno d'oggi, i metodi di rappresentazione sono classificati in proiezioni parallele o cilindriche e proiezioni ortogonali o coniche. Nelle proiezioni parallele il centro di proiezione è situato all'infinito, ovvero i raggi proiettanti sono tutti paralleli fra loro. Fanno parte di questo gruppo, quindi, le proiezioni ortogonali, come quelle utilizzate nel metodo del Monge, e le assonometrie, siano esse oblique o ortogonali. Se il centro di proiezione è posizionato a distanza finita, parleremo di proiezioni prospettiche: qualora il quadro sia posto parallelamente ad uno dei lati principali da rappresentare, la prospettiva sarà frontale, con un unico punto di fuga, se invece il quadro è obliquo, la definiremo prospettiva accidentale. Quest'ultima, come possiamo dedurre, consta di almeno due punti di fuga posti a distanza finita. Nella prospettiva accidentale, a differenza di quella centrale, le linee convergono verso i punti focali laterali. Vediamo ora come eseguire una prospettiva accidentale di un cubo.

27

I fuochi

Ricordando che una delle regole fondamentali della prospettiva afferma che le rette parallele convergono nello stesso punto sulla linea di orizzonte, possiamo procedere individuando i due fuochi principali, disegniamo poi la Linea di Terra orizzontale e su questa posizioniamo i due punti di fuga F1 e F2. Tracciamo quindi lo spigolo del cubo perpendicolare alla Linea di Terra. Congiungiamo ora con delle linee oblique (dette linee prospettiche) i fuochi F1 e F2 con gli spigoli per primo vertice del cubo. Disegniamo ora i restanti spigoli del cubo paralleli al primo.

37

Le altezze

Come per la prospettiva centrale le altezze si sviluppano in verticale (come segmenti perpendicolari alla Line di Terra) e la loro altezza si può prendere in dimensione reale solo sulla linea di terra. Per alzare una figura quindi è meglio procedere disegnando le altezze possibili nei suoi vertici principali. Una volta fissata l?altezza stabilita sullo spigolo sulla LT le altezze negli altri punti saranno determinate dall'intersezione con i raggi che puntano al fuoco (da scegliere in base al parallelismo con i lati).

Continua la lettura
47

Risultato

Ecco ottenuto il nostro cubo in prospettiva accidentale. Questo metodo di rappresentazione è intuitivo e abbastanza facile anche per chi è alle prime armi: basta un po' di esercizio per ottenere grandi risultati. Analogamente a quello che abbiamo fatto per il cubo, infatti, possiamo scomporre gli elementi che intendiamo disegnare in solidi semplici: parallelepipedi, piramidi, coni, etc. Una volta fatta questa procedura, stabiliamo la Linea di Terra e i due fuochi e partendo da un vertice, procediamo proiettando i raggi prospettici.

57

Consigli per evitare l'aberrazione prospettica

Per evitare di ottenere figure sproporzionate o dalle dimensioni irreale, è utile posizionare l?oggetto in modo che l?asse visuale (cioè la retta passante per punto di vista e perpendicolare al quadro prospettico) colpisca l?oggetto al suo interno (ovviamente nel suo lato di maggiore interesse) pe per assicurare che l?oggetto abbia una posizione compresa tra i due fuochi, altrimenti la deformazione che si ottiene è estrema. Pertanto i fuochi nei disegni in prospettiva accidentale dovranno essere sempre molto distanti tra loro in modo tale che i volumi siano più proporzionati soprattutto se posizionati leggermente lontani dall'osservatore (sulla linea di terra infatti è facile che gli oggetti si deformino se i fuochi non sono sufficientemente lontani).

67

Conclusione

La prospettiva accidentale è il modo migliore per rappresentare in modo realistico nature morte, oggetti e paesaggi. Attenzione però a non incorrere in errori banali, quali ad esempio l'aberrazione prospettica: per approssimare nel modo migliore l'immagine che i nostri occhi percepiscono, il cono visuale, cioè l'insieme dei raggi visuali che partono dall'occhio dell'osservatore-tipo, deve essere ragionevolmente piccolo, ovvero circa 30°/40°. Un trucco per individuare il punto di vista ottimale è considerare una distanza del Piano Verticale dal quadro prospettico pari a 1 - 1,5 volte la dimensione massima dell?oggetto da rappresentare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come disegnare un parallelepipedo in prospettiva centrale

All'interno di questa guida parleremo di disegno. Nello specifico, il tema centrale che tratteremo, come avrete sicuramente già letto dal titolo della guida, sarà come disegnare un parallelepipedo in prospettiva centrale. La guida sarà composta da...
Superiori

Come disegnare un parallelepipedo con la prospettiva centrale

La prospettiva è una sezione molto affascinante del disegno tecnico, che ci consente di poter disegnare un oggetto in modo davvero molto realistico, proprio come se stessimo guardando lo stesso dalla sua faccia principale. Il "trucco" risiede nel dare...
Superiori

Come ricavare la prospettiva di un cerchio

Non sai come poter ricavare la prospettiva di un cerchio? Niente paura, basta leggere e seguire i semplici e pratici passi illustrati in questa guida per poterci riuscire. Si tratta di un metodo molto pragmatico ed intuitivo, grazie al quale riuscirai...
Superiori

Come si disegnare la prospettiva di una piramide in base triangolare

All'interno di questa guida andremo a parlare di disegno prospettico. Nello specifico, ci occuperemo di come disegnare la prospettiva di una piramide in base triangolare. Lo faremo in modo semplice e preciso, in modo tale da offrirvi una guida completa...
Superiori

Come disegnare una prospettiva centrale

Tante volte, quando si intraprende la facoltà di belle arti, può capitare che uno dei nostri tanti professori, ci chieda di disegnare in prospettiva centrale. Tuttavia, in molti credono di sapere cosa sia questa tipologia di disegno, ma contrariamente...
Superiori

Come disegnare un prisma esagonale in prospettiva centrale

La tecnica della prospettiva permette di disegnare oggetti tridimensionali su un piano restituendo una visione molto simile a quella reale poiché riesce a trasmettere la percezione della profondità. Il tipo di prospettiva dipende dalla posizione di...
Superiori

Come disegnare una piramide quadrata in prospettiva centrale

La prospettiva centrale ti consente di rappresentare un oggetto in maniera estremamente realistica. In particolare, nella prospettiva centrale, è come se tu osservassi l'oggetto in questione davanti alla sua faccia principale. Lo scopo, è quello di...
Superiori

Come eseguire la sottrazione tra frazioni

Per chi è un po' arrugginito con la matematica, questa guida spiegherà meglio come si fanno le operazioni tra le frazioni. In particolare ci soffermeremo sulla sottrazione tra due frazioni. La frazione è composta da due numeri che rappresentano le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.